Passa ai contenuti principali

Emozioni di Gianni Donaudi: RICORDO DI PIERO SIMONDO


E mancato a Torino, dove risiedeva da decenni l artista situazionista PIERO SIMONDO - Nato a Cosio d Arroscia ( Imperia ) nel 1928, si era trasferito giovanissimo nel capoluogo subalpino, dove aveva frequentato l Accademia Albertina ed era stato tra gli allievi del celebre CASORATI ( che aveva già influito sull artista GUIDO SEBORGA HESS residente nel Ponente Ligure ). Si era poi iscritto alla Facoltà di Filosofia dove aveva incontrato ELENA VERRONE sua futura compagna di vita. Recandosi ad Alba ( Cuneo ) incontreranno PINOT GALIZIO con il quale inizieranno un importante sodalizio artistico. Nel 1955 con il Galizio e con il danese ASGER JORN, residente ad Albisola Mare fonda il Laboratorio di Esperienze Immaginiste e più tardi organizza con loro il 1° Congresso Mondiale degli Artisti Liberi. Nel 1957, in vacanza nella sua casa di Cosio d Arroscia, PIERO SIMONDO incontra il francese GUY DE BORD e MICHèLLE BERNSTEIN ( parente del celebre dirigente socialdemocratico di inizio 900) e con altri ( gli stessi PINOT GALLIZIO, ASGER JORN, WALTER OLMO,RALPH RUMNEY) sarà tra i fondatori dell Internazionale Situazionista( che purtroppo sarà animata da profondi contrasti interni, fino allo scioglimento ). Nel 1962 fonda a Torino il C.I.R.A. ( Centro Internazionale di Ricerche Artistiche) e a partire dal 72 ha lavorato all università del capoluogo subalpino presso l Istituto di Pedagogia e ha tenuto la cattedra di Metodologia e didattica degli Audiovisivi . Il Situazionismo raccolse in parte l eredità di quel filone estetico che era già stato del Futurismo, del Dadaismo, del Lettrismo e del Surrealismo di BRETON e di ARAGON e se come gruppo organizzato ebbe breve durata, ebbe, epperò, un profondo eco negli ambienti culturali più all avanguardia. La teoria della Societé du Spettacle di GUY DE BORD influì su molti intellettuali non conformisti ( tra i quali l americano NOAM CHOMSKY ) . Il Situazionismo venne studiato in tutto il mondo. In Italia si interessarono del Situazionismo penne come PINO BERTELLI di Piombino(LI), fondatore della rivista " Tracce" , GIORGIO AMICO di Savona, DONATELLA ALFONSO ( della redazione genovese di "Repubblica" ) e diversi altri. Al situazionismo si ispirarono i fondatori delle edizioni "Nautilus" di Torino(che anastaticamente ristamparono l intera collezione de " L Internazionale Situazionista ) . Ma anche nella " destra" più colta il Situazionismo venne preso in considerazione(un articolo sul tema venne pubblicato negli anni 80 dalla rivista "Elementi" di Firenze e diretta da MARCO TARCHI ) e così pure da filosofi " neo- marxisti" quali COSTANZO PREVE(1943/2013) e DIEGO FUSARO. 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.