Passa ai contenuti principali

Emozioni di Gianni Donaudi: RICORDO DI PIERO SIMONDO


E mancato a Torino, dove risiedeva da decenni l artista situazionista PIERO SIMONDO - Nato a Cosio d Arroscia ( Imperia ) nel 1928, si era trasferito giovanissimo nel capoluogo subalpino, dove aveva frequentato l Accademia Albertina ed era stato tra gli allievi del celebre CASORATI ( che aveva già influito sull artista GUIDO SEBORGA HESS residente nel Ponente Ligure ). Si era poi iscritto alla Facoltà di Filosofia dove aveva incontrato ELENA VERRONE sua futura compagna di vita. Recandosi ad Alba ( Cuneo ) incontreranno PINOT GALIZIO con il quale inizieranno un importante sodalizio artistico. Nel 1955 con il Galizio e con il danese ASGER JORN, residente ad Albisola Mare fonda il Laboratorio di Esperienze Immaginiste e più tardi organizza con loro il 1° Congresso Mondiale degli Artisti Liberi. Nel 1957, in vacanza nella sua casa di Cosio d Arroscia, PIERO SIMONDO incontra il francese GUY DE BORD e MICHèLLE BERNSTEIN ( parente del celebre dirigente socialdemocratico di inizio 900) e con altri ( gli stessi PINOT GALLIZIO, ASGER JORN, WALTER OLMO,RALPH RUMNEY) sarà tra i fondatori dell Internazionale Situazionista( che purtroppo sarà animata da profondi contrasti interni, fino allo scioglimento ). Nel 1962 fonda a Torino il C.I.R.A. ( Centro Internazionale di Ricerche Artistiche) e a partire dal 72 ha lavorato all università del capoluogo subalpino presso l Istituto di Pedagogia e ha tenuto la cattedra di Metodologia e didattica degli Audiovisivi . Il Situazionismo raccolse in parte l eredità di quel filone estetico che era già stato del Futurismo, del Dadaismo, del Lettrismo e del Surrealismo di BRETON e di ARAGON e se come gruppo organizzato ebbe breve durata, ebbe, epperò, un profondo eco negli ambienti culturali più all avanguardia. La teoria della Societé du Spettacle di GUY DE BORD influì su molti intellettuali non conformisti ( tra i quali l americano NOAM CHOMSKY ) . Il Situazionismo venne studiato in tutto il mondo. In Italia si interessarono del Situazionismo penne come PINO BERTELLI di Piombino(LI), fondatore della rivista " Tracce" , GIORGIO AMICO di Savona, DONATELLA ALFONSO ( della redazione genovese di "Repubblica" ) e diversi altri. Al situazionismo si ispirarono i fondatori delle edizioni "Nautilus" di Torino(che anastaticamente ristamparono l intera collezione de " L Internazionale Situazionista ) . Ma anche nella " destra" più colta il Situazionismo venne preso in considerazione(un articolo sul tema venne pubblicato negli anni 80 dalla rivista "Elementi" di Firenze e diretta da MARCO TARCHI ) e così pure da filosofi " neo- marxisti" quali COSTANZO PREVE(1943/2013) e DIEGO FUSARO. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018