Passa ai contenuti principali

Interviste al Prof. Giulio Tarro - medico e virologo italiano.

 
 
Melfi. Rotary Club International: Affrontare il Covid-19 
15 Ottobre 2020. 
 
Prof. Giulio Tarro - medico e virologo italiano. Allievo di Sabin, diviene noto al grande pubblico alla fine degli anni '70 per il ruolo avuto nell'affrontare il cosiddetto male oscuro che colpì Napoli in quegli anni, e ritorna alla ribalta mediatica nel 2020, in occasione della diffusione in Italia della pandemia di COVID-19, per le sue esternazioni contrarie agli indirizzi consolidati della comunità scientifica e per le incongruenze emerse nel suo curriculum vitae. Dopo avere conseguito la laurea in medicina, vince il "premio Sabin" messo in palio dalla casa farmaceutica Sclavo, che gli permette di andare negli Stati Uniti nel 1965 per studiare al fianco di Albert Sabin, noto per aver ideato il vaccino antipoliomielite circa dieci anni prima; nel 1972 torna negli Stati Uniti per proseguire altre ricerche con Sabin. Nel 2009 si è iscritto all'albo dei giornalisti come giornalista pubblicista. A fine luglio 2020 viene nominato presidente onorario del partito Alleanza di Centro, ed espone le sue opinioni a sostegno di Stefano Caldoro durante la campagna elettorale delle elezioni regionali in Campania del 2020.

Commenti

Post popolari in questo blog

IN PRIMO PIANO con Benny G.

IN PRIMO PIANO 15. Puntata.    BENNY G. è una cantante italiana (pugliese, di Santeramo in Colle -BA-) nata il 27 Settembre 2010. Già a soli 8 anni ha raggiunto notevoli successi musicali, merito del suo talento e della sua vivacità, che ha conquistato rapidamente lo scenario della musica neomelodica napoletana. Una giovanissima vocalist musicale sempre in continua crescita, che può contare già su diversi inediti di gran successo che hanno raggiunto consensi e apprezzamenti, oltre ai videoclip con milioni di visualizzazioni su YouTube, per una popolarità dimostrata dai suoi tantissimi estimatori e fans. Una piccola artista, una nuova stella nello scenario del genere, con una grande energia e passione per la musica, che rappresenta l'idea di un'innovazione nella forma più giovane e fresca. Una straordinaria collaborazione con diversi artisti della scena musicale nazionale, tra cui il fenomeno Daniele De Martino e la partecipazione a numerosissimi concerti e osp

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e

Segnalazione in Primo Piano: “PANDEMIA CON FANTASIA” di Maria Antonietta Chieppa

Mi è capitato tra le mani, qualche giorno fa, un libro che mi è parso molto stimolante, sia per quanto riguarda il titolo che per quanto riguarda il suo interno, colmo non solo di perle di saggezza, ma anche di tante fotografie che proiettano agli occhi di chi le scruta un messaggio segnante, positivo, di auspicio proficuo. “Pandemia con fantasia”, un volume di versi, di Maria Antonietta Chieppa, autrice di Rionero in Vu lture. Ho iniziato a sfogliarlo con attenzione, e successivamente ho deciso di acquistarlo offrendo un mio contributo volontario. L’autrice ha destinato il ricavato del suo lavoro alla Casa Di Riposo “Virgo Carmeli” di Rionero, per supportare il suo person ale e i suoi ospiti verso i quali dimostra tanto affetto: un gesto notevolmente ammirevole in questo periodo storico caratterizzato da un disagio economico non indifferente. Ho letto con non poca curiosità lo scritto, traendo con la mia chiave di lettura s oggettiva il senso del contenuto, e ho iniziato