Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: A Rionero, Cinema "Effetto notte


Oltre 130 persone hanno applaudito al capolavoro PARASITE nell'ambito della mostra di Cinema "Effetto notte. Il Cinema dei diritti negati," a Rionero nel giardino di PAlazzo Foortunato. Il 19 agosto è stato proiettato il film dei fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne L'ETÀ GIOVANE, registi e sceneggiatori belgi, detentori di diverse Palme d'oro al Festival di Cannes (ROSETTA del 1999 e L'ENFANT - UNA STORIA D'AMORE, tutti portati nelle passate Mostre di Cinema a Rionero dal CineClub De Sica). Questo film ci conduce nei meandri del fondamentalismo islamico, in quelle realtà periferiche francesi evitando tuttavia di parlare esplicitamente degli attentati di Bruxelles. Quest'opera, presentata a Cannes lo scorso anno, si concentra sulla radicalizzazione nei giovani studenti. Ahmed è uno studente di 13 anni che entra nella spirale dell'integralismo musulmano a causa dell'indottrinamento di un imam che, tra le altre cose, gli ripete che la sua insegnante di lingua araba, anch'essa musulmana, è un'apostata. Ahmed che venera un cugino martire dell'Islamismo, decide allora di procedere autonomamente e di passare all'azione nei suoi confronti. I due registi belgi, con il loro Cinema, non hanno mai smesso di sperare nelle persone che mettono in scena, senza per questo voler ricercare accomodanti finali, bensì delle riflessioni collettive sul nostro tempo. Il Vescovo della Diocesi di Melfi CIRO FANELLI ha assicurato la propria presenza alla proiezione per discutere dei temi legati al dialogo interreligioso e dei problemi del fanatismo che si radicalizza specie nei giovani.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog