Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Le rose di Stalin di Armando Torno


Novecento, non del tutto alle spalle. Il libro di Torno evidenzia complessità e, tuttavia, analogie di un Occidente, visto da Est: “con il suo volto occidentale e l’anima orientale”. Nei ventitré capitoli, il saggista - che esordisce con una propria toccante “Prefatio dolorosa” – riavvolge il proprio nastro su ricordi ed appunti, associando nella memoria quelle percezioni (“...conoscevo la lingua come un sordomuto, non azzeccavo un accento, né aprivo le vocali come si dovrebbe fare per evidenziare la differenza tra San Pietroburgo e Mosca...”) che sono in grado di condurre il lettore in una dimensione inclusiva, almeno per chi non conosce benissimo quella realtà. Sono diversi i volti che accompagnano il lettore in questo itinerario dell’anima. “Qualcuno ama le donne russe che sono le più belle al mondo, e da esse è attratto”, scrive Torno. Mosca e San Pietroburgo, Odessa, Tula e fino agli Urali più remoti, destinazioni per appunti di un itinerario semplice quanto straordinario. Il racconto univoco si compone di episodi, capaci di fornirci impressioni ed emozioni: dalla Jasnaia Poliana (ossia prato verde o radura serena, a 400 km da Mosca) dove è seppellito Tolstoj e dove Torno viene accolto dal nipote Vladimir; lì lo scrittore visse per cinquant’anni e diede alla luce “Guerra e pace” e “Anna Karenina”, capolavori della letteratura di ogni tempo. E il modesto comò nella casa moscovita di Anton Cechov, già: “Come si fa a vivere senza Cechov” (è una battuta del film “Verso sera” dell’Archibugi); lì il dottore riceveva i malati, oggi è un museo. Anche i rapporti tra la Russia e la Francia sono ben evocati: la presenza in Russia di Simenon che “vide in faccia Lenin”; gli adorati autori come Balzac e Voltaire da sempre nelle biblioteche più importanti. Ma anche Petrarca, De Amicis e il sommo Dante occupano posti di primo piano nelle stanze russe. E Stalin (“Piccolo padre”) che andava spesso al Bolscioi, percorrendo un corridoio sotterraneo segreto. (E’ il capitolo che dà il titolo al libro di Torno). Gli artisti ricambiavano la cortesia e si recavano al Cremlino. Tra essi anche una artista ebbe un rapporto privilegiato con il dittatore: Olga Lepeshinskaya, prima ballerina a Mosca dal 1933 al 1963. Stalin le portava delle rose in camerino, poi cenava con​ lei e le chiedeva di danzare. Del capitolo Pasternak e Togliatti apprendiamo dei veti incrociati per la pubblicazione in Italia (per Feltrinelli) del “Dottor Zivago” capolavoro dello scrittore russo: nella sua casa di Mosca, Torno aveva incontrato il figlio dello scrittore che dedicò la sua vita alla pubblicazione di tutte le opere del contestato scrittore. E in Italia, nonostante gli imbarazzi dei Togliatti, dei Longo ai vertici del Pci, della invettiva della Rossanda verso Feltrinelli, il libro venne alla luce, anche grazie all’intervento dello slavista Vittorio Strada - scomparso nel 2018 – che fece arrivare il testo originale all’editore, come fece pure per i testi proibiti dal regime di Aleksandr Isaevič Solženicyn. Forse l’anima russa che respira nelle pagine di Armando Torno sta tutta nelle semplici quanto autentiche descrizioni della quotidianità: le spie in cantina e i cervelli da clonare, il falso della scarpa battuta sugli scranni dell’Onu dal presidente N ikita Chruščëv - era il 1960 - parola della nipote Julia; di Dostoevskij che dormiva nel baule e altre storie ancora. Volti e voci di un Paese in continua ricerca di identità, spesso smarrita fra le contraddizioni della storia.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,