Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Le rose di Stalin di Armando Torno


Novecento, non del tutto alle spalle. Il libro di Torno evidenzia complessità e, tuttavia, analogie di un Occidente, visto da Est: “con il suo volto occidentale e l’anima orientale”. Nei ventitré capitoli, il saggista - che esordisce con una propria toccante “Prefatio dolorosa” – riavvolge il proprio nastro su ricordi ed appunti, associando nella memoria quelle percezioni (“...conoscevo la lingua come un sordomuto, non azzeccavo un accento, né aprivo le vocali come si dovrebbe fare per evidenziare la differenza tra San Pietroburgo e Mosca...”) che sono in grado di condurre il lettore in una dimensione inclusiva, almeno per chi non conosce benissimo quella realtà. Sono diversi i volti che accompagnano il lettore in questo itinerario dell’anima. “Qualcuno ama le donne russe che sono le più belle al mondo, e da esse è attratto”, scrive Torno. Mosca e San Pietroburgo, Odessa, Tula e fino agli Urali più remoti, destinazioni per appunti di un itinerario semplice quanto straordinario. Il racconto univoco si compone di episodi, capaci di fornirci impressioni ed emozioni: dalla Jasnaia Poliana (ossia prato verde o radura serena, a 400 km da Mosca) dove è seppellito Tolstoj e dove Torno viene accolto dal nipote Vladimir; lì lo scrittore visse per cinquant’anni e diede alla luce “Guerra e pace” e “Anna Karenina”, capolavori della letteratura di ogni tempo. E il modesto comò nella casa moscovita di Anton Cechov, già: “Come si fa a vivere senza Cechov” (è una battuta del film “Verso sera” dell’Archibugi); lì il dottore riceveva i malati, oggi è un museo. Anche i rapporti tra la Russia e la Francia sono ben evocati: la presenza in Russia di Simenon che “vide in faccia Lenin”; gli adorati autori come Balzac e Voltaire da sempre nelle biblioteche più importanti. Ma anche Petrarca, De Amicis e il sommo Dante occupano posti di primo piano nelle stanze russe. E Stalin (“Piccolo padre”) che andava spesso al Bolscioi, percorrendo un corridoio sotterraneo segreto. (E’ il capitolo che dà il titolo al libro di Torno). Gli artisti ricambiavano la cortesia e si recavano al Cremlino. Tra essi anche una artista ebbe un rapporto privilegiato con il dittatore: Olga Lepeshinskaya, prima ballerina a Mosca dal 1933 al 1963. Stalin le portava delle rose in camerino, poi cenava con​ lei e le chiedeva di danzare. Del capitolo Pasternak e Togliatti apprendiamo dei veti incrociati per la pubblicazione in Italia (per Feltrinelli) del “Dottor Zivago” capolavoro dello scrittore russo: nella sua casa di Mosca, Torno aveva incontrato il figlio dello scrittore che dedicò la sua vita alla pubblicazione di tutte le opere del contestato scrittore. E in Italia, nonostante gli imbarazzi dei Togliatti, dei Longo ai vertici del Pci, della invettiva della Rossanda verso Feltrinelli, il libro venne alla luce, anche grazie all’intervento dello slavista Vittorio Strada - scomparso nel 2018 – che fece arrivare il testo originale all’editore, come fece pure per i testi proibiti dal regime di Aleksandr Isaevič Solženicyn. Forse l’anima russa che respira nelle pagine di Armando Torno sta tutta nelle semplici quanto autentiche descrizioni della quotidianità: le spie in cantina e i cervelli da clonare, il falso della scarpa battuta sugli scranni dell’Onu dal presidente N ikita Chruščëv - era il 1960 - parola della nipote Julia; di Dostoevskij che dormiva nel baule e altre storie ancora. Volti e voci di un Paese in continua ricerca di identità, spesso smarrita fra le contraddizioni della storia.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog