Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: L’8 Dicembre


“Vergine Madre, figlia del tuo figlio / umile e alta più che creatura, / termine fisso d’etterno consiglio, / tu se’ colei che l’umana natura / nobilitasti sì, che ‘l suo fattore / non disdegnò di farsi sua fattura. / Nel ventre tuo si raccese l’amore, / per lo cui caldo ne l’etterna pace / così è germinato questo fiore”. 
 
Anche in questo anno tragico, non poteva aprire con migliore grazia il messale per la celebrazione cristiana dell’8 Dicembre, dedicata alla Immacolata Concezione, che con il Canto del Paradiso di Dante (il XXXIII), dedicato a Maria. E’ la ricorrenza che fa da preludio alla Festa per eccellenza, al Santo Natale, e non solo per i credenti. La fiera cittadina, l’ultima dell’anno da queste parti, non si terrà per questa indefinita emergenza; e quasi sempre era compromessa dal cattivo tempo: del resto, siamo con l’inverno alle porte. E con l’8 Dicembre è giusto che si riapra lo scatolone dei pomi colorati e delle luminarie, si tolga dal bustone l’albero sintetico e i più pazienti iniziano diligentemente un presepe che stenta a prendere forma. Mondino Paolella è l’artista lucano (di Rionero in Vulture) che è da anni il celebre maestro di presepi artigianali, geniali e ruvidi come vuole che sia la tradizione popolare. Ne fa una professione, di fede e di sussistenza, al punto che si riscontra in ogni millimetro dell’opera quella impareggiabile nostalgia fuori dal tempo. La festa che si preannuncia odora di questo, nonostante le contingenze non consentano quella euforia ancestrale di comete e stelle filanti. Lasciamo ai bambini, almeno a loro, quell’atmosfera anche un po’ onirica. Fra non molto si incomincerà con lo scambio di quegli “auguri” talvolta formali, di uso e di costume. Questo Natale dovrà essere davvero più sentito, chiude un anno terribile. Eppure il compianto vescovo don Tonino Bello ci ha educati a quegli “Auguri scomodi”, quando esclamava: “Carissimi, non obbedirei al mio dovere di vescovo, se vi dicessi “Buon Natale” senza darvi disturbo. Io, invece, vi voglio infastidire. Non sopporto infatti l’idea di dover rivolgere auguri innocui, formali, imposti dalla routine di calendario. Mi lusinga addirittura l’ipotesi che qualcuno li respinga al mittente come indesiderati. Tanti auguri scomodi, allora, miei cari fratelli!...” Ecco, evitiamoli se si può, se dovranno solo avere l’idea della convenzione, della forma svuotata di significato. Sosteniamo con il sommo Dante il supremo sguardo verso l’Alto; noi piccoli cercatori di sollievo e di emozioni, suffragheremo e ci reggeremo nel verso di Montale: 
 
 “Ti guardiamo noi, della razza / di chi rimane a terra”.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.