Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Pino: IL MIO DOVUTO AMORE di Alba Montagnuolo e Carla Zita

Uscito il nuovo libro di Alba Montagnuolo – IL MIO DOVUTO AMORE, scritto a 4 mani da Alba , dalla Giornalista Carla Zita e curato da Gianfranco Blasi, edito da Universosud.


“Parlare dei miei sentimenti e delle mie emozioni diventa sempre difficile. Dietro la corazza della donna, mamma, forte e coraggiosa ed estroversa, si nascondono conflitti e fragilità che solo un occhio attento sa scrutare. Il mio cielo è costellato da tante domande spesso senza risposte, un groviglio di rabbia che spesso sfocia nell’impotenza. Solitamente non piango […].

È nei momenti di solitudine che non riesco a scappare dai miei tormenti. Che cosa ne sarà di mia figlia quando io non ci sarò più?”

Alba Montagnuolo è una donna, una mamma, ma soprattutto una guerriera che ha lottato e continua a farlo per i diritti delle persone con disabilità. Ne Il mio dovuto amore, la giornalista Carla Zita, raccoglie le testimonianze, l'impegno e gli episodi della vita di Alba. L'infanzia, il matrimonio, la gravidanza e poi la nascita della “Principessa”, la scoperta della malattia, le paure e la reazione forte e coraggiosa, come solo quella di una madre che vede soffrire la propria figlia può essere. “Sembrava un angelo. Bionda, riccioluta e con gli occhi azzurri. Nulla, nel primo mese di vita, poteva far temere che fosse affetta da Sclerosi Tuberosa ed Encefalopatia Epilettogena Evolutiva farmaco resistente.” Una malattia rara che colpisce un bambino su circa settemila.

La battaglia di Alba, però, non si ferma nelle sue mura domestiche. Capisce, durante un particolare episodio, che come sua figlia ci sono tanti altri bambini che hanno bisogno di aiuto. E da qui parte per iniziare un percorso, come lo descrive Carla Zita “tutto in salita, fatto di corsa, quasi mai senza prendere fiato”.

“Alba ha combattuto per sua figlia, e non solo. Perché la sua è stata una battaglia per l'affermazione di una società civile capace di non lasciare indietro nessuno”.

Questo libro, come ci ricorda il Professor Sergio Ardis nelle conclusioni, ci rimette in contatto con la sofferenza, permettendo al sentimento più umano che abbiamo, l'empatia, di farci da guida.

Alba Montagnuolo e Gianfranco Blasi, curatore del volume, hanno deciso di devolvere i diritti d’autore all’ETS Marisol Lavanga. Il libro, inoltre, sarà scaricabile in formato audiolibro grazie alla collaborazione con l'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Potenza.



Dichiarazione Alba Montagnuolo: “Quando Antonio Candela mi ha chiesto di raccontare la mia storia ho accettato di buon grado. Nel libro racconto la mia vita: dalla mia non facile infanzia fino al mio impegno nel mondo del volontariato e come poetessa. A mia figlia Maria Carmela riservo un posto centrale nella mia biografia perché è proprio dalla sua nascita che la mia vita ha avuto una forte scossa in positivo. La scoperta della malattia rara di cui soffre mia figlia ha provocato in me sofferenza ma anche una reazione di coraggio. Dal dolore ho preso linfa e ho trasformato quella che qualcuno potrebbe pensare essere una debolezza in una grande forza che, forse, non immaginavo neanche di avere. Con Maria Carmela sono rinata come mamma volontaria a servizio non solo di mia figlia ma di tutti i diversamente abili. È stata ed è sempre mia figlia la fonte di ispirazione più grande nel percorso della mia vita che, però, non sarebbe stato lo stesso senza l'incontro con persone speciali, quelle che nel libro ci hanno voluto lasciare una testimonianza del loro operato e di come le loro strade, ad un certo punto, si siano incrociate con la mia. Ognuno di loro ha lasciato un segno importante nella mia storia personale e in quella del mondo del volontariato in Basilicata. 


Dichiarazione Carla Zita: “Scrivere questo libro con Alba mi ha dato l'opportunità di approfondire e meglio conoscere fatti e persone di un mondo in cui la solidarietà, la generosità, il coraggio ed il senso della giustizia animano ogni scelta, ogni battaglia. Percorrendo alcune delle tappe del volontariato a fianco alle persone diversamente abili in Basilicata e grazie ad Alba Montagnuolo, che mi ha chiesto di collaborare con lei per raccontare la sua storia, è possibile riscoprire la speranza in un futuro migliore, più umano”.


Dichiarazioni di Antonio candela: Questo lavoro è un dono che chiesi di realizzare ad Alba qualche anno fa. Perchè di queste storie, di questi racconti , oggi più che mai ,ne abbiamo bisogno. In un tempo dove tutto corre velocemente, rimettere al centro le persone è fondamentale. Papa Francesco proprio in queste ore ci richiamava a “"non lamentarci delle restrizioni, ma di aiutare gli altri”, credo che l'impegno di Alba e la sua storia ci potrà far riflettere sul senso della vita e del dono verso le persone.



tutte le info su: https://www.editriceuniversosud.it/shop/il-mio-dovuto-amore-montagnuolo-zita/


Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,