Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Pino: IL MIO DOVUTO AMORE di Alba Montagnuolo e Carla Zita

Uscito il nuovo libro di Alba Montagnuolo – IL MIO DOVUTO AMORE, scritto a 4 mani da Alba , dalla Giornalista Carla Zita e curato da Gianfranco Blasi, edito da Universosud.


“Parlare dei miei sentimenti e delle mie emozioni diventa sempre difficile. Dietro la corazza della donna, mamma, forte e coraggiosa ed estroversa, si nascondono conflitti e fragilità che solo un occhio attento sa scrutare. Il mio cielo è costellato da tante domande spesso senza risposte, un groviglio di rabbia che spesso sfocia nell’impotenza. Solitamente non piango […].

È nei momenti di solitudine che non riesco a scappare dai miei tormenti. Che cosa ne sarà di mia figlia quando io non ci sarò più?”

Alba Montagnuolo è una donna, una mamma, ma soprattutto una guerriera che ha lottato e continua a farlo per i diritti delle persone con disabilità. Ne Il mio dovuto amore, la giornalista Carla Zita, raccoglie le testimonianze, l'impegno e gli episodi della vita di Alba. L'infanzia, il matrimonio, la gravidanza e poi la nascita della “Principessa”, la scoperta della malattia, le paure e la reazione forte e coraggiosa, come solo quella di una madre che vede soffrire la propria figlia può essere. “Sembrava un angelo. Bionda, riccioluta e con gli occhi azzurri. Nulla, nel primo mese di vita, poteva far temere che fosse affetta da Sclerosi Tuberosa ed Encefalopatia Epilettogena Evolutiva farmaco resistente.” Una malattia rara che colpisce un bambino su circa settemila.

La battaglia di Alba, però, non si ferma nelle sue mura domestiche. Capisce, durante un particolare episodio, che come sua figlia ci sono tanti altri bambini che hanno bisogno di aiuto. E da qui parte per iniziare un percorso, come lo descrive Carla Zita “tutto in salita, fatto di corsa, quasi mai senza prendere fiato”.

“Alba ha combattuto per sua figlia, e non solo. Perché la sua è stata una battaglia per l'affermazione di una società civile capace di non lasciare indietro nessuno”.

Questo libro, come ci ricorda il Professor Sergio Ardis nelle conclusioni, ci rimette in contatto con la sofferenza, permettendo al sentimento più umano che abbiamo, l'empatia, di farci da guida.

Alba Montagnuolo e Gianfranco Blasi, curatore del volume, hanno deciso di devolvere i diritti d’autore all’ETS Marisol Lavanga. Il libro, inoltre, sarà scaricabile in formato audiolibro grazie alla collaborazione con l'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Potenza.



Dichiarazione Alba Montagnuolo: “Quando Antonio Candela mi ha chiesto di raccontare la mia storia ho accettato di buon grado. Nel libro racconto la mia vita: dalla mia non facile infanzia fino al mio impegno nel mondo del volontariato e come poetessa. A mia figlia Maria Carmela riservo un posto centrale nella mia biografia perché è proprio dalla sua nascita che la mia vita ha avuto una forte scossa in positivo. La scoperta della malattia rara di cui soffre mia figlia ha provocato in me sofferenza ma anche una reazione di coraggio. Dal dolore ho preso linfa e ho trasformato quella che qualcuno potrebbe pensare essere una debolezza in una grande forza che, forse, non immaginavo neanche di avere. Con Maria Carmela sono rinata come mamma volontaria a servizio non solo di mia figlia ma di tutti i diversamente abili. È stata ed è sempre mia figlia la fonte di ispirazione più grande nel percorso della mia vita che, però, non sarebbe stato lo stesso senza l'incontro con persone speciali, quelle che nel libro ci hanno voluto lasciare una testimonianza del loro operato e di come le loro strade, ad un certo punto, si siano incrociate con la mia. Ognuno di loro ha lasciato un segno importante nella mia storia personale e in quella del mondo del volontariato in Basilicata. 


Dichiarazione Carla Zita: “Scrivere questo libro con Alba mi ha dato l'opportunità di approfondire e meglio conoscere fatti e persone di un mondo in cui la solidarietà, la generosità, il coraggio ed il senso della giustizia animano ogni scelta, ogni battaglia. Percorrendo alcune delle tappe del volontariato a fianco alle persone diversamente abili in Basilicata e grazie ad Alba Montagnuolo, che mi ha chiesto di collaborare con lei per raccontare la sua storia, è possibile riscoprire la speranza in un futuro migliore, più umano”.


Dichiarazioni di Antonio candela: Questo lavoro è un dono che chiesi di realizzare ad Alba qualche anno fa. Perchè di queste storie, di questi racconti , oggi più che mai ,ne abbiamo bisogno. In un tempo dove tutto corre velocemente, rimettere al centro le persone è fondamentale. Papa Francesco proprio in queste ore ci richiamava a “"non lamentarci delle restrizioni, ma di aiutare gli altri”, credo che l'impegno di Alba e la sua storia ci potrà far riflettere sul senso della vita e del dono verso le persone.



tutte le info su: https://www.editriceuniversosud.it/shop/il-mio-dovuto-amore-montagnuolo-zita/


Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog