Passa ai contenuti principali

Sport. Futsal Rionero - Salernitana 9-1

 

Campionato Serie A2 Nazionale Calcio a 5 femminile: 8 Dicembre 2020 Al ''PalaGaudo’’ di Rionero, nella gara di recupero della terza giornata del campionato di Serie A2 nazionale di calcio a 5 femminile, la Futsal di mister Portovenero travolge meritatamente con un perentorio 9-1 la Salernitana al termine di un match di netto dominio bianconero. Dopo una fase iniziale di studio le rioneresi trovano il vantaggio con Huchitu che sorprende il portiere ospite con un bolide su punizione dalla media distanza. Il raddoppio bianconero arriva a metà tempo sempre ad opera di Huchitu che con un tiro preciso dal versante destro infila in rete sul palo opposto. La Futsal aumenta sempre più la pressione e, dopo qualche tentativo non andato a buon fine, trova il tris sempre con Huchitu che in chiusura di tempo finalizza a rete dopo una rapida azione corale iniziata da Monaco e proseguita da Carlucci. Il primo tempo si chiude così sul 3-0 in favore delle bianconere rioneresi. In apertura di ripresa le ragazze di Portovenero trovano il poker con Musumeci che, smarcata splendidamente dall’estrosa Monaco, è abile a battere il portiere in uscita. La stessa Musumeci, qualche minuto dopo, si ripete finalizzando a rete una bella azione insistita locale portando così lo score sul 5-0. La Futsal continua ad attaccare creando varie occasioni da rete schiacciando le campane sulla difensiva e, dopo qualche minuto, c’è ‘’gloria’’ anche per la giovanissima Cerone (una classe 2002 davvero promettente) che risolve insaccando a rete con cinismo e precisione dopo una serie di batti e ribatti sotto la porta ospite. Anche l’esperta Borraccino mette il suo sigillo personale al match siglando la rete del 7-0 appoggiando in rete un preciso assist da sinistra di Laluce a conclusione di un’azione insistita e manovrata. Passa qualche minuto ed anche capitan Carlucci trova la gioia personale insaccando in rete a conclusione di una rapida azione corale in ripartenza. Accorcia le distanze la Salernitana quando un forte tiro dal versante destro di Tirozzi è carambolato in rete dalla deviazione di Palumbo. La Salernitana contiene le folate offensive locali e si vede con qualche azione in ripartenza e qualche timido tentativo sul quale l’esperta portiere di casa Saraceno non si fa mai sorprendere dimostrandosi attenta. Le ragazze di casa pressano con insistenza macinando gioco e creando ancora tante occasioni da rete che non si concretizzano sia per le prodezze del portiere avversario e sia per un po' di sfortuna ed imprecisione. Nei minuti finali anche la giovane Castrovilli, servita da un recupero palla prodigioso di Huchitu, è lesta a ribadire in rete da due passi la rete del definitivo 9-1. Da qui al termine la Futsal va vicina addirittura alla decima rete ma l’esperta Borraccino da ottima posizione colpisce il palo alla destra del portiere. A fine gara grande soddisfazione sul fronte bianconero per l’importante vittoria ottenuta che proietta il team del presidente Maulà sempre più nelle zone alte della classifica. Onore comunque alla Salernitana che nonostante tante defezioni causa Covid e dopo quasi un mese e mezzo di inattività ha onorato l’impegno al cospetto delle più quotate avversarie battendosi con grinta e determinazione nonostante il pesante passivo rimediato. Buona la direzione arbitrale. 

 

Francesco Preziuso (Ufficio Stampa Futsal Rionero)

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e