Passa ai contenuti principali

📰 Autori: Cade l’avvento e la pace del silenzio di Vito Coviello


Era appena passata Pasqua e nel paesello, arroccato sulla montagna del Vulture, dove spuntava il campanile a punta, veniva ogni tanto Padre Corbo per la benedizione delle case e dei villaggi. Era diventato vecchio ed anziano. Un po' per volta, piano piano e, a piedi, raggiungeva tutte le contrade e anche il paesello. Arrivato a casa di zia Caterina e di Zì Tore è stato ben accolto, naturalmente, nonostante zia non sapeva cosa offrirgli. Benedisse tutte le stanze e zia teneva a far benedire anche il pollaio perché la faina aveva mangiato l’ultima gallina. Con la benedizione, forse, non sarebbe più venuta ad uccidere le sue galline. Poi parlando del più e del meno, confidò a padre Corbo un problema che l’assillava: il marito, con l’età, era diventato completamente sordo e quando gli parlava sorrideva ma non capiva e non ascoltava. Allora chiese a Padre Corbo se conoscesse qualcuno o qualche soluzione per risolvere la sordità di suo marito. Padre Corbo ci pensò un attimo e sentenziò: “Devo parlare con un rappresentante di una nota ditta “La Sento Bene, Sento Meglio” che ha degli ottimi apparecchi acustici e senz’altro tuo marito potrà ritornare a sentire. Mi raccomando quando viene, dato che raggiungere il viaggio è faticoso perché distante, ospitatelo a pranzo e rendetegli bella ospitalità. Lo conosco e mi ricordo che gli piaceva tanto il coniglio perché siamo stati in un’osteria insieme e  lui aveva ordinato tale pietanza”. “Va bene”, disse zia Caterina. Passarono giorni, mesi e anche la Pasqua. Per proteggere al meglio le galline dalla faina avevano costruito un reticolato più forte, con questa accortezza le galline non furono più uccise. Una mattina, arrivò il rappresentante e misurò i suoni con un’apparecchiatura attraverso una cuffia. Zia Caterina lo chiamò: “Dottore venga, si accomodi, venga qui, c’è mio marito Tore che non sente ed io non so come fare”. Il giovane dottore rise e si accomodò, mise la cuffia all’anziano e incominciò a misurare con l’apparecchio audiometrico i suoni, l’anziano lo guardava e sorrideva, non sentiva nulla e così il dottore aumentò l’intensità dei suoni, toccando sia il tasto destro che sinistro chiedendogli “Dove hai sentito? A destra? A sinistra?” ma il signore anziano continuava a guardarlo e sorrideva. Ad un certo punto, prese una di quelle apparecchiature nuove, di quelle che si applicano alle orecchie: la cassettina di metallo, grossa si doveva tenere sul petto e i due cavi dovevano essere collegati a tutte e due le orecchie. Il dottore disse: “Vediamo se ora con questo senti”. Alzò tutto il volume e gridò nell’apparecchio: “Mi senti Tore?” e Tore ebbe un sobbalzo, aveva sentito e come. Quell’apparecchio lo aveva stordito, si tolse prontamente gli auricolari e disse: “Per favore io sto bene così, non sento, per lo meno non sento bene ma, soprattutto, non voglio sentire quando mia moglie mi rimprovera, mi annoia, si lamenta. In questo modo sto in pace con lei, con me stesso e con il mondo”. Il silenzio per zio era la pace. 18 Il giovane rappresentante guardò quegli occhi azzurri e tristi di zio che non voleva quell’apparecchio anzi gli avrebbe pagato qualsiasi cosa pur di non averlo. Non seppe che dire, si rattristò, andò dalla moglie, la zia Caterina e le disse: “Gentile signora, purtroppo per vostro marito non c’è niente da fare, è sordo e rimarrà sordo, abbiatene cura e mettetevi l’anima in pace”.
 

racconto tratto dal libro

SENTIERI DELL’ANIMA: IL CONTASTORIE 

(piccola raccolta di racconti, storie e leggende)

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt