Passa ai contenuti principali

Eventi 2020: Potenza. Assemblea Elettiva Unpli Pro Loco Basilicata Aps

 

Potenza, 26 Luglio 2020. Al Park Hotel di Potenza le Pro Loco lucane riconfermano per acclamazione Rocco Franciosa come Presidente Regionale 2020-2024 I presidenti delle Pro Loco lucane ripongono la loro fiducia nuovamente nelle mani di Rocco Franciosa, eletto per acclamazione ieri, 26 luglio 2020, durante l’Assemblea Generale Elettiva “Pro Loco Unpli Basilicata Aps”. Una mattinata piena di spunti, con un occhio rivolto al passato, alle tante cose fatte, per preparare un futuro ancor più luminoso. L’Assemblea è stata aperta dal saluto di Antonio Vigilante, vicesindaco di Potenza e dal direttore Apt Basilicata Turistica Antonio Nicoletti in rappresentanza anche del Presidente della Regione Basilicata Vito Bardi. Densi di contenuto gli interventi del consigliere nazionale Unpli Basilicata Pierfranco De Marco, del Presidente “Basilicata Wiki” Luigi Catalani, di Antonio Caddeo “Caddy Food” e di Antonella Giosa Referente Team Bpass. L’Assemblea presieduta da Angelica Cappiello e Rosetta Fulco segretaria, ha inoltre eletto i componenti del Consiglio regionale per il prossimo quadriennio 2020/2024 indicando Saveria Catena, Rosa Fortunato, Michele Zuardi, Antonio Barbalinardo, Rocco Stasi e Rocco D’Elicio. Eletti anche i componenti effettivi del Collegio dei Probiviri: Rossana Santoro, Vito Sabia, Vincenzo Guerriero e Carmine Stigliano componente supplente. L’Organo di controllo revisore dei conti sarà rappresentato da Vincenzo Losasso, Donata Claps, Pasquale Gentile e Giuseppe Cotugno componente supplente. “Grazie per la stima e la fiducia riposta nella mia persona – afferma Rocco Franciosa – questa riconferma rappresenta davvero tanto per me. Con emozione confermo a gran voce e ribadisco il mio totale impegno nel lavorare con la stessa passione, amore e abnegazione per la crescita del volontariato turistico-culturale-ambientale e sociale di tutti i territori lucani e delle Pro Loco lucane indistintamente. Sono solo il rappresentate di questo mondo fatto di volontari straordinari che vivono il territorio 365 giorni l’anno. Senza di essi non ci sarebbero oltre 500 eventi l’anno, non ci sarebbero presidi turistici dedicati all’accoglienza turistica aperti anche a ferragosto. Un augurio di buon lavoro a tutti gli eletti nel Comitato regionale Pro Loco Unpli Basilicata Aps e sono sicuro ci impegneremo in stretta collaborazione e con il sostegno fondamentale dei comuni lucani, della Regione e dell’Apt Basilicata, per continuare l’attività di volontariato per uno sviluppo sostenibile dell’intero territorio regionale”. Durante l’assemblea presentato in anteprima esclusiva il video promozionale “Viaggio In Basilicata” #IoViaggioLucano realizzato da Teodoro Corbo, Giovanni Di Gennaro e Raffaele Pace con le musiche del giovane artista lucano Mirko Gisonte promosso dal Comitato regionale Pro Loco Unpli Basilicata APS con il sostegno di Regione e Apt Basilicata. Un lavoro eccellente, che ha lasciato senza parole l’intera assemblea. 
 
Biografia Rocco Franciosa 
 
Rocco Franciosa classe 1983, nato a Melfi Città delle Costituzioni di Federico II, vive a Barile Città del Vino e dell’Olio, comunità arbëreshë alle pendici del Monte Vulture, dove porta avanti l’azienda agricola di famiglia e lavora a Potenza come operatore Fta nel trasporto urbano. Giornalista pubblicista per passione. Da oltre 15 anni, impegnato attivamente come volontario Pro Loco con incarichi di segretario e vicepresidente Pro Loco Barile, segretario, consigliere e responsabile regionale Servizio Civile Unpli Basilicata, già componente di giunta nazionale Unpli. Il più giovane tra i presidenti regionali dell’Unpli – Unione Nazionale Pro loco d’Italia riconfermato. In passato ha svolto per dieci anni il ruolo di consigliere e assessore del Comune di Barile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e