Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: L’estetica dell’erranza - Incontro con Bernardo Bruno

Palazzo San Gervasio. E’ architetto, ricercatore indipendente, artista e attivista, ha sviluppato il suo lavoro tra arte, architettura e processi partecipativi. Dal ’96 usa l’alter ego di BERNYNAVIGATOR, conduce una ricerca sulla “pratica estetica dell’erranza”, traducendo in immagini (disegni, foto, video) le sensazioni provate nell’”attraversare paesaggi” (nell’accezione più ampia del termine). 

Bernardo Bruno è questo e altro ancora: pochi anni fa abbiamo realizzato – con il CineClub “De Sica” - MigrArt , una rassegna di Cinema sulle migrazioni. D al 2014 vive ed opera in Puglia, “peraltro neppure molto distante dalla mia Palazzo San Gervasio” ci dice. Utilizza il disegno e la pittura su carta e tela, anche di piccola dimensione. Dopo la laurea in Architettura conseguita a Napoli, ha collaborato , in qualità di assistente architetto, con alcuni studi di progettazione a Winchester, Southampton e Romsey . E’ stato co- fondatore dell’Osservatorio Migranti Basilicata di cui è stato attivista dal 2009 al 2016, componente della commissione pianificazione dell’Ordine degli Architetti della provincia BAT tra 2014 -2016, ha collaborato con archiEtica laboratorio di progettazione etica architettura e paesaggio. Quindi, con il gruppo DeriveMetropolitane organizza attraversamenti nei paesaggi e territori, finalizzati alla fruizione e conoscenza profonda dei luoghi, con le modalità derivanti dalla psicogeografia. E' attivista di Oil Forest League, prima libera scuola di architettura e design in Italia e di Artist for Rojava. 
 
Un ricchissimo carnet di esperienze, dunque, un fitto calendario di impegni. Parlaci di quest’ ultima tua esperienza con l’associazione Artist for Rojava 
- Il progetto di solidarietà attiva “Artists for Rojava”, è un’esperienza di impegno concreto a sostegno delle popolazioni del Rojava che ha loscopo di raccogliere fondi a favore della Fondazione delle donne libere in Rojava, martoriate dalla guerra e dalla ferocia del regime turco. L’iniziativa ebbe inizio in maniera spontanea il 13 ottobre 2019 con la realizzazione sulla spiaggia di Barletta di un intervento di Land Art impermanente. Si trattava di una scritta di 25 metri: “Save Rojava” 
 
E’ stato l’input per altre iniziative? 
- Abbiamo partecipato a diverse manifestazioni che si andavano svolgendo in Italia ed anche all’estero. Il progetto si è sviluppato con una petizione, lanciata nel gennaio 2020 sulla piattaforma Change.org “Artisti di tutto il mondo unitevi!”. http://chng.it/jmwfffrCb5 a cui ha aderito anche Zerocalcare. . In pochi giorni la petizione ha raccolto centinaia di firme da ogni parte d’Italia. Il “collettivo” “Artists for Rojava ” ha realizzato incontri, convegni ed una mostra nel Centro Polifunzionale Studenti a Bari . Nonostante un rallentamento dovuto al Covid -19, speriamo di veder quanto prima realizzate le finalità dell’Associazione. Abbiamo deciso di permettere l’acquisto diretto da catalogo chiedendo così a chi voglia sostenere il progetto di contribuire alla riuscita della raccolta fondi per l’acquisto di una clinica mobile da destinare ai territori del Rojava. https://www.artistsforrojava.org/ 
 
Ma, tornando ad un approccio piu’ personale ci dici come nasce la tua arte? 
- Dall’ osservazione del mondo che ci circonda, le sue contraddizioni che si riversano su di noi e sul nostro quotidiano essere in questa dimensione umana. La memoria ed i dubbi sul nostro passato, la storia e le trasformazioni dei contesti che ci appartengono. 
 
Quali sono gli stimoli immediati e quali quelli che provengono dalla tua formazione?
​ - E’ un continuo andirivieni, vi sono temi che si ripresentano, dubbi irrisolti e nuovi stimoli che possono essere veicolati dal quotidiano, da istanze legate al sociale. Anche la formazione ha il suo ruolo ma non è determinante. Taluni aspetti dell’impermanenza sono entrati a far parte di una modalità espressiva che è propria dei walking artist uno su tutti è l’artista Hamish Fulton che seguo con interesse.
 
Rimani sempre in stretto contatto con la tua terra e con il tuo paese di origine? 
- Uno degli aspetti che mi hanno interessato è proprio la dimensione “del transito” e della “pratica estetica dell’errare”, in parte ho guardato alle pratiche dei “situazionisti” declinandole per attraversare e conoscere territori marginali in ambito di confine tra urbano e rurale. Consapevole di essere originario di un territorio di confine tra Basilicata e Puglia, abitato storicamente da popolazioni simili pensiamo ai Dauni ma anche ai Sanniti e alle colonizzazioni romane (Venosa-Canosa) 
 
C'è sicuramente un diverso approccio e fermento artistico fra le due regioni contigue, quali sono i tuoi riscontri? 
- In entrambe le regioni ci sono dei validi artisti che fanno ricerca e riescono a far conoscere il proprio lavoro fuori dai confini nazionali ed internazionali e questo a prescindere da una carenza di spazi pubblici e privati ove poter fare ricerca. Nel meridione, in generale, ci sono varie criticità storiche per la diffusione e valorizzazione dell’arte contemporanea. In Puglia, in taluni territori, a differenza della Basilicata, c’è il vantaggio di avere delle Accademie d’Arte, degli spazi pubblici e qualche fondazione a cui poter far riferimento. In Basilicata la situazione non è rosea sia per quanto concerne il pubblico che il privato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e