Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: La scomparsa di Franco Loi, poeta e critico, scopritore della lucana Assunta Fiuniguerra

La dialettologia come religione popolare, una musica arcaica. La recente scomparsa di Franco Loi riecheggia questo assunto. Poeta e critico, Loi ha rappresentato la forma più leale e forse primitiva di rileggere la realtà. Padre sardo, Loi era nato a Genova nel 1930, e già da bambino sarà milanese, città che guarderà sempre con sguardo disincantato: versi dialettali un po’ in contraltare al maggior poeta milanese Carlo Porta. Franco Loi sarà scoperto dal profondo poeta Vittorio Sereni. E, prima, una lunga militanza comunista, l’adesione al movimento della nuova sinistra, e con gli anni ’70 lascia l'attività politica, pur mantenendo una personale religiosità anarchico-libertaria. La sua prima produzione poetica nacque tutta in una breve stagione, nel decennio che va dal 1965, quasi "sotto dettatura" come amava definirsi. Il suo esordio risale al 1973 con “ I cart” e l'anno dopo “ Poesie d'amore” . Ma Franco Loi è stato anche critico letterario, interessanti le sue recensioni e riscoperte artistiche su importanti giornali letterari. A lui si deve la scoperta in ambito nazionale – ad esempio - della poetessa lucana Assunta Finiguerra ( San Fele 1946 - 2009 ), poetessa aspra e dolce ad un tempo. La critica, anche grazie a Franco Loi , ha continuato a tenerla in viva considerazione. Con una appassionata recensione della poesia in lingua lucana dedicata alla Luna , tratta dallo struggente “ Tatemije ” ( Padre mio ), viene pubblicato postumo, come il recente “ Fanfarije ” e “ U vizzije a morte ” (raccolta 1997-2009) edito da Confine, 2016 . La poetessa Assunta Finiguerra rimane nota negli ambienti letterari, a partire dal gruppo dei poeti La Vallisa di Bari , di cui facevamo parte, fin dai suoi esordi poetici. E’ una figura di elevata valenza, una voce eretica e di immensa spontaneità linguistica, sanguigna e forte come la sua terra, l’ Appennino lucano che sovrasta la sua dimora. E dal suo paese, la poesia di Assunta aveva irradiato di nuova luce, verace e ​ aspra, il panorama letterario italiano. Franco Loi scrisse un’appassionata recensione delle poesie di Assunta, col suo senso del sacrificio, del dolore che ha accompagnato parte della sua vita. “ Se avrò il coraggio del sole ” (1995), “ Puozze arrabbià ” (1999, la Vallisa) “ Rescidde ” (Zone, 2001), “ Solije ” (2003), contengono versi autentici, immensi: anche per questo Assunta Finiguerra farà parte dell’antologia Nuovi Poeti Italiani curata proprio da Franco Loi (edito da Einaudi). Oltre dieci anni fa aveva spiccato l’ultimo volo dalle montagne di San Fele, in un afflato di odio-amore di impareggiabile ed istintiva pregnanza. Ci ha lasciato la sua grande energia fortemente radicata ad una visione antropologica della comunità lucana. Un suo ultimo lavoro che rilegge Pinocchio in lingua sanfelese, forse racchiude più di ogni altro la forza e l’inquietudine di una poetessa che cerca di uscire dai margini entro i quali una tradizione stantia tende a relegare gli impulsi culturali ed innovativi. Da “Puozze arrabbià” allo “Scricciolo” si racchiude, nel contempo, il meglio della sua visione poetica che fa della lingua madre lo strumento vitale per trasmettere i contenuti più profondi e reconditi con maggior efficacia. La Lucania non ha più Assunta, ce lo ricordava il grande Franco Loi; tuttavia, conserva intatta la sua miracolosa poesia, drammatica e innocente per la sua radice popolare. Di quella che sarebbe piaciuta a Pier Paolo Pasolini. Al fianco della poetessa un intellettuale di antico lignaggio, Saul suo marito, che ci confidava di lei “è la mia luce...”. Di Assunta si ricorderà sempre quella sua inquietudine, malcelata e istintiva, degna di una figura che lascia un segno davvero indelebile nella cultura non soltanto lucana. E Franco Loi ne era fortemente convinto.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,