Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazione in primo Piano: Dalla Lucania a Napoli, i sogni di Francesco Colonnesi

Dopo il grandissimo successo con Armaioli Napoletani, Francesco Colonnesi ritorna a pubblicare con la Giammarino Editore un altro libro molto particolare con uno sfondo importante Napoli. Lo scrittore partenopeo in questo suo nuovo volume trasforma le molte realtà vissute in pagine belle, in sogni: i “ sogni della memoria ”. Una narrazione che procede attraverso i ricordi di Bella, città lucana dove l’autore ha trascorso una parte della sua vita, delle sue origini (la leggenda di Bella), dei palazzi storici, (nello specifico Palazzo Sansone), i negozi del Borgo di Bella, il villino di Merichicchio, dei boschi, dei monti (il Monte Santa Croce), delle tradizioni culinarie (di come si faceva il pane a casa), e dei borghi circostanti. E poi di Napoli, con il racconto di alcuni dei tanti personaggi, più o meno noti, incontrati negli anni: da Giovanni Agnelli al vescovo del Vaticano Fiorenzo Angelini, da Concetta Barra a Aldo Bovio, da Enrico De Nicola a Marco Pannella, da Stuart Holland a Sergio di Jugoslavia. Un quadro di ricordi e riflessioni al quale aggiunge un sezione dedicata ai viaggi in altre terre. Immancabile, divertente e stimolante la serie eterogenea di piccoli fatti, battute, aneddoti e curiosità che donano al testo un elemento di colore e di forte interesse territoriale e umano. Un volume di esperienze e ricordi, che Colonnesi definisce un nuovo inizio: “ ricomincio da tre ” , come il film di Massimo Troisi ! E il libro, così come scrisse Ennio Flaiano , “diventa l’unico oggetto inanimato che possa avere sogni” . Francesco Colonnesi: Nato a Napoli il 27/11/1934, avvocato, giudice di pace e scrittore: fiduciario per oltre quindici anni di Slow Food a Napoli, cintura nera di Judo, caratterista in alcuni film di recente uscita e conduttore di vari spettacoli teatrali. Appassionato ricercatore e collezionista di armi. 
Con la Giammarino Editore ha già pubblicato “Armaioli Napoletani” (2019). “ Sogni della Memoria”: Giammarino Editore, pagine 144, euro 14,90. 
Info: stampa@giammarinoeditore.it 08118220410

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica