Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in Primo Piano: Oltre la Felicità di Michele Libutti

 
Che cos'è la Felicità? 
 
È una domanda apparantemente banale ma complessa; enigmatica ma semplice. Insomma, è un quesito che racchiude molti paradossi e contraddizioni ma è una curiosità alla quale ognuno di noi darebbe una risposta individuale e dettata dalle proprie personali concezioni mentali e spirituali, le stesse concezioni miste alla riflessione sui propri desideri utopici/illusori oppure raggiungibili: porsi queste domande, forse, è un meccanismo catartico per intraprendere la strada della "beatitudine", della gioia di vivere. Ma anche non porsi alcuna domanda ed accogliere le casualità e le imprevedibilità che la vita ci pone, può indurci ad apprezzare e cogliere la Felicità, che spesso ci sfugge dalle mani. Michele Libutti, stimatissimo medico e scrittore rionerese, laureato in Lettere Classiche, ha dedicato alla ricercata felicità un romanzo molto interessante quanto intenso, dal titolo:"Oltre la Felicità". Il romanzo racchiude in sé una componente molto evidenziata, rivoluzionaria: l'importanza di sognare, di "innalzarsi in volo" con la mente e con l'anima, di riflesso ai tratti onirici che ognuno di noi possiede, per poi tornare alla realtà con serenità e gioia, grazie al collegamento inevitabile che ognuno di noi riesce ad intercorrere tra il mondo fantasioso, sognante, ed il mondo oggettivo, realistico. Il libro è psicologicamente minuzioso, esalta il subcosciente grazie all'esaustività dei vari passaggi del racconto, passaggi differenti ma concatenati. La sua narrazione è molto scorrevole, innesca in chi legge una curiosità spiccata, come le tante emozioni che si differenziano di capitolo in capitolo, che nascono dalla proiezione emozionale trasmessa dallo scrittore al lettore: questo è il dono culturale reciproco più grande. I protagonisti del romanzo sono Lucy e Giulio che si innamorano di un amore pulito, raro, soddisfacente e felice. Giulio è un uomo divorziato, e Lucy è una donna che ha ritrovato la serenità dopo una lunga storia interrotta. Entrambi sono scoraggiati, depressi per le reciproche delusioni sentimentali precedenti, fino a quando si incontrano e inizializzano un rapporto meraviglioso e conoscono l'amore, che va oltre le tante difficoltà che la vita presenta loro come gli scontri conflittuali delle rispettive famiglie che non accettano il loro rapporto, un sacerdote che cerca di allontanarli, e tanti altri tasselli atti a minare la loro relazione. Ma il loro amore è più forte. Intraprenderanno sentieri magici, mistici, tra scenari fantastici ed avvenenti. Il romanzo è caratterizzato dalla rara capacità del Libutti di intrecciare con un connubio perfetto il realismo al sogno e viceversa. È un'opera colma di metafore da cogliere, proprio come il titolo che apre una sequenza di prospettive mentali da guardare con attenzione e perspicacia. La felicità terrena si correla alla felicità "senza tempo", quindi alla felicità eterna, quella dell'altro mondo, un mondo nuovo, non visibile ad occhio nudo. In ogni caso, l'amore è l'unica cura efficace contro le avversità e ci regala la Felicità, nel senso esteso del termine, in questa vita e nell'altra. E Michele Libutti ci ha donato questa concezione con nitidezza, lucentezza ed intuito. Michele Libutti ci ha donato questa concezione della vita con nitidezza, lucentezza e intuito. Il libro ha in copertina un efficace disegno della brava Roberta Lioy e la prefazione della prof.ssa Deana Summa, la quale sostiene che:" È l'amore il viatico per la felicità, l'unico efficace rimedio contro le afflizioni della vita". 
 
 Carmen Piccirillo

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,