Passa ai contenuti principali

🎥 CONCERTO DELLA BANDA MUSICALE DEI VIGILI DEL FUOCO NEL TEATRO LA FENICE

 

 Il 29 gennaio 1996 il vasto incendio de La Fenice, oggi un evento per ricordare quella terribile notte e il duro lavoro svolto dai vigili del fuoco, ma soprattutto per celebrare la rinascita di uno dei simboli di Venezia. A 25 anni dal rogo che lo distrusse, questo pomeriggio il Corpo Nazionale è tornato in quel teatro, ma con la sua Banda musicale. In conformità con l’attuale momento di emergenza sanitaria, il teatro La Fenice ha ripercorso quei momenti tragici e la successiva fase di ricostruzione attraverso un documentario, curato e condotto dallo scrittore Alberto Toso Fei con la regia di Tommaso Giusto, prodotto con contributi video dell’epoca, interventi e interviste ai protagonisti di ieri e di oggi. A seguire è andata in scena la Banda musicale del Corpo Nazionale del Vigili del fuoco, diretta dal maestro Donato Di Martile e accompagnata dalla voce del tenore Francesco Grollo, che si è esibita in concerto proponendo un programma di generi musicali molto diversi: da Franz von Suppé a Niccolò Paganini, da Ruggero Leoncavallo a Giuseppe Verdi, da Charles Gounod a Leonard Bernstein, da Giacomo Puccini ad un omaggio a Ennio Morricone per chiudere con l’inno nazionale di Michele Novaro. Sono intervenuti in collegamento il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, e il sovrintendente e direttore artistico del teatro, Fortunato Ortombina. Al loro saluto ha fatto seguito quello del capo del Corpo Nazionale dei vigili del fuoco, Fabio Dattilo, direttamente dal palco de La Fenice. “Grazie alla città di Venezia che ha voluto ospitarci in occasione del venticinquesimo anniversario dell’incendio de La Fenice, questo bellissimo teatro, una perla mondiale per acustica e visibilità, che è risorto dalle ceneri come vuole il suo stesso nome. Ringrazio il nostro ministro, il nostro sottosegretario, il nostro capo dipartimento e un grazie di cuore a tutti i vigili del fuoco italiani che sono protagonisti di questa storia. Questa visione d’insieme, dei vigili del fuoco che stanno insieme a una città, e di una città che sta insieme a chi rappresenta le belle arti, è quello che ci vuole in questo Paese, rappresenta la voglia di rinascita dopo la pandemia. A proposito di quella notte terribile ho un ricordo in particolare, ci rendemmo tutti conto della vulnerabilità di questa città, salvata grazie all’opera di quei vigili del fuoco che poi hanno avuto l’onore di essere insigniti della Medaglia d’argento al Valor Civile. Quell’intervento ha fatto scuola, da allora Venezia è dotata di una rete antincendi che la protegge. Questa città, infatti, pur galleggiando sull’acqua, non aveva una rete idrica in pressione per spegnere gli incendi, invece oggi ce l’ha sparsa in tutti i sestieri e riesce ad azzerare i tempi di intervento delle squadre”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt