Passa ai contenuti principali

đź“° Emozioni di Giani Donaudi: LA SCOMPARSA DI GIOSE RIMANELLI

 

Apprendiamo solo ora che il 6 gennaio del 2018 è mancato a Lowel nel Massachusset lo scrittore GIOSE RIMANELLI, nato a Casalcalenda ( Campobasso) nel 1925 da padre molisano e madre italo- canadese.

Il giovane Giose ebbe una vita travagliata e avventurosa, dopo aver passato qualche anno in seminario con l' intenzione di farsi prete.

Alla fine del 1943 scappò di casa per andare al nord e arrivò a Milano, dove, forse al di là delle sue stesse intenzioni, si ritrovò arruolato in un reparto speciale della G.N.R.(Guardia Nazionale Repubblicana) della R.S.I. e combatté in Valsesia contro i partigiani delle Brigate " Garibaldi" comandate da CINO MOSCATELLI.
Scampato allo sbranamento primaverile(espressione di FRANCESCO DE GREGORI) venne catturato dagli Alleati e imbarcato su un treno che avrebbe dovuto portarlo a Napoli e di quì caricato, con i suoi commilitoni, su di una nave destinata a condurlo nei campi di prigionia nel deserto algerino.
Ma Giose, prima di arrivare nel capoluogo partenopeo, riuscì a scappare e se ne tornò al paesiello natìo dove dopo essere stato nascosto per breve tempo poté circolare liberamente, grazie anche al fratello, cameriere di un ufficiale americano e che vestiva l' uniforme dei Marines.

La sua vicenda bellica è narrata nel suo romanzo autobiografico TIRO AL PICCIONE( Mondadori 1953 / Einaudi 1991 ), da cui il regista di sinistra GIULIANO MONTALDO( autore tra gli altri anche di "Sacco e Vanzetti" , " Giordano Bruno" e " Tempo di Uccidere" , tratto quest' ultimo da un lavoro di ENNIO FLAIANO) , realizzò , nel 1961, l' omonimo film, interpretato da JACQUES CHARRIER( l' ex marito di BRIGITTE BARDOT ), SERGIO FANTONI( come sempre nei panni dell' ufficiale ) , ELEONORA ROSSI DRAGO( nella parte della crocerossina, in uno scenario  che ricorda un pò "Addio alle armi " di ERNEST HEMIGWAY), FRANCISCO RABAL e (poteva mancare?) l' irriducibile GASTONE MOSCHIN.

Nel dopo guerra Giose , come i Fratelli VIVARELLI, ENRICO LANDOLFI , CARLO MAZZANTINI( padre di Margaret) , l' anziano STANIS RUINAS  e tanti altri con una simile storia, non volle sclerotizzarsi in nostalgie per il passato e si recò a Roma dove cominciò a frequentare ambienti intellettuali, dove erano presenti diversi personaggi di sinistra ( tra cui il suo  corregionale FRANCESCO JOVINE ) , i quali non gli fecero mai pesare il passato , come non trovò rinfacci ( neppure da ex partigiani come ANGELO DEL BOCA e GIORGIO BOCCA ) a Torino, dove venne assunto  al quotidiano della sinistra cattolica " La Gazzetta del Popolo" .

Qualche tempo dopo si trasferì in Canada dove aveva diversi parenti...
Da qui fece un pò la spola tra il Canada e l' Italia . Dopo il successo di " Tiro al piccione", Giose Rimanelli scrisse altri libri tra cui "Il mestiere del furbo " ( 1959) e " Biglietto di terza"(Mondadori 1958) e curò una breve antologia di  antichi testi  quale  " Monaci d' Amore Medioevali" ( Trevi, Roma, 1967 ) dove riporta  scritti di monaci in veste piĂą di gaudenti che non di vera vocazione religiosa, ammesso poi  che tra le due cose ci fosse  così tanta inconciliabilitĂ  ( FRA DOLCINO non era ateo eppure ebbe una bella storia d' amore con la sua compagfna MARGHERITA fino al loro estremo sacrificio) . Scrisse anche commedie e il balletto " Tè in casa Picasso ,il corno francese, Lares ( "Il Dramma" Torino, 1961) . Nel 1966 è stato tra gli autori di " Modern Canadian Stories "(Ryerson Press, Toronto ) . I suoi romanzi vennero tradotti in varie lingue ( e persino in paesi del "socialismo reale"  come la  Romania e la Yuguslavia) . Il suo nome apparve anche tra il " c a s t " del film " Suor Letizia " di MARIO CAMERINI .

Anche il giornalismo ebbe una parte rilevante nella sua vita. A parte l' esperienza della " Gazzetta del Popolo" , Giose scrisse diverse volte sul mensile " erotico- intellettuale" "Playmen, ( fondato dalla "radical-socialista" ADELINA TATTILO ) che a dispetto di tanti bacchettoni di DX e di SX non lo si poteva certo definire come puro e semplice " porno ", visto che ad esso collaboravano rilevanti e meno  figure di intellettuali di varia estrazione : UGO e LEONARDO SCIASCIA, FRANCO VALOBRA, EMILIO SERVADIO ( psicoanalista e negli anni ' 30 facente parte dei Gruppi di Ur di Magia ) , UGO MORETTI, LUIGI DE MARCHI ( il biografo di WILLHEM REICH ) , ENRICO DE BOCCARD( che nei primi mesi del 1970 intervistò per " Playmen " il filosofo della destra JULIVS EVOLA) ) , MARIO GANDINI ( l' A. de " La caduta di Varsavia" edito da Longanesi) , PIERO VIVARELLI  e altri -

In una sua foto degli anni ' 70 pubblicata da "Playmen " , Giose  sembra quasi  la controfigura di ALAN GINSBERG della " Beat Generation " , quella corrente esistenzialista ( GREGORY CORSO, JACK  KEROUAç , FERLINGHETTI e altri ) del dopoguerra che mostrava insofferenza verso la mediocre vita borghese e conformista, ma che non seppe andare al di lĂ  della musica, del sesso, delle droghe  e delle " ciucche " , e spesso autolesionandosi( Kerouaç sarebbe morto di cirrosi epatica ) , cosa che piĂą tardi sarebbe capitata anche a tanti " fricchettoni" , " ecce-bombi " , " cretini col K " come li definì GIANPIERO MUGHINI, dopo il ' 77 -

Fino a pochi anni fa, Giose veniva una volta all' anno nel suo Molise, recandosi spesso sulla spiaggia di Termoli come nella stessa spiaggia  un molisano emigrato a Thoronto ci disse .

Da molti anni Giose si era trasferito negli $tate$ dove era diventato docente universitario

La morte di Rimanelli è stata una notevole perdita per la cultura  " irregolare " e non-schematica italiana, europea  e americana....



Commenti

Post popolari in questo blog

đź“· Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

đź“° Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscuritĂ ” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalitĂ  sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscuritĂ  della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da piĂą di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacitĂ  di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dĂ  il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica