Passa ai contenuti principali

📰 Il posto delle fragole di Mario Coviello: “Per questo ho vissuto” un romanzo di Sami Modiano


Per celebrare “ La Giornata della memoria”,in qualità di presidente del Comitato Unicef di Potenza,con le volontarie del servizio civile Unicef di Potenza Claudia Robilotta e Veronica Lavecchia, ho incontrato in streaming, dal 23 gennaio al 5 febbraio, 25 classi di Potenza e provincia. Oltre 400 alunni di terza, quarta e quinta e delle tre classi della scuola media. E’ stata un’esperienza che mi ha fatto crescere. Prima da docente e poi da dirigente scolastico ho sempre creduto che parlare alle giovani generazioni della Shoah fosse necessario perché non c’è futuro senza memoria e ho utilizzato per fare questo lavoro di approfondimento la letteratura e il cinema. In queste settimane con brani de “ La vita è bella” di Benigni, del “Bambino con il pigiama a righe” di Mark Herman e la lettura per i più piccoli de i libri illustrati “ La portinaia Apollonia di Lia Levi, e “Otto, autobiografia di un’orsacchiotto” di Tomi Ungerer, ho comprato e letto ai ragazzi di quinta e della scuola media brani tratti da “ Per questo ho vissuto. La mia vita ad Auschhwitz- Birkenau e altri esili” di Sami Modiano. L’ho letto nell’edizione del gennaio 2021, con la prefazione di Enrico Mentana e la postfazione di Umberto Gentiloni Silveri, Paper First by Il Fatto Quotidiano, BUR Rizzoli. In 155 pagine, divise in sette capitoli Sami Modiano racconta la sua infanzia felice, di bambino ebreo a Rodi e il momento in cui a ”otto, otto anni e mezzo….ho perso la mia innocenza. Quella mattina mi ero svegliato come un bambino. La notte mi addormentai come un ebreo..” perché il maestro, mettendogli una mano sulla testa per confortarlo, gli aveva detto che non poteva più frequentare la scuola. E Sami, che era un bambino studioso ed educato, si sente in colpa e chiede al padre perché è stato cacciato e sente per la prima volta l’espressione “razza ebraica” . “ E io gli dicevo di non vedere differenze con i miei compagni di classe, io ero uguale a loro, non mi sentivo diverso…” E, a poco a poco, anche a Rodi “l’isola felice” il cerchio si chiude e una mattina, quando Sami ha appena tredici anni e mezzo, con oltre duemila ebrei che vivevano nel Dodecanneso, nell’estate del 44, quando Hitler stava per essere sconfitto, la macchina infernale dello sterminio non si ferma e lo travolge con il padre Giacobbe e la sorella Lucia. Con un linguaggio piano e sofferto Sami racconta le privazioni del lungo viaggio, l’arrivo sulla rampa di Birkenau, la separazione dalla sorella, il lento spegnersi del padre che lo sostiene fino all’ultimo. E Sami combatte la fame atroce, il freddo, la fatica di un lavoro che andava avanti per dodici ore al giorno, la crudeltà senza ragione degli aguzzini che lo ha portato più volte a cercare la morte. Sami ce la fa. Con l’amico Settimio attraversa l’Europa a piedi, si consegna in Austria agli americani, e arriva a Roma, dove scopre la solidarietà della comunità ebraica che lo fa arrivare in Africa da un cugino. Più volte Sami è costretto a ricominciare perché perde tutto. Ma l’amore della moglie Selma, alla quale dedica il libro, lo sostiene fino a quando comprende, grazie all’amico ritrovato Piero Terracini che l’unico modo di fare i conti con il suo passato è ricordare. Dal 2005 ha accompagnato migliaia di giovani con il “treno della memoria” a Treblinka e nel 2013 ha scritto questo libro che ha attraversato in questi giorni la mia vita come quella di tante altre persone, come un piccolo grande regalo. Nei miei incontri con i ragazzi e le loro maestre e professoresse questo libro è diventato un consiglio di lettura, un invito per chi voleva conoscere qualcosa di più di una storia e del suo protagonista. Questo libro mi ha commosso e fatto riflettere e mi auguro che anche per i miei lettori diventi “un segno prezioso, da accogliere nei suoi risvolti più coinvolgenti di una testimonianza preziosa” . Anche Sami Modiano, che ha novant’anni, in questi mesi è rimasto chiuso nella sua casa di Ostia con la moglie Selma, circondato dall’affetto dei suoi vicini. Improvvisamente ha dovuto smettere di andare nelle scuole, di spiegare ai ragazzi che è rimasto vivo proprio lui perché ha il dovere di testimoniare, di raccontare quei morti che con le sue parole tornano a vivere e danno un senso alla loro sofferenza. “Mi mancano gli incontri con i ragazzi…le possibilità di riconoscere volti e sorrisi di tanti. Ma aspetto fiducioso, - afferma Sami Modiano - verranno tempi migliori per riprendere un cammino interrotto. Andiamo avanti… Caminando Y ablando…” e leggendo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt