Passa ai contenuti principali

🎥 In Primo Piano con ELENA KOZINA-CLAPS, artista musicale (soprano)

 In Primo Piano 29. puntata. 

ELENA KOZINA-CLAPS, artista musicale (soprano). Insignita nel 2018 del “Leone d’Oro” per meriti professionali e vincitrice di numerosi concorsi internazionali di canto lirico : I prize winner “Academic Singing” nomination –II International contest of young artists “Musical Republic invites friends” 2017, concorso internazionale “Fortissimo” (Kharcov, 2006), festival- concorso di romanze russe (Ioscchar-Ola, 2008) con lode in recitazione ed II Concorso europeo di esecuzione musicale J. Napoli, III Premio (Cava de Tirreni SA, 2014). Ha iniziato i suoi studi come conduttrice di coro presso il Collegio Musicale di Surgut (Russia), successivamente laureata in canto lirico nell’Accademia Musicale di Donezk. Il suo percorso professionale vanta eccellenti perfezionamenti al fianco di grandi nomi di canto lirico mondiale, Elizabeth Norberg-Schulz, Elena Obraszova alla School of vocal Masteri di San Pietroburgo, partecipa alla Masterclass internazionale di alto perfezionamento vocale di Mirella Freni (Modena –Italia), Carlo Desderi (Italia) ed in progetto Bach-Accademia (Germania). Inizia la sua carriera in Russia e successivamente in Belgio, Spagna, Germania. Debutta in Italia nel 2012 nel ruolo di Musetta “Boheme” Puccini con il Teatro Lirico Europeo . Nel 2013 partecipa all’ “Italian Opera Festival'' Roma . Entusiasmano la critica le sue esibizioni al Roncole Verdi Festival (2015); nel 2020 Tour di concerti “Verdi Nacht” di Cristian Lanza in Germania (Berliner Philharmoniker, Munich Philharmonic , sala da concerto di città di Amburgo ,ecc ). 2020, debutto nel “TeatrOperaFestival” nel ruolo di Suor Angelica ‘’Suor Angelica’’ G.Puccini. Il suo vasto repertorio comprende ruoli d’opera (Serpina "La serva Padrona" G.B.Pergolesi, Gilda "Rigoletto" G.Verdi, Adina "L 'Elisir D 'Amore" G. Donizetti, Musetta "Boheme" G.Puccini ed altri), concerti (“ Le vie dell`amore”, “O bella notte”, “Una luce nella notte”, "Da Napoli a Vienna", "Sed fieri sentio" ,”Donne in musica”...), musica sacra e napoletana. Il suo senso dell'arte è quello di creare uno scambio culturale fra l'Italia e la Russia, attraverso la divulgazione della musica russa, quella italiana e napoletana. Risiede in Basilicata, a Potenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica