Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fiocchi di febbraio

Monticchio. I fiocchi di neve danzano: ora impetuosi sospinti dal vento, ora leggeri volteggiano per posarsi sui cumuli, oppure inghiottiti dal fango. Sembra quasi che seguano il ritmo di allegre sonatine -nella fredda luce del crepuscolo - mentre un cielo plumbeo incombe minaccioso sopra gli alberi appesantiti di bianco. E’ l’inverno che fa sentire il suo passo, pesante come sono i passi nella neve quantunque si disponga cedevole e morbida. Cercheremo allora di “ non disturbare la neve con le nostre impronte ”, suggeriva Sting in una sua sensazione cantata. Ma il luogo di alberi imbiancati e di boschi tutt’intorno appaiono sospesi, mentre accettano la dolce violenza della neve. E mentre i laghi fanno da sfondo incantato che taglia un orizzonte avvinto di candore, prima che cada la notte. Un’altra notte fredda, buona per i lupi e altri randagi che aspettano impazienti che anche questa neve si sciolga. Ispira nuovi incanti questo paesaggio che odora di ghiaccio, che arriva fino all’acme delle narici. Forse anche qui Borges avrebbe scritto: “ Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento: quello in cui l’uomo sa per sempre chi è ”. Lo avrebbe scritto, si può giurare, in uno scenario così ammaliante: su questo lago dorato, fra neve peritura che tuttavia minaccia di essere permanente. I lupi non si accostano, c’è un fuoco che brilla più in là, si sono educati nel frattempo, da quando assalivano cascine ed ovili senza alcuna pietà. L’antica abbazia, come una madre accogliente, custodisce nel suo ventre racconti di gente stantia e transumante. E’ quasi un’arca, è nido di animali rari e in simbiosi. Ma esiste davvero questo luogo oppure no? O è solo il prodigio della natura mistica che lo pospone nel mito? che lascia che nostalgia e crepuscolo si avvinghino di umori lontani, buoni come il latte appena munto e il pane sfornato. Uscire dalla bambagia di neve si può, si deve, perché la notte incombe e il cielo non è più nemmeno plumbeo. Minaccia una notte a meno sette. E solo Emily (Dickinson) ci riporta sulla strada maestra, verso case riscaldate: “ Bianca come una pipa indiana / rossa come una libella cardinalis / favolosa come una luna a mezzogiorno / quest’ora di febbraio ”. 

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,