Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fiocchi di febbraio

Monticchio. I fiocchi di neve danzano: ora impetuosi sospinti dal vento, ora leggeri volteggiano per posarsi sui cumuli, oppure inghiottiti dal fango. Sembra quasi che seguano il ritmo di allegre sonatine -nella fredda luce del crepuscolo - mentre un cielo plumbeo incombe minaccioso sopra gli alberi appesantiti di bianco. E’ l’inverno che fa sentire il suo passo, pesante come sono i passi nella neve quantunque si disponga cedevole e morbida. Cercheremo allora di “ non disturbare la neve con le nostre impronte ”, suggeriva Sting in una sua sensazione cantata. Ma il luogo di alberi imbiancati e di boschi tutt’intorno appaiono sospesi, mentre accettano la dolce violenza della neve. E mentre i laghi fanno da sfondo incantato che taglia un orizzonte avvinto di candore, prima che cada la notte. Un’altra notte fredda, buona per i lupi e altri randagi che aspettano impazienti che anche questa neve si sciolga. Ispira nuovi incanti questo paesaggio che odora di ghiaccio, che arriva fino all’acme delle narici. Forse anche qui Borges avrebbe scritto: “ Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento: quello in cui l’uomo sa per sempre chi è ”. Lo avrebbe scritto, si può giurare, in uno scenario così ammaliante: su questo lago dorato, fra neve peritura che tuttavia minaccia di essere permanente. I lupi non si accostano, c’è un fuoco che brilla più in là, si sono educati nel frattempo, da quando assalivano cascine ed ovili senza alcuna pietà. L’antica abbazia, come una madre accogliente, custodisce nel suo ventre racconti di gente stantia e transumante. E’ quasi un’arca, è nido di animali rari e in simbiosi. Ma esiste davvero questo luogo oppure no? O è solo il prodigio della natura mistica che lo pospone nel mito? che lascia che nostalgia e crepuscolo si avvinghino di umori lontani, buoni come il latte appena munto e il pane sfornato. Uscire dalla bambagia di neve si può, si deve, perché la notte incombe e il cielo non è più nemmeno plumbeo. Minaccia una notte a meno sette. E solo Emily (Dickinson) ci riporta sulla strada maestra, verso case riscaldate: “ Bianca come una pipa indiana / rossa come una libella cardinalis / favolosa come una luna a mezzogiorno / quest’ora di febbraio ”. 

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo