Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fiocchi di febbraio

Monticchio. I fiocchi di neve danzano: ora impetuosi sospinti dal vento, ora leggeri volteggiano per posarsi sui cumuli, oppure inghiottiti dal fango. Sembra quasi che seguano il ritmo di allegre sonatine -nella fredda luce del crepuscolo - mentre un cielo plumbeo incombe minaccioso sopra gli alberi appesantiti di bianco. E’ l’inverno che fa sentire il suo passo, pesante come sono i passi nella neve quantunque si disponga cedevole e morbida. Cercheremo allora di “ non disturbare la neve con le nostre impronte ”, suggeriva Sting in una sua sensazione cantata. Ma il luogo di alberi imbiancati e di boschi tutt’intorno appaiono sospesi, mentre accettano la dolce violenza della neve. E mentre i laghi fanno da sfondo incantato che taglia un orizzonte avvinto di candore, prima che cada la notte. Un’altra notte fredda, buona per i lupi e altri randagi che aspettano impazienti che anche questa neve si sciolga. Ispira nuovi incanti questo paesaggio che odora di ghiaccio, che arriva fino all’acme delle narici. Forse anche qui Borges avrebbe scritto: “ Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento: quello in cui l’uomo sa per sempre chi è ”. Lo avrebbe scritto, si può giurare, in uno scenario così ammaliante: su questo lago dorato, fra neve peritura che tuttavia minaccia di essere permanente. I lupi non si accostano, c’è un fuoco che brilla più in là, si sono educati nel frattempo, da quando assalivano cascine ed ovili senza alcuna pietà. L’antica abbazia, come una madre accogliente, custodisce nel suo ventre racconti di gente stantia e transumante. E’ quasi un’arca, è nido di animali rari e in simbiosi. Ma esiste davvero questo luogo oppure no? O è solo il prodigio della natura mistica che lo pospone nel mito? che lascia che nostalgia e crepuscolo si avvinghino di umori lontani, buoni come il latte appena munto e il pane sfornato. Uscire dalla bambagia di neve si può, si deve, perché la notte incombe e il cielo non è più nemmeno plumbeo. Minaccia una notte a meno sette. E solo Emily (Dickinson) ci riporta sulla strada maestra, verso case riscaldate: “ Bianca come una pipa indiana / rossa come una libella cardinalis / favolosa come una luna a mezzogiorno / quest’ora di febbraio ”. 

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica