Passa ai contenuti principali

đź“° Schermi Riflessi: STORIE & MEMORIE DELLA COMUNITĂ€ - MISFF2021 Raccontate attraverso il cinema

 
Con la fattiva collaborazione fra il CineClub “Vittorio De Sica”- Cinit e il Montecatini Short Film Festival (MISFF) – cui svolge ruolo attivo il Festival Tulipani Seta Nera (FTSN) – prende corpo il progetto: “ IdentitĂ  Italiane: Storie Memorie della ComunitĂ  ”. L’iniziativa si rivolge ai giovani studenti delle scuole superiori in un contesto multidisciplinare, al fine di fornire competenze trasversali di cinema e di salvaguardia del proprio territorio. Tale attivitĂ  rientra nei progetti di formazione sui percorsi di Alternanza Scuola Lavoro/PCTO. I l CineClub “De Sica” – presieduto da Armando Lostaglio - con il Festival Tulipani di Seta Nera – presieduto da Diego Righini - parteciperanno anche in alcune attivitĂ  durante le “Conference & International Meeting”. L’organizzazione generale è di Marcello Zeppi, il quale sovrintende le attivitĂ  collaterali del Montecatini International Short Film Festival , che da diversi anni presiede. Quest’anno il Festival si terrĂ  a Montecatini Terme dal 23 al 28 ottobre. Il filo della memoria racconta, dunque, la nostra capacitĂ  di generare resilienza, senso di appartenenza e coesione sociale, qualitĂ  diventate strategiche anche per fronteggiare l'emergenza Covid-19 e traghettare gli studenti in un enorme “Villagio Educante”. Ad insegnare “Critica Cinematografica” sono i docenti: Paola Dei, Psicologa dell’arte; Paola Tassone, Direttrice Artistica FTSN; Armando Lostaglio, Presidente del “De Sica” - Cinit; Catello Masullo, Presidente del Cinecircolo Romano. Cultura cinematografica, innovazione digitale e audiovisivo: elementi utili ​ per condurre il rinnovamento nel campo del lavoro, delle politiche sociali e per valorizzare le strategie sostenibili del territorio. Le ricadute sull’istruzione sono evidenti, con l’acquisizione di nuove competenze nella comunicazione e nella capacitĂ  di generare coesione sociale e territoriale. Gli studenti del Liceo “Coluccio Salutati” di Montecatini – Dirigente Graziano Magrini - hanno aderito al progetto con una convinta partecipazione, insieme agli studenti del Liceo “Stellini” di Udine Dirigente Luca Stellutti. Nel contesto della iniziativa, cinquecento giovani faranno parte della Giuria Giovani, centoventi sono iscritti ai corsi di preparazione e produzione di film, cortometraggi, audiovisivi creati con l’obbiettivo di familiarizzare con il linguaggio cinematografico. Un insieme articolato di attivitĂ  culturali nell’ambito di una Academy, fatto di colori, suoni, luoghi, paesaggi, ambienti, testi, che diventano storie, racconti, visioni, sogni, realtĂ , opportunitĂ . Registrare il presente indirizzando gli studenti ad osservare i luoghi frequentati con occhi nuovi cogliendo la bellezza, anche utilizzando lo smartphone in maniera creativa. Infine, i lavori prodotti dai giovani saranno mostrati durante il Montecatini International Short Film Festival. Una favorevole opportunitĂ  per i g iovani che potranno misurarsi nel proprio talento, e che parteciperanno anche a conferenze internazionali, in collaborazione con le Associazioni culturali cinematografiche, Festival ben consolidati in Italia e all’estero, dal Portogallo alla Spagna, dalla Russia all’Ucraina.

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“· Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

đź“° Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscuritĂ ” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalitĂ  sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscuritĂ  della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da piĂą di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacitĂ  di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dĂ  il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica