Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazione in Primo Piano: Recensione di Nunzio Smacchia su "Avana killing" di Gordiano Lupi


In questo bellissimo noir, classico e lineare, non fatevi ingannare dai riti esoterici, dai santeri e dai bobalos (santi della tradizione cattolica) e soprattutto dalla Santeria, il rito tradizionale cubano, costituito dalla commistione di culti africani e religione cattolica. Tutto questo fa da sfondo alla trama di un noir immerso in un’atmosfera di riti sacrificali che avvolge la capitale cubana. Alla base di questo palpitante romanzo, però, c’è soprattutto l’amore disperato in tutte le sue forme: coniugale, filiale e quello tra uomo e donna. La costruzione dell’intreccio è semplice e si viene portati per mano dall’autore per tutto il percorso narrativo fino al sorprendente finale, che si può intuire solo se si è stati attenti nella lettura ai particolari disseminati nelle descrizioni fatte in occasione delle uccisioni. La bellezza di questo libro sta nella presenza di una approfondita descrizione della cultura cubana che fa da sfondo agli ingredienti tipici di un caso da risolvere in presenza di un serial killer. Il gioco equivoco si fa intenso e particolare tra credenze pseudo religiose e l’amore di una madre che ritrova insperatamente un figlio, che si risveglia dopo essere stato per due mesi in coma. La storia si dipana con sapienti colpi di scena e porta l’ispettore incaricato di svolgere l’indagine sulle tracce di un conclamato assassino seriale, che, alla fine, si scopre essere la persona meno sospettata, ma che si tradisce per la sua mania di feticismo, tipica di chi è affetto da una certa patologia psichica che il colpevole si porta dietro da diverso tempo. Lo stile narrativo è semplice e asciutto, scevro da manierismi e da incrostazioni letterarie, che scorre liscio e caratterizza l’impianto costruttivo per la sua essenzialità. Si nota nella tessitura del romanzo la mano non solo di un profondo conoscitore dell’ambiente della capitale cubana, l’Avana, e dei riti esoterici e arcani che vi si svolgono, tanto da sembrare scritto da un autentico cubano, ma anche di un esperto di nomenclatura criminologica, da far invidia ai veri studiosi del crimine e dintorni. In definitiva, si è in presenza di un mirabile connubio tra auree culturali della società cubana e una magistrale calligrafia criminale, che fanno del romanzo un bell’esempio di opera criminologica del mondo dei serial killer. Un libro che merita di raccogliere più di quanto abbia ottenuto fino ad ora. Ma non è mai troppo tardi.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica