Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazione in Primo Piano: Recensione di Nunzio Smacchia su "Avana killing" di Gordiano Lupi


In questo bellissimo noir, classico e lineare, non fatevi ingannare dai riti esoterici, dai santeri e dai bobalos (santi della tradizione cattolica) e soprattutto dalla Santeria, il rito tradizionale cubano, costituito dalla commistione di culti africani e religione cattolica. Tutto questo fa da sfondo alla trama di un noir immerso in un’atmosfera di riti sacrificali che avvolge la capitale cubana. Alla base di questo palpitante romanzo, però, c’è soprattutto l’amore disperato in tutte le sue forme: coniugale, filiale e quello tra uomo e donna. La costruzione dell’intreccio è semplice e si viene portati per mano dall’autore per tutto il percorso narrativo fino al sorprendente finale, che si può intuire solo se si è stati attenti nella lettura ai particolari disseminati nelle descrizioni fatte in occasione delle uccisioni. La bellezza di questo libro sta nella presenza di una approfondita descrizione della cultura cubana che fa da sfondo agli ingredienti tipici di un caso da risolvere in presenza di un serial killer. Il gioco equivoco si fa intenso e particolare tra credenze pseudo religiose e l’amore di una madre che ritrova insperatamente un figlio, che si risveglia dopo essere stato per due mesi in coma. La storia si dipana con sapienti colpi di scena e porta l’ispettore incaricato di svolgere l’indagine sulle tracce di un conclamato assassino seriale, che, alla fine, si scopre essere la persona meno sospettata, ma che si tradisce per la sua mania di feticismo, tipica di chi è affetto da una certa patologia psichica che il colpevole si porta dietro da diverso tempo. Lo stile narrativo è semplice e asciutto, scevro da manierismi e da incrostazioni letterarie, che scorre liscio e caratterizza l’impianto costruttivo per la sua essenzialità. Si nota nella tessitura del romanzo la mano non solo di un profondo conoscitore dell’ambiente della capitale cubana, l’Avana, e dei riti esoterici e arcani che vi si svolgono, tanto da sembrare scritto da un autentico cubano, ma anche di un esperto di nomenclatura criminologica, da far invidia ai veri studiosi del crimine e dintorni. In definitiva, si è in presenza di un mirabile connubio tra auree culturali della società cubana e una magistrale calligrafia criminale, che fanno del romanzo un bell’esempio di opera criminologica del mondo dei serial killer. Un libro che merita di raccogliere più di quanto abbia ottenuto fino ad ora. Ma non è mai troppo tardi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt