Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in primo Piano: La poetessa rionerese Marisa Ferrara prosegue nel suo cammino letterario.


La passione per la poesia della scrittrice rionerese Marisa Ferrara nasce sin dall'infanzia: riferisce, infatti, di aver iniziato ad incanalare i suoi primi passi verso la scrittura sin dalle scuole medie, dove esprimeva i suoi pensieri mettendoli nero su bianco su un giornalino scolastico denominato "Il Piccolo Bazar". I suoi primi versi furono molto apprezzati dal suo prof. di Lettere, a tal punto da invitarla, con tanta gioia, a continuare con perserveranza nel suo cammino letterario, prevedendo sin dal principio un grande successo che, in effetti, negli anni successivi, è diventato ampio. Il primo libro pubblicato risale all'anno 2011, intitolato "Arte, poesia e pensieri sulla vita", che tocca temi che riguardano l'anima, l'interiorità, come stati d'animo, riflessioni profonde, sofferenze e momenti sereni, felici. Le pubblicazioni successive sono state svariate come "Emozioni'' (2013), "Sensazioni" (2015). Un aspetto prevalente nei suoi scritti è la volontà nitida, limpida ed estremamente argomentativa di esprimere la voglia di guardare avanti, sempre, senza mai mollare, senza mai arrendersi, nonostante i tanti momenti bui che, inevitabilmente, possono accadere nella vita.

 

Tanti, i riconoscimenti e i premi che Marisa Ferrara si è aggiudicata nel corso degli anni come i premi di merito rilasciati dall'associazione artistico-letteraria Engel Von Bergeiche fondata da Rossella Calderone. Un altro tassello importante da segnalare è la sua grande e innata capacità di tramandare con tanta sensibilità la sua passione, infatti sua figlia, Assunta Dorotea Ferrara, una bambina di soli 10 anni, ha seguito con grande interesse ed entusiasmo la propensione della mamma fino a prenderne un immenso spunto. Non a caso ha pubblicato anch'essa, di recente, nonostante la sua giovanissima età, il suo primo libro intitolato "I pensieri di una bambina'': un libro colmo di tante sensazioni esplicitate "di getto", con spontaneità, con scorrevolezza, che esprimono la bellezza delle piccole cose captate nel mondo dell'infanzia, con una semplicità commovente che solo un bambino sa tirar fuori; un libro colmo di tanti aspetti che lasciano trapelare la voglia di far crescere questa costruttiva passione per la scrittura, per ampliarla e renderla qualcosa dalla quale poter avvertire un'emozione grande, sincera, partecipata e creare uno scambio culturale esponenziale tra chi legge e chi scrive. I progetti futuri di Marisa Ferrara e Assunta Dorotea Ferrara sono tanti, come la probabilità di scrivere un libro di poesie in collaborazione. Una mamma e una figlia che hanno in comune uno strumento straordinario: la POTENZA e la FORZA della penna per esprimersi e lasciare un "segno"... 

 Carmen Piccirillo

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica