Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cento anni Nino Manfredi

 
Si chiamava Saturnino, ma per tutti era solo Nino, il vicino di casa dal volto bonario, pure se talvolta assumeva un aspetto drammatico: Nino Manfredi , ovvero l’arte di commuovere sorridendo. Ciociaro di Castro dei Volsci , era nato il 22 marzo 1921 , centenario, come altri della sua brillantissima generazione, cui la cultura italiana (e cinematografica e televisiva) deve tantissimo. Si spense a Roma , nel 2004, eppure come se fosse ieri, quando in uno spot beveva con garbo quel suo caffè. E che vendeva (da abusivo) su un treno del Sud in “ Café Express ”, diretto (nel 1980) da Nanni Loy. C’è spesso un treno nella memoria di Nino: “ L’avventura di un soldato ” con la seducente vedova (suo primo eccellente film del ’62 diretto e interpretato, tratto da un racconto di Italo Calvino) e il treno del non ritorno dall’emigrazione svizzera (in “ Pane e cioccolata ” di Franco Brusati, 1974). Manfredi fa parte di quell’olimpo di attori ineguagliabili che hanno interpretato il Cinema italiano, e la Commedia come drammaturgia del quotidiano: Alberto Sordi , Ugo Tognazzi , Vittorio Gassman , Marcello Mastroianni . E a dirigerli immensi registi (Scola, Risi, Monicelli, Magni, De Sica, Lattuada, Zampa, Emmer) che lasciano tutt’ora un segno di struggente bellezza. Un cinema che continua a raccontarci il secolo scorso come meglio non si potrebbe: l’effige di Nino Manfredi rimane in un distillato di immagini, popolari ed erudite ad un tempo, ma sempre colorite da una espressività contagiosa. Manfredi attore , regista , sceneggiatore , comico , cantante e doppiatore : pura versatilità di scena. Durante la sua straordinaria carriera ha alternato ruoli comici e drammatici con esaltante efficacia, ottenendo riconoscimenti in Italia e oltre. L’indole scenica la incrocia ad un'esibizione della compagnia teatrale di Vittorio De Sica, se ne innamora. Troverà in Orazio Costa il suo mentore e debutterà in teatro con Tino Buazzelli. Passerà quindi alla scuola del Piccolo Teatro di Milano con Giorgio Strehler e infine, di nuovo a Roma, con Eduardo De Filippo. Un esordio incommensurabile. Ma sarà il Cinema a consacrarlo, nella semantica di una esistenza in grado di manifestare i volti più comuni e più sinceri. Il personale ricordo di Nino Manfredi va al venticinquesimo anniversario dell’uscita del capolavoro “ Pane e cioccolata ” che il CineClub “De Sica” aveva inserito nella mostra CinEtica del 1999 a Rionero, sul tema della emigrazione. Il contatto con l’attore lo fornì il compianto Tony De Bonis (regista di Pietragalla attivo a Roma e in Ciociaria), per invitarlo a Rionero, come già si faceva anche con altri registi ed attori. Telefonammo a casa di Nino e ci rispose la sua adorata moglie, Erminia. Con gentilezza ci passò Nino, che si dichiarò onorato di averlo invitato per ricordare quel ​ film capolavoro di Brusati. Ci parlò bene della Basilicata che un po’ gli ricordava la sua Ciociaria. Ci era stato per il film “ Anni ruggenti ” di Luigi Zampa nel 1962, mirabile la sua interpretazione a Matera. Ebbene, accettò di venire da noi. Per l’organizzazione del viaggio ci passò di nuovo sua moglie, la quale garbatamente ci rispose che l’attore aveva ricevuto contestualmente altro invito in televisione, al quale non poteva rifiutare. Qualche anno dopo, Nino uscì di scena, definitivamente. Lo ricorderemo sempre con affetto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Essere figli

E’ la nostra identità dacché nasciamo, l’essere figli sempre; è lo status con il quale veniamo al mondo e che ci rimane addosso per identità, per nome e per cognome, per destino e pertanto immutabile, per sempre. L’essere figli nonostante il percorso di una vita ci conduca in altri stati fisici ed interiori, in geografie estetiche ulteriori, in situazioni e sentimenti tinti d’altrove.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog