Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazione in Primo Pino: "Appunti di Matera sotterranea 4. Foggiali"


Pubblicato Foggiali, il quarto volume della collana Appunti di Matera sotterranea a cura di Enzo Viti e Teresa Lupo, Edizioni Magister.

Pronti, partenza, via! La primavera culturale materana inizia all'insegna dell'entusiasmo, e non poteva essere altrimenti. L'avventura della fortunata collana Appunti di Matera sotterranea, dopo il successo del terzo numeroAbbondanza che ha ricevuto un grosso eco mediatico nazionale, continua con un'altra perla del sottosuolo: Foggiali.

I foggiali, sono delle fosse scavate nella tenera calcarenite, dei silos ipogei che in passato venivano utilizzati per stivare cereali e altre derrate alimentari.  

Lo studio che i due autori della collana, Enzo Viti e Teresa Lupo, hanno realizzato, è il primo che affronta in maniera analitica il tema e che ha riportato alla luce, in maniera topografica, il perimetro della vasta area cittadina chiamata “Piana dei foggiali”, un'area di circa 15.000 metri quadri, un tempo aperta campagna, oggi completamente sommersa dalle affastellate costruzioni tipiche dei Sassi e, fino a ieri, dimenticata.

È al di sotto delle abitazioni che si è concentrata la ricerca, negli ipogei scavati nel corso del tempo che hanno inglobato i preesistenti foggiali, lasciando sui soffitti la traccia indelebile della loro presenza.

Dopo aver censito tutti gli ipogei del piano, è stato possibile isolare la zona in cui queste fosse sono presenti in numero ragguardevole e incrociando i dati con le poche fonti documentaristiche conosciute, è stato possibile definire in maniera scientifica i limiti della Piana dei foggiali, aprendo così una riflessione sull'importanza che deve aver avuto questa cospicua attività produttiva per l'economia del passato cittadino materano.

Certamente questa pubblicazione servirà agli studiosi per una riscrittura della storia materana che non è stato solo vergogna e povertà, come frettolosamente e arbitrariamente in molti hanno scritto.

Il volume è composto da 64 pagine illustrate da straordinarie tavole architettoniche e disegni di ricostruzioni storiche affascinanti, nonché da fotografie che documentano il lavoro di ricerca in ognuno degli ipogei presi in esame.


 

Il libro, la cui copertina è stata realizzata da Pino Oliva, rappresenta uno skyline dei Sassi con ipogei. L’introduzione dell’architetto Biagio Lafratta, che ha supportato gli autori nel processo di elaborazione dei dati dello studio, annota che molti foggiali sono stati successivamente convertiti in cantine (il prossimo numero, già annunciato, tratterà il tema delle cantine materane), questo potrebbe evidenziare, altresì, una conversione colturale, da quella granaria a quella viticola.

Matera, terra del pane e terra del vino ha ancora molto da palesare della sua storia scritta nel sottosuolo.

Foggiali è disponibile in libreria insieme agli altri volumi della collana "Appunti di Matera sotterranea": 

 Palombari; Grabiglioni; Abbondanza.


Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica