Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Roma. Giancarlo Nanni mostra dedicata all'uomo, all'artista e alla sua idea di teatro.


Dall'11 marzo fino al 27 maggio 2021 al teatro Vascello di Roma sarà inaugurata la mostra su Giancarlo Nanni. Una personale che descrive il percorso artistico di Nanni, dai suoi esordi come pittore, a performer e poi regista di teatro, di lungometraggi, film per la televisione, opere liriche; ma anche fondatore nel 1967 del teatro La Fede a Roma in una cantina di Porta Portese e nel 1989 del Teatro Vascello. Giancarlo Nanni era un uomo di passione e di lotta, curioso e sempre disposto a nuove sfide, la definizione più calzante lo vede come “magnifico corsaro” del teatro, per il suo impeto e determinazione nel perseguire la sua arte, la sua poetica e la sua disponibilità ad accogliere tanti artisti e giovani talenti. Un impegno incessante per mantenere inalterata quella “libertà creativa” che tanto ricercava nel suo teatro e utopisticamente nel teatro in generale.

Una personalità amata ma anche molto osteggiata per la sua incapacità di accettare compromessi. Manuela Kustermann e lo staff del teatro Vascello, hanno costruito questa mostra attingendo agli archivi documentativi conservati in teatro (foto, video, locandine, schizzi di scene, costumi, quadri, disegni, interviste, articoli.), a partire dalla fine degli anni '60 periodo di grande fervore culturale, alle tournée della compagnia La Fabbrica dell'Attore (anni 70 e 80), fino ad arrivare alle stagioni del teatro Vascello e agli ultimi successi nazionali e internazionali (1989 - 2009) . Un’occasione questa per ricordare il suo teatro, la sua originalità, la sua formazione, il suo talento e la sua generosità. La mostra sarà visitabile gratuitamente previa prenotazione, gli accessi agli spazi del teatro (foyer e atrio, escluso quindi platea e palcoscenico) sarà per un numero limitato di persone, dal lunedì al venerdì con tre turni al giorno: alle h 11,30, alle h 16,30 e ultimo turno alle h 18,30. 
 
Info e prenotazioni: 065881021 065898031 
promozioneteatrovascello@gmail.com 
Teatro Vascello Via Giacinto Carini 78 Cap 00152 Monteverde Roma 
www.teatrovascello.it

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica