Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in primo Piano: ULTIMA PUBBLICAZIONE DI ORIANA RAMUNNO


Oriana Ramunno è nata nel 1980, è lucana, originaria di Rionero in Vulture, ma vive e lavora a Berlino. E' una scrittrice acclarata: nel 2016 ha vinto il Premio WMI con il racconto Gli alberi alt . Ha pubblicato un racconto giallo intitolato Teriaca che è stato pubblicato in appendice a I Gialli Mondadori dopo aver vinto il concorso GialloLuna NeroNotte . Nell'anno 2017 è diventata finalista al Premio Alberto Tedeschi con il romanzo Moloch. Nel 2018 ha vinto il premio de Il Giallo in Provincia con il racconto Sassi e ha pubblicato il racconto "L'amore malato " nello speciale Mondadori sul femminicidio, stesso anno in cui si è classificata seconda al Premio Il Battello a Vapore con il romanzo I draghi di Aleppo. Ha pubblicato svariati racconti per Delos Digital. E' appassionata di storia, fantascienza e thriller. Un vasto excursus letterario e ancora tanti progetti da realizzare, infatti è in arrivo il suo ultimo romanzo thriller, che sarà pubblicato il 30 marzo 2021, dal titolo "Il bambino che disegnava le ombre". La trama si incentra sulla tematica relativa ai campi di concentramento di Aushwitz, focalizzandosi prevalentemente sull'attività di criminologia di Hugo Fischer, che è l'investigatore della Kriminapolizei, e nasconde un segreto molto misterioso, che lo rende dipendente dalla morfina... Fischer è stato chiamato per scoprire il motivo dell'assassinio di Sigismud Braun, un pediatra che lavorava con Josef Mengele. A Berlino pochi sono a conoscenza degli accadimenti nei campi di concentramento, e Fischer non è totalmente pronto a scoprirli ma nonostante questo dovrà fare i conti con la soluzione di un caso da risolvere e dovrà vedersela con militari, medici nazisti, crudeltà, e anche con tanti prigionieri. Tra i tanti c'è un bambino ebreo dal nome Gioele dagli occhi bellissimi, gli stessi occhi che hanno provocato un'ampia attenzione da parte di Mengele. Tra Gioele ed Hugo Fischer nascerà una straordinaria amicizia, un grande affetto non comune per quei luoghi così crudi. Un libro che appare drammatico ma avvincente, colmo di tanti aspetti commoventi e tramite i quali poter riflettere ampiamente. Una carriera, quella di Oriana Ramunno, esponenziale, progressiva, colma di tanti progetti e nuovi obiettivi da raggiungere che , di certo, non finiscono qui! Attendiamo con ansia l'arrivo dell'ultimo volume per essere maggiormente onorati di un talento di spessore, lucano, che diventa sinonimo di orgoglio per la Basilicata e per i rioneresi. 
 
Carmen Piccirillo

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica