Passa ai contenuti principali

📰 Sport. Internazionali d'Italia Supermarecross - RND #03, Maccarese (RM) - Press Release


Gara non facile quella di Maccarese per il Millionaire Racing Team. Nel terzo round degli Internazionali d’Italia Supermarecross, Tropepe è protagonista di una serie di errori ma nonostante tutto, sale sul podio centrando il terzo posto assoluto in MX2. Prestazioni in crescendo per Salone. 
 Prosegue senza sosta l’attività del Millionaire Racing Team che dopo aver preso parte al capito finale degli Internazionali d’Italia MX di Mantova, si trasferisce nel Lazio per il terzo round degli Internazionali d’Italia Supermarecross che si svolgono sul tracciato di Maccarese, piccola frazione di Fiumicino, in provincia di Roma. Giuseppe Tropepe #223, leader della classifica provvisoria della classe MX2, è affiancato sotto la tenda del team lucano dal compagno di squadra Daniele Salone #214, schierato nella classe MX1 categoria 300. Nella mattinata, al termine delle prove cronometrate, Giuseppe centra il 5° tempo; Daniele fa segnare il 10° tempo. 
 

 Nella prima manche della giornata, Giuseppe ha un discreto avvio e conquista subito la 3a posizione. Prima della fine del secondo giro il calabrese fa sua la 2a posizione ma purtroppo non riesce a tenerla sin sotto la bandiera a scacchi. Sul finire della quinta tornata infatti incappa in una caduta e subisce un sorpasso. Nei restanti giri prima della fine della manche recupera il terreno perso ma non riesce a sopravanzare l’avversario che lo precede; la sua manche termina con un 3° posto. La seconda manche di Giuseppe, è praticamente la fotocopia della precedente frazione. Dopo un discreto avvio di gara, Tropepe conquista la 3a piazza nel corso del quarto giro e nonostante qualche errore, giunge al traguardo 3°. Nella terza e decisiva manche ai fini della classifica assoluta, la Supercampione, Giuseppe sbaglia la partenza e nella foga di recuperare incappa in due cadute che lo costringono al ritiro quando è 10° in classifica. In classifica di giornata, Tropepe conquista il 3° posto assoluto conquistando un altro importante podio ma purtroppo perde la tabella rossa di leader provvisorio del campionato. Con tre gare al termine, c’è ancora tutto il tempo per recuperare. Nella prima manche della classe MX1, Daniele centra subito la ‘top 10’ in avvio di gara facendo suo il 7° posto. Per le prima quattro tornate Salone tiene saldamente la posizione ma nei giri successivi cede qualche posizione ma resta all’interno della ‘top 10’. A quattro giri dal termine, una caduta lo retrocede in 12a posizione e prima della bandiera a scacchi ne recupera solo una chiudendo 11° assoluto e 6° della categoria 300. Nella seconda manche, Daniele migliora leggermente la sua prestazione ma non è sufficientemente incisivo nella rimonta e dopo una serie di sorpassi fatti e subiti, riesce a conquistare il 10° posto assoluto e 6 ° della categoria 300. Non qualificatosi per la manche della Supercampione, la sua giornata si conclude con un 12° posto che lo colloca 20° in classifica generale della MX1 e 4° in quello della 300. Il quarto round degli Internazionali d’Italia Supermarecross si terrà in Calabria nel weekend del 4 Aprile, sul litorale di Roccella Ionica, in provincia di Reggio Calabria. Giuseppe Tropepe #223: “Oggi ci sono stati un po’ di problemi sin dalle prove cronometrate. Nelle manche poi, non solo sono partito male ma ho anche sbagliato tanto, buttando via numerose posizioni. La peggiore di tutte le manche è stata la Supercampione, dove sono caduto due volte e di conseguenza mi sono ritirato. Ci rifaremo nel prossimo round. Ciao.” 
 

Daniele Salone #214: “La gara di oggi è andata meglio delle precedenti. In qualifica potevo dare qualcosa in più ma tutto sommato sono soddisfatto del risultato. In gara 1 mi sono stabilito subito in 7apiazza e ho guidato bene sino a pochi giri dal termine, quando sono caduto e ho ceduto numerose posizioni. In gara 2 sono partito un po’ demoralizzato dal risultato della precedente frazione e non ho trovato il giusto ‘feeling’ con la pista, molto più segnata. Peccato perché il tracciato mi piaceva ma ancora una volta non sono riuscito a ottenere un buon risultato.” 
 
Testo by Max Serafino - Photo by Luigi de Pompeis

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica