Passa ai contenuti principali

🎥 STORIE... fede, cultura, tradizione. Intervista a Don Rocco Talucci

 

Don Rocco Talucci è stato ordinato presbitero dal vescovo Domenico Petroni il 23 luglio 1961 nella cattedrale di Venosa. È stato parroco della cattedrale di Venosa, assistente diocesano dell'Azione Cattolica, direttore delegato regionale della Caritas. Dottore in Sacra Teologia, è stato eletto vescovo di Tursi-Lagonegro il 25 gennaio 1988 e consacrato il 25 marzo dello stesso anno nella concattedrale di Venosa dal cardinale Bernardin Gantin, prefetto della Congregazione per i Vescovi. Ha compiuto il suo ingresso nella diocesi di Tursi-Lagonegro il 10 aprile 1988. Durante il suo episcopato, il 12 ottobre 1997, è stato beatificato il religioso lucano Domenico Lentini. In seno alla Conferenza Episcopale della Basilicata è stato delegato per la Carità e il Laicato. Nella Conferenza Episcopale Italiana è stato presidente della Commissione per il Laicato. È stato promosso alla sede arcivescovile di Brindisi-Ostuni il 5 febbraio 2000.[1] Ha compiuto il suo ingresso nell'arcidiocesi l'8 aprile dello stesso anno. È membro della Commissione Episcopale per l'evangelizzazione dei popoli e la cooperazione tra le Chiese, della Conferenza Episcopale Pugliese e presidente della Commissione regionale per il Laicato. Il 6 settembre 2011, al compimento del 75º anno di età, secondo le norme del Codice di Diritto Canonico, ha presentato le dimissioni per raggiunti limiti di età, che papa Benedetto XVI ha accolto il 20 ottobre 2012. Dopo le dimissioni vive nella sua città natale, Venosa.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica