Passa ai contenuti principali

📕 Emozioni di Gianni Donaudi: Archivio//////TRAFFIKO ( 2005 )


Non se ne può più. Sopratutto per chi abita nelle grandi metropoli (ma fatte le dovute proporzioni, anche nei piccoli centri non si scherza).
Lunghe file di esseri invasati, mandrie di bisonti cornuti, col peperoncino infilato nel didietro.
Claxsano , passano  col rosso (e tale "prodezza" è stata a volte giustificata anche da una mentecatta sottocultura nichilista, dandole un significato " anticonformista") , cercano di superare il collega di fronte, montano sui marciapiedi per guadagnare qualche metro, fanno manovre di un' idiozia tale che in altre nazioni europee il risultato sarebbe, nel migliore dei casi di 5000 E, quando non il ritiro perpetuo della patente.
Ma io non credo nelle istituzioni.
Anche le donne non sono da meno e non le solite " sbandate" o " squinternate " come si potrebbe immaginare alla prima impressione, ma anche giovani e candide mamme col fuoristrada (magari residenti in Collina), con i bimbi a bordo. Mamme magari che si sentono " impegnate" e che si credono all' "avanguardia", che magari poi blaterano tanto di "ecologia" , ma che, poverette, vanno in crisi se per caso l' amministrazione civica decreta un giorno (dico UNO!) di divieto di circolazione.
Come vanno in crisi se stanno due giorni senza andare a consumare al supermercato o al " d i s c o u n t " .
NO! Non si può chiedere una maggiore dimensione umana della vita e al contempo essere schiavi come tutti del sistema vigente.
Occorre fare delle scelte anche a costo di saper rinunciare a qualche cosa (e in questo io, libertario quale mi considero mi trovo perfettamente d' accodo col cattolico ""tradizionalista" FRANCO CARDINI (con certi articoli su " Il Sabato").
Ficcarsi nella testa che solo una sana ed equilibrata sobrietà può portare elementi di FELICITA' REALE (nell' 800 KARL MARX affermava che " la religione è l' oppio dei popoli ,ma oggi lo stesso ruolo è stato assunto dal Consumismo e dal Tecnicismo) .
E ormai la grande mandria italiota (compreso chi si dice "impegnato" ) è completamente priva di carattere.
Non sa rinunciare alle false sicurezze che un Sistema cinico e crudele, ancor peggiore del vecchio capitalismo, offre loro.
Credo che se si vuole modificare questo stato di cose occorra una " rivolta contro il mondo moderno" . Tranquillizziamoci , in chiave libertaria e non autoritaria. .
 E si tranquillizzi  chi potrebbe accusarci di " ambiguità culturale e ideologica " :
NULLA FU PIU' TECNOLOGICO E MODERNISTA DEL NAZISMO, ci insegna il filosofo neo-marxista COSTANZO PREVE :
" Non c' è nulla, nel secolo XX di più moderno di Auschwitz  insieme a Hiroshima " .
Forse è per questo che un detenuto politico in Piemonte, partito da originarie posizioni " tradizionaliste" ( più culturali che politiche, se vogliamo ) si sia evoluto alla fine in senso libertario, per poi venire accusato di alcuni fatti circa la Val Susa, contro la " Z i v i l i z a k t i o n " ( per usare un termine di OSVALD SPENGLER) .
A lui e a due suoi cari amici caduti, va tutta la nostra simpatia e solidarietà....

Gianni DONAUDI ( Torino, 2005 )

00000000000000000000000000000000000000000000000

BRUTALITA' INDUSTRIALE

Mostri puzzolenti iper  veloci / contenitori caricati / senza criterio né sponde protettive,
rischiano di precipitare sull' asfalto/ schiacciando pedoni, ciclisti
e gli stessi automobilisti.

Ma il rozzo padroncino/ pieno di nudi di carta/ ha fretta/ le sponde protettive ruberebbero
cinque minuti di tempo prezioso:

Carelli asfissianti/ all' interno dell' officina/ si uniscono al coro metallico/ e alla chimica lebbra
inalata.

( è proprio strano che il cancro/ sia attualmente tra i maggiori mali diffusi ? )...


Gianni DONAUDI ( Torino 2005 ) -

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.