Passa ai contenuti principali

📕 Emozioni di Gianni Donaudi: Archivio//////TRAFFIKO ( 2005 )


Non se ne può più. Sopratutto per chi abita nelle grandi metropoli (ma fatte le dovute proporzioni, anche nei piccoli centri non si scherza).
Lunghe file di esseri invasati, mandrie di bisonti cornuti, col peperoncino infilato nel didietro.
Claxsano , passano  col rosso (e tale "prodezza" è stata a volte giustificata anche da una mentecatta sottocultura nichilista, dandole un significato " anticonformista") , cercano di superare il collega di fronte, montano sui marciapiedi per guadagnare qualche metro, fanno manovre di un' idiozia tale che in altre nazioni europee il risultato sarebbe, nel migliore dei casi di 5000 E, quando non il ritiro perpetuo della patente.
Ma io non credo nelle istituzioni.
Anche le donne non sono da meno e non le solite " sbandate" o " squinternate " come si potrebbe immaginare alla prima impressione, ma anche giovani e candide mamme col fuoristrada (magari residenti in Collina), con i bimbi a bordo. Mamme magari che si sentono " impegnate" e che si credono all' "avanguardia", che magari poi blaterano tanto di "ecologia" , ma che, poverette, vanno in crisi se per caso l' amministrazione civica decreta un giorno (dico UNO!) di divieto di circolazione.
Come vanno in crisi se stanno due giorni senza andare a consumare al supermercato o al " d i s c o u n t " .
NO! Non si può chiedere una maggiore dimensione umana della vita e al contempo essere schiavi come tutti del sistema vigente.
Occorre fare delle scelte anche a costo di saper rinunciare a qualche cosa (e in questo io, libertario quale mi considero mi trovo perfettamente d' accodo col cattolico ""tradizionalista" FRANCO CARDINI (con certi articoli su " Il Sabato").
Ficcarsi nella testa che solo una sana ed equilibrata sobrietà può portare elementi di FELICITA' REALE (nell' 800 KARL MARX affermava che " la religione è l' oppio dei popoli ,ma oggi lo stesso ruolo è stato assunto dal Consumismo e dal Tecnicismo) .
E ormai la grande mandria italiota (compreso chi si dice "impegnato" ) è completamente priva di carattere.
Non sa rinunciare alle false sicurezze che un Sistema cinico e crudele, ancor peggiore del vecchio capitalismo, offre loro.
Credo che se si vuole modificare questo stato di cose occorra una " rivolta contro il mondo moderno" . Tranquillizziamoci , in chiave libertaria e non autoritaria. .
 E si tranquillizzi  chi potrebbe accusarci di " ambiguità culturale e ideologica " :
NULLA FU PIU' TECNOLOGICO E MODERNISTA DEL NAZISMO, ci insegna il filosofo neo-marxista COSTANZO PREVE :
" Non c' è nulla, nel secolo XX di più moderno di Auschwitz  insieme a Hiroshima " .
Forse è per questo che un detenuto politico in Piemonte, partito da originarie posizioni " tradizionaliste" ( più culturali che politiche, se vogliamo ) si sia evoluto alla fine in senso libertario, per poi venire accusato di alcuni fatti circa la Val Susa, contro la " Z i v i l i z a k t i o n " ( per usare un termine di OSVALD SPENGLER) .
A lui e a due suoi cari amici caduti, va tutta la nostra simpatia e solidarietà....

Gianni DONAUDI ( Torino, 2005 )

00000000000000000000000000000000000000000000000

BRUTALITA' INDUSTRIALE

Mostri puzzolenti iper  veloci / contenitori caricati / senza criterio né sponde protettive,
rischiano di precipitare sull' asfalto/ schiacciando pedoni, ciclisti
e gli stessi automobilisti.

Ma il rozzo padroncino/ pieno di nudi di carta/ ha fretta/ le sponde protettive ruberebbero
cinque minuti di tempo prezioso:

Carelli asfissianti/ all' interno dell' officina/ si uniscono al coro metallico/ e alla chimica lebbra
inalata.

( è proprio strano che il cancro/ sia attualmente tra i maggiori mali diffusi ? )...


Gianni DONAUDI ( Torino 2005 ) -

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica