Passa ai contenuti principali

📕 Emozioni di Gianni Donaudi: Autori Vari

 

SENZA TITOLO


Una nave approda / in un placido mare
in una Avalon senza nebbie
forse alla ricerca del Graal.

Un ferreo cavaliere/ già cavalcante una tigre
riesce a cavalcare / e a domare
un drago dalla lingua fiammeggiante.

Intanto un  mediocre esibizionista/ ciarlatano e idiota
dell' attuale Kaly Yuga / o Età Oscura
dandosi arie / si veste da Supermen .


Gianni Donaudi ( Imperia ) 


 
BARATRO NEL BUIO

Corpo vibrante / elettrizzato 
precipito in un oscuro / spazio nero senza nessun timore.
Anzi/ affrontando l' ignota meta.
Una voce ( forse di un mio alter-ego )
sembra sussurrarmi incomprensibili parole

Gianni Donaudi ( Imperia )

 
 
ABISSO

Abisso splendente / che chiami la gente
ad essere inferno.
Di luce abbagliante illumini piaghe vetuste
e le rifletti nel mondo moderno.
Nel tuo buco nero fagociti/ i corpi di chi cerca il vero
Ma ignora / ma ignora,
che la verità
non è mai e poi mai
una sola.

Martina Ghiazza ( Imperia )

 
 
UN GIOVANE INCROCIATO

Un giovane incrociato controvento
                                                       cuore boaro
e bocca a norma di ventenne
Ora so quel che non sono

gli dei m' hanno guardato
e mai non v' è più rischia ch' io divenga
                                                               ciò che lui è a pél di divenire

su motoretta bassa di pescaggio
e diretto verso quel nulla
                                         che ancor gli appare vero

Altra sua
è questa mia deriva
a fil quest' oggi d' un Ponente misterioso
                          di torri fatte case
                              stràd' aperte alla gran corsa
oppur di vicoli sbrecciati dalla brina

Piàcemi  augurargli
un presto e noncùpo farsi Uomo

ché  dove per lui ora v' è nulla

                            ( guarda anche tu
                                                        che nònacaso leggi... )
vi son persone bèn vive di colori
e nuove lische di vita
                                   per fortuna...

Alberto Rizzi ( Lendinara - RO - ) -


 
 
ANCòRA

E' così aspro il respiro dei giorni/ con crudele silenzio s' impone
quando il sole dirada la pena / e la sera promette i suoi morti.

Siamo mosche in cerca di luce, / assediati dai nostri pensieri,
siamo vite sottratte al futuro, / taciturne presenza ingombranti.

Ma le nostre radici dormienti/ schiuderanno ancora le gemme
al tepore di nuove certezze/ e le ombre saranno ricordi

archiviati nel nostro passato, / se scambiando sorrisi bendati
lanceremo aquiloni di seta / verso dolci orizzonti lontani.

Liliana Veri ( Ventimiglia ( IM ) , 19 aprile 2020 )


 
 
 
HO UN RICORDO

C' è in un angolo di cuore / un ricordo di mio padre
lì seduto ad aspettare/ i miei passi dietro l' uscio
e un ricordo di mia madre/ zitta e immobile a sbirciare
i miei sogni di bambina.

Ho un ricordo nella mente/ di quand' ero ragazzina
e cercavo tante strade/ che portassero lontano
senza nodi alle caviglie/ senza storie capovolte
dalle attese mai risolte.

Liliana Veri ( Ventimiglia( IM ) , 15 aprile 2020

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica