Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Milva vola via, ma la sua voce non se ne va


Il regista tedesco Werner Herzog aveva girato nel ’95 un film di un’ora sul madrigalista del XVI secolo Gesualdo da Venosa: protagonista è Milva, capelli rossi e seno prosperoso, interprete tormentosa ad evocare la tragedia del musicista. Una immagine antica e moderna, quella di Milva, che ci ha appena lasciati, ad 81 anni. Imponente figura e voce robusta, conferendo la misura di un’artista che travalica ogni confine. Una longevità di mezzo secolo nel quale Milva ha attraversato con passione e sensualità sia la canzone popolare che il teatro coltissimo, a partire da Giorgio Strehler. Musicisti e poeti l’hanno osannata grazie ad una voce ed una personalità davvero uniche: da Ennio Morricone a Vangelis, da Astor Piazzolla a Theodorakis, da Franco Battiato ad Enzo Jannacci e Don Backy: e poi le canzoni dei compositori greci, francesi, tedeschi. Contraltare della poetessa Alda Merini. Una statura artistica che verrà ufficialmente riconosciuta dalle Repubbliche Italiana, Francese e Tedesca, che le hanno conferito alte onorificenze. La versatilità su mille palcoscenici in tutto il mondo, Milva ha portato le sue canzoni in dischi di successo in Francia come in Giappone , in Corea del Sud , e Sud America, e poi Grecia , Germania, Spagna , Russia . Dagli anni Sessanta a un decennio fa - quando decise di uscire di scena - il repertorio di Milva è un caleidoscopio di visioni eccelse e tanto popolari che quella sua inconfondibile voce sapeva rimarcare, con acuta soggettività e tensione emotiva. Occhi spagnoli nella ballata “Blue Spanish Eyes” (di Engelbert Humperdinck) e “Milord” con George Moustaki, fino alle tonalità sudamericane di Piazzolla e del “Non piangere più Argentina”: è un giro del mondo che la rende eccelsa agli occhi del pubblico. Probabilmente sarà l’immagine brechtiana a conferirle un marchio di casta nel panorama internazionale: cabaret berlinese e “Lumpen” di Brecht, ma anche il pop melodico tedesco per l’entusiasta pubblico di Monaco e di Amburgo, di Vienna e di Zurigo. ​ Non disdegnava la televisione e l’immagine pop, dalle numerose presenze a Sanremo e a Canzonissima; i successi della “Filanda” e di “Bella Ciao” (versione originale delle mondine) la rendono emblema di un femminismo più popolano. S oprannominata la Rossa per il colore della sua fluente chioma e per la canzone che Enzo Jannacci le ricucì addosso. Oltre sessanta album incisi e milioni di dischi venduti. Milva, nome d’arte di Maria Ilva Biolcati, era nata a Goro (in Emilia Romagna) il 17 luglio 1939: per questo soprannominata la “pantera di Goro”, nomi imposti da una televisione ancora pura e forse ingenua: al fianco dei Gino Bramieri e Corrado e molti altri nomi illustri di una Tv di Stato ineguagliabile. Alla fine di una mirabile carriera, nel 2010 pubblica il terzo album scritto e prodotto per lei da Franco Battiato (dopo “Milva e dintorni” del 1982 e “Svegliando l'amante che dorme” del 1989), intitolato “Non conosco nessun Patrizio” che balza nella top dei 20 dischi più venduti in Italia. Certo, quell’ Alexanderpaltz di Battiato e Giusto Pio resteranno la pura consacrazione di Milva che sa guardare oltre ogni muro. Ad oggi detiene il record di artista italiana con il maggior numero di album realizzati in assoluto: ben 173 tra album in studio , album live e raccolte . Anche il cinema sarà per Milva un proscenio non secondario, a compendio del suo carisma canoro. Prima di Herzog, va ricordata nel film di Carlo Carunchio del 1972 “D’amore si muore” al fianco di Silvana Mangano e Lino Capolicchio, e altre interpretazioni per cineasti come Lizzani e Zanussi. Una presenza di prestigio, ma non come da straordinaria cantante. Immensa Milva. Non ci saranno eredi con un tale carisma.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,