Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Milva vola via, ma la sua voce non se ne va


Il regista tedesco Werner Herzog aveva girato nel ’95 un film di un’ora sul madrigalista del XVI secolo Gesualdo da Venosa: protagonista è Milva, capelli rossi e seno prosperoso, interprete tormentosa ad evocare la tragedia del musicista. Una immagine antica e moderna, quella di Milva, che ci ha appena lasciati, ad 81 anni. Imponente figura e voce robusta, conferendo la misura di un’artista che travalica ogni confine. Una longevità di mezzo secolo nel quale Milva ha attraversato con passione e sensualità sia la canzone popolare che il teatro coltissimo, a partire da Giorgio Strehler. Musicisti e poeti l’hanno osannata grazie ad una voce ed una personalità davvero uniche: da Ennio Morricone a Vangelis, da Astor Piazzolla a Theodorakis, da Franco Battiato ad Enzo Jannacci e Don Backy: e poi le canzoni dei compositori greci, francesi, tedeschi. Contraltare della poetessa Alda Merini. Una statura artistica che verrà ufficialmente riconosciuta dalle Repubbliche Italiana, Francese e Tedesca, che le hanno conferito alte onorificenze. La versatilità su mille palcoscenici in tutto il mondo, Milva ha portato le sue canzoni in dischi di successo in Francia come in Giappone , in Corea del Sud , e Sud America, e poi Grecia , Germania, Spagna , Russia . Dagli anni Sessanta a un decennio fa - quando decise di uscire di scena - il repertorio di Milva è un caleidoscopio di visioni eccelse e tanto popolari che quella sua inconfondibile voce sapeva rimarcare, con acuta soggettività e tensione emotiva. Occhi spagnoli nella ballata “Blue Spanish Eyes” (di Engelbert Humperdinck) e “Milord” con George Moustaki, fino alle tonalità sudamericane di Piazzolla e del “Non piangere più Argentina”: è un giro del mondo che la rende eccelsa agli occhi del pubblico. Probabilmente sarà l’immagine brechtiana a conferirle un marchio di casta nel panorama internazionale: cabaret berlinese e “Lumpen” di Brecht, ma anche il pop melodico tedesco per l’entusiasta pubblico di Monaco e di Amburgo, di Vienna e di Zurigo. ​ Non disdegnava la televisione e l’immagine pop, dalle numerose presenze a Sanremo e a Canzonissima; i successi della “Filanda” e di “Bella Ciao” (versione originale delle mondine) la rendono emblema di un femminismo più popolano. S oprannominata la Rossa per il colore della sua fluente chioma e per la canzone che Enzo Jannacci le ricucì addosso. Oltre sessanta album incisi e milioni di dischi venduti. Milva, nome d’arte di Maria Ilva Biolcati, era nata a Goro (in Emilia Romagna) il 17 luglio 1939: per questo soprannominata la “pantera di Goro”, nomi imposti da una televisione ancora pura e forse ingenua: al fianco dei Gino Bramieri e Corrado e molti altri nomi illustri di una Tv di Stato ineguagliabile. Alla fine di una mirabile carriera, nel 2010 pubblica il terzo album scritto e prodotto per lei da Franco Battiato (dopo “Milva e dintorni” del 1982 e “Svegliando l'amante che dorme” del 1989), intitolato “Non conosco nessun Patrizio” che balza nella top dei 20 dischi più venduti in Italia. Certo, quell’ Alexanderpaltz di Battiato e Giusto Pio resteranno la pura consacrazione di Milva che sa guardare oltre ogni muro. Ad oggi detiene il record di artista italiana con il maggior numero di album realizzati in assoluto: ben 173 tra album in studio , album live e raccolte . Anche il cinema sarà per Milva un proscenio non secondario, a compendio del suo carisma canoro. Prima di Herzog, va ricordata nel film di Carlo Carunchio del 1972 “D’amore si muore” al fianco di Silvana Mangano e Lino Capolicchio, e altre interpretazioni per cineasti come Lizzani e Zanussi. Una presenza di prestigio, ma non come da straordinaria cantante. Immensa Milva. Non ci saranno eredi con un tale carisma.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica