Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi: La Bellezza leva di identità e di ripartenza di Rocchina Adobbato

 
La pandemia ci sta insegnando a vivere diversamente, ad apprezzare la lentezza, a soffermarci a guardare la bellezza che ci circonda, dallo sbocciare di un germoglio al risveglio della primavera, a prendere consapevolezza che la natura ha i suoi tempi. Questi lunghi mesi di emergenza sanitaria, al di là della drammaticità, ci hanno ricordato l’importanza dei gesti semplici e delle cose che davamo per scontate, come andare a prendere un caffè al bar, camminare per strada, andare in bici, incontrare gli amici. Questa necessità delle relazioni umane è straordinaria e vitale e forse solo ora che ci manca così tanto l’abbiamo compresa e valorizzata. In attesa di riprenderci la tanto desiderata normalità affacciamoci a una nuova finestra, quella della bellezza e del cambiamento. Una finestra da cui guardare a un cambiamento all’insegna del benessere collettivo, della trasformazione e della partecipazione che renda più vivibile e bello il nostro territorio. In tempi difficili e incerti come quelli che stiamo vivendo, il senso della bellezza sembra suggerire che un altro mondo è possibile. Questo è il tempo della rinascita e del riscatto, della valorizzazione della creatività, del miglioramento della qualità della vita, della progettazione culturale e della tutela del patrimonio storico e artistico della nostra regione. La bellezza può essere la leva dell’identità e della ripartenza della nostra Basilicata ma bisogna pensare non solo a quanto conta ma sapere anche quanto vale. Il Sud è da sempre considerato sinonimo di Bellezza, in virtù del suo patrimonio culturale, artistico, monumentale, paesaggistico, ma non può continuare a percepirsi “bello” soltanto perché dotato di antichi patrimoni ereditati dal passato. Deve piuttosto iniziare a puntare su fattori finora ritenuti “infruttiferi”, come la cura dei beni comuni, la manutenzione dei paesaggi e della qualità urbana, il benessere e la felicità dei cittadini, facendo leva sulla dimensione sociale delle comunità locali, sulla qualità della vita nei territori di provincia, sull’entroterra, sull’agricoltura e sull’artigianato di eccellenza, sul “made in Italy”, sulle piccole imprese e sull’industria creativa e culturale. La ripresa deve partire da questo immenso patrimonio materiale che unito a quello immateriale di Benessere, deve creare un nuovo modello economico capace di esaltare intuiti, creatività e abilità, di cui imprenditori e imprenditrici illuminate siano interpreti e protagonisti. Custodire il creato è un nostro dovere civico, rimettere al centro la persona e riconoscere il primato della cultura non sono soltanto etici e “giusti”, ma anche “convenienti” da un punto di vista economico: paradigmi necessari e funzionali per giungere a una piena valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale, materiale e immateriale. Nella prospettiva di un mondo futuro sempre più dominato dalla tecnologia, si deve valorizzare e coltivare il fattore umano, riportando l’individuo al centro delle dinamiche produttive e riservando alle relazioni umane un posto di prim’ordine nelle strategie aziendali. Bisogna ripartire dalle relazioni e dalle connessioni, dal senso di appartenenza e dal senso civico, dalla reciprocità dei gesti quotidiani e dai talenti, dalla competenza e dal merito, attraverso scelte di indirizzo e pianificazioni che guardino a orizzonti di medio-lungo periodo. Non ci sono ricette magiche né soluzioni pronte ma è necessario immaginare un percorso. Ripartendo dalla consapevolezza di essere chiamati a onorare il patrimonio e l’eredità culturale che ci hanno consegnato i nostri padri, ma anche dalla responsabilità di creare valore contemporaneo, per garantire un futuro ai nostri figli. Dobbiamo dare impulso a una stagione culturale completamente nuova, in grado di rispettare i principi costituzionali di salvaguardia, conservazione e tutela e con l’imperativo necessario di produrre valore reale (occupazione, reddito, benessere), per entrare con dinamismo nell’era dell’intelligenza collettiva e condivisa, digitale e social. La valorizzazione deve essere economica e culturale. L’investimento sul futuro che punta sulla bellezza si esprime con una cultura d’impresa che sa guardare lontano e che promuove comportamenti virtuosi sempre più attenti all’individuo e alla comunità, permeata delle specificità femminili di cura, coraggio, cultura, relazioni, solidarietà, inclusione, rispetto della natura. Una​ visione dell’umanità fatta di amore, cura, passione, sensibilità e ascolto può essere il nostro giacimento di ripresa, di riscatto e di rilancio.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo