Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA


Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class 
 
La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

Successivamente, nell'anno 1969, in una conferenza dell'Unesco a San Francisco, un attivista per la pace, John Mcconnell, propose ufficialmente una giornata dedicata alla Terra, ottenendo un notevole sostegno. Il primo e ufficiale Earth Da y della storia fu istituito ufficialmente nell'anno 1970. La manifestazione ha sempre avuto, come mission prevalente, la sensibilizzazione di governi e opinione pubblica sull’urgenza di mettere in atto interventi mirati per proteggere l'ambiente e le risorse naturali tramite azioni e comportamenti corretti per salvare il pianeta e per ovviare alle gravi problematiche come l'inquinamento di aria, di acqua, di suolo; la distruzione di ecosistemi; le migliaia di piante e specie animali che scompaiono... Nel periodo storico attuale, caratterizzato da una grave emergenza climatica e sanitaria e, quindi, dal bisogno impellente di ridurre il nostro impatto ambientale, è di notevole importanza ripensare il nostro rapporto con il pianeta mettendo in atto azioni finalizzate a combattere il degrado del mondo naturale. Un valido e costruttivo esempio di grande rispetto e tutela ambientale, arriva proprio dalla regione Basilicata, precisamente da Rionero in Vulture, dove due parrucchieri, Luciano Minutillo e Patrizia Nardozza, titolari di un salone Best Class , per evidenziare l’importanza dell’ecosostenibilità, hanno promosso all’interno della propria realtà lavorativa, un interessante progetto denominato The Factory Best Class .
 

The Factory fu, tra il 1962 e il 1968, il nome dello studio originario di Andy Warhol (uno dei più influenti artisti del XX secolo). Da allora, questo progetto ispirò l’architettura urbana per il recupero industriale in tutto il mondo, dando nuova vita a luoghi con una storia e restituendola alla collettività per scopi di sviluppo di cultura, promozione, arte e moda. A livello architetturale, i materiali scelti dai parrucchieri rioneresi per l’edificazione di questo lodevole progetto, sono stati incentrati sulla composizione di arredamenti eco friendly (pitture naturali con collanti biodegradabili e senza additivi chimici; pavimenti in polvere di pietra, mista a resina; luci a risparmio energetico; tendaggi caratterizzati da cotone naturale privo di acrilici e sintetici, mobili caratterizzati da verniciature ad acqua...) Mentre i prodotti per capelli sono composti da principi attivi naturali, formulati con presidi slow food provenienti da realtà italiane. Gli involucri sono riciclabili, caratterizzati da bioplastica e riutilizzabili nell’ambito alimentare/domestico. Qualunque servizio offerto al cliente promuove nella totalità il rispetto biologico ed ecologico per guardare al futuro con trasparenza, impegno e grande speranza. Il progetto The Factory Best Class a Rionero in Vulture è nato con entusiasmo e grande passione nell'anno 2019 ​ e prosegue, brillantemente, ad oggi. Oltretutto, la The Factory contribuisce in maniera attiva a progetti di rimboschimento di foreste in Madagascar e in Amazzonia. Tutto ciò rappresenta un progresso molto importante per alimentare la consapevolezza dell'urgenza di vivere "green", per combattere la più grande sfida della storia dell’umanità: SALVARE LA TERRA. Luciano Minutillo e Patrizia Nardozza, hair stylist di successo, hanno agito diligentemente, quindi, dando il loro valido contributo a Madre Natura, promuovendo la " Bellezza Ecosostenibile " per conciliare etica ed estetica, con la speranza di sensibilizzare tante altre persone, organizzazioni ed esercizi commerciali, e, in questa 51esima Giornata Mondiale Della Terra , sono lieti di onorare questa ricorrenza dando il loro ammirevole input a quanti volessero perseguire lo stesso percorso per il bene comune.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica