Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in Primo Piano: In uscita "Leviathan - La prima legge" di Margherita Geraci


«Avevo smesso di fidarmi delle persone quando avevo capito che, in contesti di sopravvivenza, non ci sono “buoni e cattivi” ma solo gente priva di mezzi che farebbe qualsiasi cosa per sopravvivere un giorno in più». 
 
“Leviathan. La prima legge” di Margherita Geraci è il primo volume di una saga distopica ambientata in Italia, che racconta un’avventurosa storia di amicizia, di amore e di coraggio. Tutto ha inizio quando la protagonista, Alice, perde la sua famiglia in un incidente stradale a causa dello scoppio di una mina anticarro; unica sopravvissuta, la ragazza appena quindicenne deve scappare prima che arrivino gli Avvistatori, l’organo di controllo governativo responsabile di far rispettare la legge con ogni mezzo. E la sua famiglia aveva deciso di spostarsi proprio nel giorno in cui non era permesso a nessuno di uscire di casa; un reato punibile con la morte. Alice vive in un mondo post guerra nucleare in cui vi è una profonda distinzione tra chi abita nel Leviatano, i privilegiati Civili, e chi tenta di sopravvivere in Periferia, i Radioattivi. Lei, dopo la perdita della famiglia, fa parte di una terza e più sfortunata categoria: i Non-Schedati, i fuggitivi, i senza dimora; coloro che non hanno diritto di esistere perché sono uno scarto sociale, quindi una minaccia per la sicurezza nazionale. Dal giorno in cui sono morti i suoi genitori sono ormai trascorsi cinque anni, e Alice ha continuato a spostarsi, a provvedere a sé stessa e al cuginetto Niccolò, l’unico legame con la sua famiglia, l’unico motivo per resistere. Quando gli Avvistatori alla fine li catturano, per Alice inizia un’avventura che la porta nel ventre del mostro, dove i suoi acerrimi nemici vengono addestrati. Grazie all’intercessione di un giovane Avvistatore, Loris, che sembra avere inspiegabilmente a cuore il destino di Alice, la ragazza non viene riconosciuta come Non-Schedata e viene quindi reclutata nel centro di formazione per Avvistatori, per diventare un giorno come coloro che hanno distrutto la sua vita. Alice è combattuta tra il feroce odio che prova per i suoi colleghi e per i suoi superiori e l’istinto di sopravvivenza che la spinge a non tradirsi e ad accettare la nuova situazione; allo stesso tempo è disorientata dal rapporto ambiguo che instaura con Loris: a volte sembra non si sopportino, altre sembra non possano fare a meno l’uno dell’altra. Il loro è però un legame pericoloso e impossibile: lui è il figlio del generale degli Avvistatori e lei una Non-Schedata. Due nemici giurati che arrivano ad innamorarsi, e che si trovano a fare i conti con i loro demoni personali, con l’enorme divario che li separa, con il desiderio di vendetta che consuma Alice, con il senso di colpa che tortura Loris. 
 
SINOSSI DELL’OPERA 
 
Nelle terre del Leviatano, essere orfani può costarti la vita: lo sa bene Alice, che da cinque anni - dal giorno in cui il Governo ha ucciso i suoi genitori - vaga senza meta nelle lande radioattive e desertiche che circondano la città fortificata del Leviatano. Alice vive alla giornata, spostandosi da una casa diroccata all’altra, nascondendosi dagli Avvistatori, la crudele milizia incaricata di stanare e uccidere quelli come lei, i Non-Schedati, considerati una minaccia alla sicurezza e alla salute della città. Alice ha vent’anni e un solo obiettivo: sopravvivere il più a lungo possibile e proteggere Niccolò, il cuginetto di cinque anni, unico superstite della sua famiglia. Ma la loro esistenza precaria viene stravolta precipitando in un inferno ancora peggiore: durante un’incursione degli Avvistatori, Niccolò sparisce dalla sua vista e Alice, invece di essere giustiziata, viene sequestrata da un giovane Avvistatore e costretta ad arruolarsi nel centro di addestramento militare del Leviatano, per diventare anche lei, un giorno, un’assassina. ​ 
 
BIOGRAFIA DELL’AUTRICE 
 
Margherita Geraci, classe 1997, frequenta l'Università degli Studi di Palermo. Il lavoro dei suoi genitori l'ha portata a girare l'Italia e a vivere da vicino la caserma militare; un’esperienza importante, fonte di ispirazione per la stesura di "Leviathan - La prima legge", il suo romanzo d'esordio (Cignonero, 2021). 
 
Casa Editrice: Cignonero Collana: Prisma Genere : Fantasy/Distopico 
Pagine: 399 
Prezzo: 15,90 € 
 
Contatti 
https://editore.cignonero.it/ https://www.facebook.com/cignoneroediz/ 
Link di vendita online 
https://www.amazon.it/dp/B08YKH7D8L

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica