Passa ai contenuti principali

🎥 STORIE... fede, cultura, tradizione. Intervista a Mons. Ciro Fanelli - Vescovo Diocesi Melfi

 
Dopo aver frequentato il corso istituzionale filosofico-teologico presso il Pontificio Seminario Interregionale Campano di Napoli, ha conseguito la licenza in teologia morale presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma. È stato ordinato sacerdote il 15 settembre 1990 per la diocesi di Lucera-Troia. È stato segretario personale dei vescovi Raffaele Castielli e Francesco Zerrillo. Ha ricoperto l'incarico di direttore spirituale del Seminario vescovile ed è stato fino al 2017 assistente diocesano dell'Azione cattolica di Lucera-Troia, prima all'Azione cattolica dei ragazzi, poi al Settore adulti, e infine come assistente unitario. Dal 2007 al 2010 è stato parroco di San Giacomo Maggiore a Lucera, mentre dal 2010 fino alla nomina episcopale è stato parroco della cattedrale di Lucera. Per diversi anni è stato membro del consiglio di amministrazione dell'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. Nel 2008 l'allora vescovo Domenico Cornacchia lo ha nominato vicario generale della diocesi di Lucera-Troia, incarico nel quale è stato confermato, nel 2017, dal suo successore, Giuseppe Giuliano, e che ha mantenuto fino all'elezione a vescovo. Il 22 febbraio 2016, dopo il trasferimento del vescovo Cornacchia nella diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, è stato eletto amministratore diocesano di Lucera-Troia, incarico che ha ricoperto fino al 4 febbraio 2017, giorno dell'ingresso in diocesi del vescovo Giuliano. Ministero episcopale Il 4 agosto 2017 papa Francesco lo ha eletto vescovo di Melfi-Rapolla-Venosa; succede a Gianfranco Todisco, che nell'aprile precedente aveva rinunciato al governo pastorale della diocesi per continuare il suo ministero come missionario nell'arcidiocesi di Tegucigalpa, in Honduras. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 18 ottobre 2017 nella cattedrale di Lucera per l'imposizione delle mani e la preghiera consacratoria del vescovo Giuseppe Giuliano; il successivo 4 novembre ha fatto il suo ingresso ufficiale in diocesi.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica