Passa ai contenuti principali

‍📰 Appuntamenti in Primo Piano: Ischia Film Festiva, Cinema, “Black Parthenope” in anteprima: in viaggio nella Napoli sotterranea

C’è una Napoli in larga parte inedita, quella del suo intrigante sottosuolo, che trasuda storia, avvolge e soffoca: vi si dipana l’intreccio di “Black Parthenope”, una delle più attese anteprime che impreziosiscono la serata di martedì 29 giugno. Il film, in programma alle 20.30 in Piazza d’armi, ha la regia di Alessandro Giglio, e racconta il viaggio dei visitatori nella vasta città sotterranea, in un loop temporale straordinario e lontano dalla frenesia quotidiana. Presente nella suggestiva location del Castello Aragonese, teatro della manifestazione, l’intero cast, composto da Gianluca Di Gennaro, Giovanni Esposito, Nicola Nocella e Marta Gastini. A seguire - alle 22.45 - la proiezione del film “200 metri”, introdotto dall'incontro con Tina Marinari, rappresentante di Amnesty International. Diretto dal regista palestinese Ameen Nayfeh, il film è la storia di una famiglia divisa da un muro, e del difficile viaggio che intraprende un padre, Mustafa, per raggiungere il figlio che ha subito un incidente. La Cattedrale dell’Assunta farà da sfondo alle due anteprime assolute in programma per la serata: alle 20.30 “Clarus” di Michele Schiano, lavoro in concorso per la sezione Scenari campani, ambientato presso le strutture archeologiche di Alife, e alle 21.20 il lungometraggio “Echoes of the empire: beyond Genghis Khan” di Robert H. Lieberman, una splendida visione cinematografica del passato e del presente della Mongolia. Entrambe le proiezioni saranno anticipate da un’intervista agli autori. La serata prosegue con l’incontro, previsto per le 22.50, con Claudio Casale, regista di “Shero” che introdurrà il suo progetto, in concorso per Location negata: la storia di un’attivista indiana per i diritti delle donne, sfregiata con l’acido. Alle 23.30 Jasmine Trinca, con il suo “Being my mom”, condurrà il pubblico in una Roma deserta, insieme a una madre e una figlia che, trascinando una valigia, camminano senza sosta. A chiudere la serata alla Cattedrale dell’Assunta, alle 23.32, l’anteprima italiana “Shakira” del regista libanese Farah Shaer, che racconta l’incontro tra una giovane donna zingara e Marius, un membro di una banda di rapinatori. La terrazza di Casa del Sole sarà la location dedicata all’incontro, alle 20.30, con il regista Stefano Giacomuzzi e l’attore Alfeo Carnelutti, che anticiperanno la proiezione del lungometraggio “Pozzis, Samarcanda”, anteprima italiana. Un viaggio in motocicletta di due amici, dalle montagne del Friuli, per arrivare a Samarcanda. Seguirà il cortometraggio in concorso “Talker” del regista iraniano Mehrshad Ranjbar, che tratteggia il repentino cambio di abitudini di una coppia di anziani. Infine la pellicola italiana “Movida” del regista Alessandro Padovani, presente alla serata per parlare al pubblico del suo film, in concorso per la sezione location negata con il suo racconto di una Belluno dal punto di vista dei giovani, che lentamente vedono la propria città spopolarsi.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,