Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Monticchio: il tempo liberato fra i laghi, l'Abbazia e il Castello


Monticchio - I laghi e il verde rigoglioso si offrono con grazia in una nuova estate, un tempo che vogliamo tutti sia sereno e più libero, dopo lunghi mesi di assurda chiusura. Un tempo libero che sia liberato. Questo è l'augurio che fa Monticchio, la sua armonia, verso quanti si accingono a trascorrere le vacanze, per godere del meritato riposo, dopo lo stress di preoccupazioni, di studio a distanza e altro ancora. Che sia un tempo liberato dai frastuoni che ci accompagnano giorno dopo giorno, indiscriminatamente. Lontani, allora, se è possibile, dai rumori da spiaggia, che talvolta peggiorano il già precario equilibrio interiore, dopo mesi di intense attività. Lontani da assordanti discoteche, ove tutto si ascolta tranne la musica. Lontani da presunti spazi di divertimento forzato. Se è possibile. L'abbazia di San Michele ci guarda dall'alto, mentre si specchia nel Lago vulcanico. Immerso in quell'atmosfera di mistica distensione che sembra curarsi soltanto del cielo che avvolge le colline intorno, con lo sguardo che punta al santuario di Montevergine, sul Monte Partenio che domina Avellino. E così si può recepire (perché c'è intorno, nell'aria) una sete nuova di spiritualità, un bisogno di raccogliersi, o di raccogliere le cose che, in un anno di nevrotiche corse, non si è avuto il tempo di seguire: una lettura, una musica, un passo da quel libro o da quella rivista. Una raccolta di ricordi da sfogliare o una lettera da scrivere ad un amico lontano. Ed ecco che emerge il bisogno di incontrare un po' se stessi per imparare a fare silenzio. Vi sono in giro moltissimi luoghi, vere e proprie palestre dello spirito. Eremi, conventi, abbazie che si prestano a questo gioco non previsto, insospettato, quanto utile per impadronirsi di se, per fare un po' di ordine con la vita propria ed altrui. Raccontarsi, incontrarsi, ascoltare. Monticchio e la sua abbazia potrebbe essere certamente annoverata fra questi spazi speciali, straordinari, dove si può incontrare gente normale, sicuramente non comune. Dove si può ascoltare un seminario biblico, come di filosofia, come di pedagogia o semplicemente di comunicazione. Dove può accadere di ascoltare omelie nelle quali si fa cenno perfino ad una canzone di Bob Dylan o di Baglioni o di Guccini (lo fa Don Ermis Segatti). Questo già accade all'Eremo delle Carceri di San Francesco e alla Cittadella Cristiana di Assisi, dove si aggirava il medico napoletano Lucio Caruso, il quale suggerì sessant’anni fa a Pasolini di raccontare la vita di Gesù. Fu lì che nacque “Il Vangelo secondo Matteo”, che il regista- poeta girò nei luoghi fra i più suggestivi di Basilicata, Matera, Barile, Lagopesole. Monticchio rimanda certamente a quell'Eremo lontano, mentre i sentieri dei briganti si aprono su panorami mozzafiato,​ come sulla sommità del Castello di Monticchio, da quelle parti si aggira la Bramea, la farfalla del crepuscolo scoperta dal conte Hartig settant’anni fa. Quel conte, personaggio atipico fra gli abitanti di Monticchio, era amico di Federico Fellini. Il castello è ormai soltanto un rudere sulla collina di Grotticelle, meta soltanto delle mucche al pascolo. Questi luoghi, alcuni anni fa, hanno avuto una presentazione particolare alla Mostra del Cinema di Venezia (a cura del CineClub De Sica- Cinit), con la regia di Fulvio Wetzl e la proposta di candidare Monticchio patrimonio dell’Unesco. L’opera presentata è Vultour – Le tracce del sacro , che colpì registi come Ermanno Olmi, Pasquale Squitieri, il filosofo Odifreddi. Molti furino i consensi in Italia ma nessuno concreto, perché a quella classe politica, alcuni lustri fa, non interessava per nulla. Malgrado tutto, Monticchio rimane nel suo misticismo ancestrale, che si fa luce nell'elogio della lentezza, non del frastuono. Ricordava Teofrasto, filosofo e botanico greco - la cui anima di sicuro aleggerà nel verde di questo luogo: “il tempo è l'unica cosa di valore che un uomo possa spendere”.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,