Passa ai contenuti principali

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: Cinema, l’Ischia Film Festival premia Barbara Bouchet

Icona della commedia sexy all’italiana negli anni ’70, l’intramontabile Barbara Bouchet arriva all’Ischia Film Festival, dove domenica 27 giugno – nella seconda serata della manifestazione – riceve l’Ischia Film Festival Award, un riconoscimento a una lunga ed entusiasmante carriera impreziosita da un nuovo film, “Calibro 9”, che sarĂ  proiettato a Piazza D’Armi, introdotto dal regista Toni D’Angelo, dalla stessa Bouchet e da Marco Bocci. La pellicola racconta la storia di un brillante penalista cresciuto dalla madre con l’intento di farne un uomo diverso dal padre e chiamato a difendere un cliente fatalmente accusato di una truffa. Tra gli ospiti della serata del Castello aragonese, teatro del primo festival cinematografico con ospiti internazionali (cresce l’attesa per il premio Oscar Oliver Stone, atteso sull’isola il 30 giugno), anche il regista Francesco Bruni, che introduce – alle 20.30, alla Cattedrale dell’Assunta – la proiezione di “Cosa sarĂ ”, il toccante racconto dell’avventura di un regista cinematografico che scopre di avere la leucemia. In programma anche la proiezione di “Magnifiche sorti e progressive” (ore 23.00, Cattedrale dell’Assunta), introdotta dai tre registi Claudio Di Mambro, Luca Mandrile e Umberto Migliaccio: l’isola di Santo Stefano si rivela attraverso l’esperienza di Renato Curcio, socio-analista, cofondatore delle Brigate Rosse e prigioniero nelle carceri italiane per piĂą di vent’anni, esplora l’isola di Santo Stefano. Alla Casa del Sole l’Ischia Film Festival toccherĂ , secondo l’ormai consueto format di una rassegna che consente di viaggiare intono al mondo, l’Argentina (con l’anteprima italiana di “The Vatican”, presente il regista Gonzalo Almeida), il Libano (con l’anteprima italiana di “Shakwa”, che indaga le logiche patriarcali della Beirut odierna) e la Svizzera (con “Sapelo”, regia di Nick Brandestini), film tutti in concorso nella categoria “location negata”. 

 Alle proiezioni in presenza si accede acquistando biglietto nominale con posto assegnato presso l’infopoint al Piazzale Aragonese ad Ischia Ponte (info e programma completo su www.ischiafilmfestival.it).

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrĂ  dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perchĂ© noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilitĂ  in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunitĂ , senza una sua piazza-agorĂ  e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunitĂ , ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunitĂ  di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha piĂą un suo cinema nĂ© teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attivitĂ  di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella cittĂ  fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

đź“• Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,