Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazione in Primo Piano: ALBARELLA - Serata dedicata ai gioielli "Luna" di Raffaella Tessarin. Ospiti Natasha Stefanenko e Belen Rodriguez


Nella splendida cornice di “Mare Vostrum” dell’isola di Albarella, si è svolta una serata memorabile dedicata alla linea “Luna” dei gioielli “Le Gemelle” disegnati da Raffaella Tessarin. Centocinquanta gli invitati, sui tavoli, allestiti dal designer Fabio Mantovani, grandi e piccole sfere, di colore argento, in stile anni ’80. Sullo sfondo con la laguna alle spalle, una grande mezza luna illuminata e al centro una sfera a rappresentare la luna piena come quella che illuminava proprio quella serata di fine luglio. Ospiti rigorosamente eleganti, accompagnati ai tavoli dalle hostess Lucrezia, Anna e Elena. Insomma tutto molto chic e ad impreziosire l’allestimento, i quadri dell’artista Paolo Franzoso, anch’essi riportanti la luna in paesaggi differenti. Tra gli ospiti la testimonial dei gioielli “Le Gemelle”, l’attrice e modella Natasha Stefanenko; la showgirl e modella Belen Rodriguez; imprenditori; amici e amiche. A presentare la serata Eleonora Rossi, che ha cantato e animato con tutta la sua verve. “Avevo voglia di condividere una serata con tutti i miei amici – afferma Raffaella Tessarin – e presentare la mia nuova collezione di gioielli “Luna” che ho disegnato l’anno scorso qui all’isola di Albarella. Ho iniziato con il disegno di un cuore che è diventato un gioiello brillante, trasparente. Il passaggio successivo è stato vedere che le persone che incontravano questo cuore provavano gioia, per cui ho diffuso il mio amore anche ad altri. Ho riscoperto anche l’amore dell’uomo che avevo perso e ho avuto il piacere di rivederlo attraverso molti mariti innamorati delle loro donne. Penso che l’amore sia il fondamento e l’equilibrio di tutto, di ogni rapporto, che sia lavoro, amicizia, sport. Se non c’è amore, non c’è passione. E non voglio pensare di alzarmi la mattina e pensare che non esista più l’amore, per questo cerco di portarlo avanti attraverso le mie creazioni”. “Sono molto contenta di essere qui – le parole di Natasha Stefanenko – e condividere queste grandi emozioni anche con tutti gli amici anche di Raffaella. Chiaramente sono felice di essere la testimonial del suo successo che è una cosa molto importante. Ho conosciuto Raffaella su un set ed è scattata subito una scintilla di simpatia”. Eleonora Rossi ha ringraziato di presentare la serata. “La luna è il nuovo gioiello di raffaella – dice – ed è una collezione veramente divina”. Alla serata non è mancato nulla, bellissimo l’allestimento, bellissimi gli ospiti, cibo e buon vino a tavola e poi effetti cinematografici con punti luci giganti sul pontile. C’è stato anche l’arrivo della torta, ovviamente a forma di luna e momenti di commozione per il traguardo raggiunto. Sul finale della serata è stato anche festeggiato il compleanno di Susanna Paganin, titolare insieme a Simona Tagliatti, dei negozi “Fiordo 51”. Anche per lei dediche, effetti luminosi in spiaggia e torta con fragoline di bosco. Raffaella Tessarin nasce nel 1972 in un paesino della campagna veneta, trascorrendo la propria infanzia e adolescenza isolata dal resto del mondo, ma circondata da affetti importanti, in una famiglia di imprenditori agricoli a connotazione patriarcale, da cui ha appreso soprattutto i valori legati alla terra e a ciò che la natura offre. Immersa in un tale contesto, apparentemente sfavorevole, Raffaella ha la possibilità e la sensibilità per cimentarsi in curiosi e stimolanti giochi con la natura tra scambi di colori e forme, in un susseguirsi di dipinti immaginati, alimentando e favorendo progressivamente una profonda e spontanea evoluzione interiore nel desiderio di rappresentare la percezione di tanta bellezza. Una vera e propria carica di impulsi, ispirazioni, “sogni nel cassetto”, trasformatisi poi in una vera e propria passione creativa in età adulta. La pietra rappresenta per Raffaella la ricongiunzione con le proprie origini. E’ l’elemento grezzo da cui l’artista trae ispirazione, ma a cui, al tempo stesso, dona una forma più definita e, quasi a sublimare un intimo scambio, arricchisce con una percepibile carica di emozione, che diventa il fattore centrale. Per Raffaella l’unica possibilità di gestire la vivacità di emozioni suscitate da materia e colori è dar sfogo alle proprie realizzazioni. 

Barbara Braghin 




















 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int