Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: 40 anni dalla scomparsa di ROSITA MELO, autrice argentina di tango, con origini di Rionero in Vulture

Rosita Melo (nata Clotilde Mela Rosa Luciano) è stata una pianista, compositrice e poetessa argentino - uruguaiana . È l'autrice del famoso vals criollo (Valzer creolo) "Desde el alma" per il quale è conosciuta come la prima donna compositrice ispanica rioplatense , a mpiamente apprezzata in tutto il mondo. Riconosciuta nel mondo, ma molto meno nella sua terra di origine, Rionero in Vulture, e in Basilicata, che avrebbero dovuto, nel suo 40° anniversario della scomparsa, dedicarle un adeguato omaggio. E’ ignorata, come molti suoi figli illustri del secolo scorso. Rosita Melo era nata a Montevideo il 9 luglio 1897; figlia più giovane degli immigrati Michele Mela e Rosa Luciano, partiti proprio da Rionero a fine ‘800 , con il primo figlio Giovanni. Fu battezzata nella cattedrale della capitale. Nel 1900 la famiglia si stabil ì a Buenos Aires. Rosita aveva tre anni. Fin d a bambina, mostrò talento per la musica: suonava a orecchio il pianoforte. Ad appena otto anni, viene iscritta al Conservatorio Thibaud Piazzini dove, successivamente, riuscirà a diventare insegnante di pianoforte e di concerto.

Il suo nome verrà trasformato da Mele a Melo, nome d’arte che la renderà famosa nel mondo. Il 23 febbraio 1922 sposò il giovane poeta e scrittore Victor Piuma Vélez che avrebbe scritto i testi di tutte le sue composizioni. Il suo brano più famoso (dicevamo) è il “tango vals” Desde El Alma, che compose a soli 14 anni, era il 1911. “Il tango è un pensiero triste” sosteneva il musicista Enrique Santos Discepolo. E triste è la storia che c’è dietro questa composizione. Rosita aveva avuto in adolescenza un disguido con la mamma e attraverso questo brano le chiede perdono. Le parole di questo tango trattano dell’amore di una figlia verso la mamma. “Proprio per il tema che tratta è stato definito patrimonio culturale immateriale dell’umanità. Non c’è orchestra che non l’abbia suonata. E’ un brano riscoperto che fa parte ancora del repertorio delle orchestre moderne.” Lo afferma Maria Albano , ex commissaria lucana per le pari opportunità, che alla Melo ha dedicato pubblicazioni. Ed in Sud America aveva conosciuto sua figlia, Emilce. In Desde l’Alma c’è la visione appassionata quanto malinconica della vita. ​ Il tema dell’anima ferita dà l’incipit alla canzone e ne segna in sottofondo le strofe. Il regista Homero Manzi nel 1948 volle quel brano nel film “ Pobre mi madre querida ”: protagonista della pellicola Emma Gramatica, una delle prime dive italiane del secolo scorso . Il regista chiese però che il testo avrebbe dovuto parlare dell’amore tra un uomo e una donna e non tra madre e figlia, come l’aveva concepita Rosita. Nel 1993 la canzone verrà utilizzata per una coreografia intitolata “ Vino fino tinto ” nello spettacolo “ Momix in Regreso ” presentato al teatro Metropolitan di Buenos Aires. La sua carriera è costellata di opere che spaziano dal tango al valzer e creoli, pasodobles e polke . Le sue poesie sono state pubblicate su diverse riviste e nel libro " Antología de poetas jóvenes " accanto a quelle della celebre Alfonsina Storni . Rosita Melo, di origini lucane, è stata insignita tra le tredici donne argentine più influenti del XX secolo insieme ad Evita Peròn , Maria Luisa Bemberg (la regista di “De eso no se habla” con Mastroianni) ed altre protagoniste dell’emancipazione femminile in Argentina. Un onore lucano che varrebbe la pena non dimenticare.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int