Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi: Gargano FilmFest 2021 non convenzionale XIII edizione

L’immenso Parco del Papa di San Giovanni Rotondo (Fg) ha ospitato la XIII edizione del Gargano FilmFest 2021 non convenzionale, promosso dall'Associazione culturale Provo.Cult e dal Comune di San Giovanni Rotondo. Hanno collaborato il Cineteatro Palladino, i Presìdi del Libro, Apulia Film Commission e il Distretto Produttivo Puglia Creativa. Ben tre serate di elevato spessore culturale fra film, analisi critiche ed incontri d’autore, libri e cocktail di accoglienza, nell’egida spirituale di San Pio ed “un clima 'non convenzionale' – suggerisce l’Associazione - dopo un tempo che ha sicuramente modificato pensieri e linguaggi.” Piena soddisfazione viene espressa dai direttori artistici Orazio Martino e Laura Varano, nonché dalla Responsabile di Provo.Corto Maria Luisa Zarrelli; un commento particolare dal sindaco della città garganica, Michele Crisetti, sempre presente nelle serate: si ripromettono una prossima edizione ancora più attraente, che intende proiettare la Città del Santo in una dimensione nazionale. I presupposti ci sono tutti, alla luce del successo del pubblico decretato agli ospiti e ai cortometraggi presentati. La Giuria presieduta da Marco Torinello - direttore artistico del festival di cortometraggi “Corti in opera” di Lucera - è composta da Armando Lostaglio - critico cinematografico e fondatore nel ’94 del CineClub Vittorio De Sica -Cinit in Basilicata-, da Saverio Cappiello giovane regista pugliese, da Angelo Pio Ritrovato aiuto regista e da Antonio Colella in rappresentanza del Consiglio Comunale, già organizzatore del Filmfestival di Pietradefusi. Queste le motivazione dei Premi assegnati: il Primo è stato assegnato a “Le mosche” di Edgardo Pistone (che ha in ringraziato in un video) “per la poesia che alterna magnificamente la bellezza e la rudezza della periferia raccontati con uno stile registico coerente e originale. I giovanissimi protagonisti alle prese con una vitalità sconfitta da un malessere senza scampo fanno riflettere sulla noia e sulla marginalità urbana.” Menzione speciale al corto di animazione “Sogni al campo” di Magda Guidi e Mara Cerri "Un cortometraggio suggestivo e stratificato che, grazie alla forza delle immagini, all'atmosfera onirica e ai sorprendenti snodi narrativi, racconta con originalità la fine dell'infanzia, riflettendo sulla caducità del tempo e sulle criticità del passaggio all'età adulta". Il Premio del pubblico è andato a “Slow”, di Giovanni Boscolo e Daniele Nozzi, una commedia leggera sulla terza età adattato alla frenesia moderna, dove l'anziano (già,​ ma quando ha inizio tale condizione umana?) cerca spazi di riconoscenza o di riconoscibilità. Uno dei momenti toccanti delle serate di San Giovanni Rotondo è stato l’incontro – ben condotto da Laura Varano – con Benedetta Barzini, modella, giornalista e accademica un po’ controcorrente degli anni ’60, che si è raccontata mediante il film “La scomparsa di mia madre” di Beniamino Barrese (suo figlio). Altro momento di intensa partecipazione è scaturito dal concerto del cantautore Riccardo Sinigallia in trio, che ha regalato lampi poetici e di musicalità alquanto originali. Anche lo scrittore e blogger Antonio Schiena ha offerto spunti di scrittura creativa. Spazio all’anteprima di Selfiemania di Francesco Colangelo, affermato regista nonché docente, di origini pugliesi, con l’intervista curata da Maddalena Zoppoli la quale ha condotto con grazia le serate del festival. Incursioni non convenzionali dell’attore Luigi Ciavarella. Il cinema dunque, sosteneva il sociologo Edgar Morin, “ci dà informazioni sulle zone d'ombra delle nostre società, che nell'insieme costituiscono il nostro immaginare, il nostro sognare, la nostra affettività”. Il Gargano FilmFest si esprime su questo solco.






 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int