Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in primo Piano: A Potenza la rassegna "Faccio Storie" con quattro spettacoli dedicati alle famiglie

 

Nei giorni 1 e 2 settembre il Parco Miralles di Rione Cocuzzo sarà il palcoscenico per le nuove produzioni originali delle compagnie teatrali lucane di #reteteatro41 Famiglie, bambini e bambine tornano a teatro grazie a “Faccio Storie”, la rassegna itinerante di teatro per l’infanzia e la gioventù che porta in giro quattro spettacoli originali prodotti dalle compagnie teatrali lucane riunite nel network #reteteatro41. Dopo Matera, Satriano di Lucania e Rotondella, una nuova tappa è in programma a Potenza nel giorni 1 e 2 settembre. Nella cornice del Parco Miralles di Rione Cocuzzo, previsti due appuntamenti pomeridiani dedicati al pubblico di famiglie: mercoledì 1° settembre con “Bestiario materano” di IAC - Centro Arti Integrate e “Into the border _ #1 studio” di Compagnia Teatrale Petra e Basilicata 1799 - Città delle 100 Scale Festival; giovedì 2 settembre con “Stupori | 1° Studio” di Compagnia Teatrale L’Albero e Asd Oltredanza e “Il diario di Sofia” di Gommalacca Teatro. Con la seconda edizione di “Faccio Storie” #reteteatro41 ritrova il contatto con i bambini e le bambine della Basilicata. Lo fa grazie a spettacoli pensati per diverse fasce d’età, ma tutti utili ad un confronto prezioso: per i piccoli spettatori che scoprono il teatro e per gli artisti che conoscono meglio un pubblico speciale, che ha sempre voglia, come si usa dire in Basilicata, di “fare storie” e di ribellarsi al mondo degli adulti. Un’occasione per tornare a incontrarsi in piazze, parchi e giardini di diversi centri lucani, riprendendo i racconti da dove si erano fermati, in un momento nel tempo che appare a tutti come “tanto e tanto tempo fa”. “ Bestiario Materano” ( 1 settembre , ore 17.00) di IAC Centro Arti Integrate, regia e adattamento drammaturgico di Andrea Santantonio, con Nadia Casamassima, Andrea Santantonio e Barbara Scarciolla, musiche originali di Tommaso Di Marzio, musiche eseguite dal vivo da Tommaso Di Marzio e Joseph Geoffriau, con le illustrazioni di Giada Cipriani, è una curiosa raccolta di favole della tradizione popolare rivolte a bambini e bambine dai 6 anni, in cui gli animali protagonisti raccontano di una città di pietra e di un tempo lontano, in un’alternanza di italiano e misteriosi suoni di una lingua antica. “ Into the border _ #1 studio” ( 1 settembre , ore 18.00) della Compagnia Teatrale Petra, co-prodotto da Basilicata 1799 - Città delle 100 Scale Festival, ideazione e regia di Antonella Iallorenzi, coreografie e interpretazione di Mariagrazia Nacci, musiche originali di Mario Pepe e Marco Ielpo, scene di La luna al guinzaglio, light designer Angelo Piccinni, è uno spettacolo per bambini e bambine dai 6 anni, in cui una soffitta buia, polverosa e piena di oggetti può trasformarsi, con l’immaginazione di una bambina, in qualsiasi luogo del mondo, in un alternarsi di curiosità e paura. “ Stupori | 1° Studio” ( 2 settembre , ore 17.00) della Compagnia Teatrale L’Albero, co-prodotto da Asd Oltredanza, regia di Vania Cauzillo, coreografie di Rossella Iacovone, con la danzatrice Serena Di Lecce e la cantattrice Alessandra Maltempo, Davide Giove al flauto traverso, è un piccolo poema lirico per bambini e bambine da 0 a 3 anni, fatto di musica, voce e gesto, per raccontare ai piccoli lo stupore della scoperta del mondo, con un repertorio che spazia dalla musica antica alle arie più famose d’opera. “ Il diario di Sofia” ( 2 settembre , ore 1 8 .00) di Gommalacca Teatro, tratto da “La Nave degli Incanti” di Riccardo Spagnulo, sviluppo testi e interpretazione di Carlotta Vitale, consulenza creativa di Andrea Ciommiento, spazio scenico di Mimmo Conte, si rivolge a bambini e bambine dagli 8 anni attraverso le storie e i personaggi de “La Nave degli Incanti”, spettacolo a episodi che nel 2019 ha ​ attraversato la Basilicata a bordo di una nave: storie che si nascondono nelle memorie dei luoghi e delle persone, che risuonano nei quartieri e nei paesaggi dove lo spettacolo è ospitato. Per tutti gli spettacoli della rassegna è obbligatoria la prenotazione sul sito www.reteteatro41.it . Per informazioni sono disponibili il numero 392 7431124, attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13, e l’e-mail reteteatro41@gmail.com 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int