Passa ai contenuti principali

đź“° Segnalazioni in primo Piano: Multiplicity – Bari 2 settembre 20 dicembre

Lo spazio Archimake, luogo dove ripensare le forme del reale, della materia e della cittĂ , inaugura la mostra fotografica Multiplicity di Alessandro Cirillo, a cura di Tita Tummillo. 

Lo spazio Archimake in linea con la sua vocazione di essere un punto di riferimento per le arti visive e performative inaugura, domani 2 settembre, la sua programmazione per l’anno 2021-2022 con la mostra fotografica Multiplicity di Alessandro Cirillo, a cura di Tita Tummillo. Archimake, infatti, è un luogo di frontiera e di accoglienza che riunisce intorno agli architetti Francesco Marella e Sebastiano Canzano, fondatori del progetto, una squadra di esperti che condividono un approccio multidisciplinare in cui architettura, arte, design e comunicazione si fondono in un unico movimento sinergico. Ed è in questo spazio trasparente che s’interseca il lavoro tra la curatrice Tita Tummillo e il fotografo Alessandro Cirillo, un dialogo tra i due che integra il rapporto tra architettura, fotografia e teatro. La mostra, in programma fino al 20 dicembre, si struttura intorno all’incipit “Mi vedi? Cosa vedi?”, ponendo la cittĂ  e le sue forme come un punti di partenza di un’intuizione e di un viaggio alla ricerca di un senso, di una soluzione tra i conflitti, i contrasti e le mutazioni dei corpi e degli spazi senza mai arrivare a una certezza ma rilanciando nuove domande, desideri, dubbi. “Alessandro Cirillo è un fotografo radicale. La sua radicalitĂ , non a caso un sostantivo femminile, è data dal posizionare la propria arte in territori di confine, indeterminati, spesso notturni, dove notturno è qualitĂ  intrinseca dell’ignoto. – spiega la curatrice Tita Tummillo - Il suo rapporto carnale con le immagini, lo colloca in un discorso volto al nomadismo, al continuo rapimento verso spazi di ambiguitĂ  tra soggetto e oggetto, all’abitare, in un costante corpo a corpo, l’alteritĂ . Ogni sua opera pare essere figlia di un venire meno, di uno strappo. Multiplicity è un ulteriore e prezioso frammento di questa mappatura scomoda che il fotografo crea e distrugge continuamente, per non sostare nella conferma di sĂ©.” Il percorso della mostra si apre con una video installazione creata dal fotografo Alessandro Cirillo che introduce il visitatore in un viaggio percettivo all’interno delle forme e degli spazi indefiniti di una cittĂ . Un invito quello del fotografo a lasciarsi attraversare dai movimenti dei corpi invisibili che cercano una loro collocazione nel tempo indefinito di un luogo. Un attraversamento urbano che Alessandro Cirillo cristallizza nelle tredici fotografie che compongono la mostra, opere che provengono da tre progetti sviluppati dall’autore in diverse cittĂ  europee e che si riuniscono nel macro spazio di senso Multiplicity: CittĂ  come intersezione, Because the Night, CittĂ  duplicate. “La fotografia e la cittĂ  hanno da sempre un rapporto privilegiato; attraverso la sua possibilitĂ  di fare silenzio, la fotografia riesce a trovare una sorta di ordine – spiega Alessandro Cirillo – La cittĂ , a mio avviso, è lo spazio delle relazioni: ci sono i corpi e gli spazi. La cittĂ  può essere pensata anche come oggetti dentro uno spazio: la cittĂ  delle architetture, la cittĂ  solida. Questa secondo me è la cosa piĂą interessante, cioè la cittĂ  come grande potenzialitĂ  del vedere e in questo la fotografia trova una collocazione meravigliosa.” A chiudere il percorso della mostra sarĂ  un’installazione video ideata dalla curatrice Tita Tummillo che esplora attraverso un’intervista ritratto, le riflessioni e il mondo del fotografo Alessandro Cirillo. Le fotografie che compongono la mostra sono state scattate in digitale con formati che vanno da quello dello smartphone al full-frame 24x36. Le stampe sono realizzate a getto d’inchiostro su carta cotone e su carta a finitura baritata. Sono inoltre presenti stampe realizzate direttamente su supporto in alluminio e altre su materiale adesivo da applicare direttamente su vetro. 

Al seguente link è possibile approfondire il lavoro di Alessandro Cirillo . 

www.alessandrocirillo.com 

La mostra Multiplicity, realizzata da Archimake, s’inserisce all’interno della sezione Fuorifestival del Biarch – Bari International Archifestival, progetto vincitore del bando “Festival dell’Architettura” promosso dalla Direzione Generale CreativitĂ  Contemporanea del ministero della cultura. I visitatori del vernissage saranno accolti da un rinfresco curato dal bistrot Frulez.






 

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“· Galleria Fotografica: UNILABOR Rionero. Dante, La Natura e la Storia (14 Settembre 2021)

 

📷 Galleria Fotografica: Pro-Loco Filiano: presentazione del libro Cu la lénga rë lu còrë di Crescenzia Lucia (28 Agosto 2021)

 

đź“· Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)