Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in primo Piano: Multiplicity – Bari 2 settembre 20 dicembre

Lo spazio Archimake, luogo dove ripensare le forme del reale, della materia e della città, inaugura la mostra fotografica Multiplicity di Alessandro Cirillo, a cura di Tita Tummillo. 

Lo spazio Archimake in linea con la sua vocazione di essere un punto di riferimento per le arti visive e performative inaugura, domani 2 settembre, la sua programmazione per l’anno 2021-2022 con la mostra fotografica Multiplicity di Alessandro Cirillo, a cura di Tita Tummillo. Archimake, infatti, è un luogo di frontiera e di accoglienza che riunisce intorno agli architetti Francesco Marella e Sebastiano Canzano, fondatori del progetto, una squadra di esperti che condividono un approccio multidisciplinare in cui architettura, arte, design e comunicazione si fondono in un unico movimento sinergico. Ed è in questo spazio trasparente che s’interseca il lavoro tra la curatrice Tita Tummillo e il fotografo Alessandro Cirillo, un dialogo tra i due che integra il rapporto tra architettura, fotografia e teatro. La mostra, in programma fino al 20 dicembre, si struttura intorno all’incipit “Mi vedi? Cosa vedi?”, ponendo la città e le sue forme come un punti di partenza di un’intuizione e di un viaggio alla ricerca di un senso, di una soluzione tra i conflitti, i contrasti e le mutazioni dei corpi e degli spazi senza mai arrivare a una certezza ma rilanciando nuove domande, desideri, dubbi. “Alessandro Cirillo è un fotografo radicale. La sua radicalità, non a caso un sostantivo femminile, è data dal posizionare la propria arte in territori di confine, indeterminati, spesso notturni, dove notturno è qualità intrinseca dell’ignoto. – spiega la curatrice Tita Tummillo - Il suo rapporto carnale con le immagini, lo colloca in un discorso volto al nomadismo, al continuo rapimento verso spazi di ambiguità tra soggetto e oggetto, all’abitare, in un costante corpo a corpo, l’alterità. Ogni sua opera pare essere figlia di un venire meno, di uno strappo. Multiplicity è un ulteriore e prezioso frammento di questa mappatura scomoda che il fotografo crea e distrugge continuamente, per non sostare nella conferma di sé.” Il percorso della mostra si apre con una video installazione creata dal fotografo Alessandro Cirillo che introduce il visitatore in un viaggio percettivo all’interno delle forme e degli spazi indefiniti di una città. Un invito quello del fotografo a lasciarsi attraversare dai movimenti dei corpi invisibili che cercano una loro collocazione nel tempo indefinito di un luogo. Un attraversamento urbano che Alessandro Cirillo cristallizza nelle tredici fotografie che compongono la mostra, opere che provengono da tre progetti sviluppati dall’autore in diverse città europee e che si riuniscono nel macro spazio di senso Multiplicity: Città come intersezione, Because the Night, Città duplicate. “La fotografia e la città hanno da sempre un rapporto privilegiato; attraverso la sua possibilità di fare silenzio, la fotografia riesce a trovare una sorta di ordine – spiega Alessandro Cirillo – La città, a mio avviso, è lo spazio delle relazioni: ci sono i corpi e gli spazi. La città può essere pensata anche come oggetti dentro uno spazio: la città delle architetture, la città solida. Questa secondo me è la cosa più interessante, cioè la città come grande potenzialità del vedere e in questo la fotografia trova una collocazione meravigliosa.” A chiudere il percorso della mostra sarà un’installazione video ideata dalla curatrice Tita Tummillo che esplora attraverso un’intervista ritratto, le riflessioni e il mondo del fotografo Alessandro Cirillo. Le fotografie che compongono la mostra sono state scattate in digitale con formati che vanno da quello dello smartphone al full-frame 24x36. Le stampe sono realizzate a getto d’inchiostro su carta cotone e su carta a finitura baritata. Sono inoltre presenti stampe realizzate direttamente su supporto in alluminio e altre su materiale adesivo da applicare direttamente su vetro. 

Al seguente link è possibile approfondire il lavoro di Alessandro Cirillo . 

www.alessandrocirillo.com 

La mostra Multiplicity, realizzata da Archimake, s’inserisce all’interno della sezione Fuorifestival del Biarch – Bari International Archifestival, progetto vincitore del bando “Festival dell’Architettura” promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del ministero della cultura. I visitatori del vernissage saranno accolti da un rinfresco curato dal bistrot Frulez.






 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int