Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Piombino in musica A cura di Giulia Campinoti e Gordiano Lupi Collana Narrativa - Antologia di racconti

Una città nel cuore. Una canzone del cuore. Gordiano Lupi e Giulia Campinoti sono i direttori di un’orchestra che suona una stupenda sinfonia.
 
Racconti di Stefano Giannotti, Francesca Lenzi, Anna Porciani, Federico Regini, Patrice Avella, Emilio Guardavilla, Roberto Mosi, Fabio Izzo, Rita Gallarate, Francesca Ghezzani, Gordiano Lupi, Lucilla Lazzarini, Carla Magnani, Gabriella Gabbrini, Andrea Fanetti, Paolo Palmieri, Francesco Berti, Giulia Campinoti, Federico Botti, Miria Signori, Elsa Bagnoli, Raffaele Basile, Maria Gestri, David Manzi, Enrica Ficai Veltroni, Luca Carrara, Luca Pallini, Andrea Gozzi, Vincenzo Trama, Stefano Ferrini, Alessandro Adamo, Nada Quiriconi, Silvia Vancini, Marco Bracci, Patrizia Lessi, Chiara Pasquinelli, Alessio Lucignoli, Tiziano Ticciati, Beatrice Bargiacchi, Marco Miele, Cristina de Vita. Un racconto fotografico di Riccardo Marchionni.
 
Nuovo progetto per Il Foglio Letterario Edizioni, che si propone di unire due strumenti cultura così vicini tra loro, spesso messi in antitesi, ma compenetrati di un sentire comune: musica e parole. La palla l’ha lanciata Giulia Campinoti, proponendo l’idea a Gordiano Lupi che, schiacciando sottorete, ha accettato di trasformare il piano teorico in realtà fattiva. Piombino in Musica, antologia curata da un editore serioso e da un’autrice stravagante, è il nuovo titolo uscito dai laboriosi cantieri del Foglio Letterario. Nel calderone fatato, le personalità più disparate, oltre a varie forme espressive: racconti, poesie e canzoni, il tutto arricchito dagli scatti d’autore di Riccardo Marchionni, ladro di accattivanti fermo-immagine piombinesi. La melodia della genialità si ode fra le vie attempate, solletica la schiuma bianca schiantata sugli scogli di Piazza Bovio, si perde in ogni anfratto pubblico e segreto di Piombino, impregnando le mura della Città Vecchia di significati, coinvolgendo viandanti interdetti nel linguaggio sonoro, universale e al tempo stesso personale. Piombino in Musica, una colta novità pronta a riecheggiare coi battiti del vostro cuore. Quarantuno autori che scrivono racconti sulle note d’una canzone, un motivo del cuore, un’atmosfera importante e (per chi scrive) ricca di fascino. Quarantuno storie accomunate da sentimento e passione, stile sopraffino e voglia di raccontare una sognante realtà ambientata nella nostra Terra. Tutti i racconti si sviluppano sul palcoscenico di Piombino (o zone limitrofe) - come tradizione del Foglio Letterario -, ma la suggestione parte da una canzone, che resta sullo sfondo della storia, funge da leitmotiv, ricorda un episodio del passato, un’emozione perduta. Un progetto che vorrebbe coinvolgere la Piombino che scrive, che canta e che suona, in un solo afflato culturale. Perché fare cultura significa unire, non dividere.
 
PIOMBINO IN MUSICA SARA’ PRESENTATO IN ANTEPRIMA SABATO 10 e DOMENICA 11, in CORSO ITALIA, A PIOMBINO, DURANTE IL MERCATO ARTIGIANO EVOCANDO – POCHE COPIE DISPONIBILI (50) IN ATTESA DELLA DEFINITIVA USCITA IN LIBRERIA
 
Le Prefazioni
 
Piombino, magica origine
di Giulia Campinoti
 
Camminando, un giorno me ne accorgo: sollevo il capo, e vedo l’incanto attorno a me. La musica negli auricolari mi isola dalle chiacchiere popolari, eppure il profumo del salmastro s’insinua prepotente nelle narici facendomi viaggiare con la fantasia. Era inevitabile, calpestano i lastroni del Centro Storico a Marina, accettare l’invito a ammirare l’orizzonte. Poggio le braccia sopra alla balaustra in ferro battuto, e il mare mi chiama. Le barche ondeggiano qua e là: sono neonati cullati da amore materno; la vernice scrostata sullo scafo, parla di innumerevoli uscite solcando le vastità marittime. Il cielo è sconfinato, e i gabbiani vi spalancano le ali nivee con le piume increspate dalla brezza: l’alito soffia e loro, appesi nel niente, si lasciano condurre nell’infinito; sotto, le onde s’infrangono sopra alla scogliera del Porticciolo, e la schiuma biancheggia indomita. Occhi senili la rimirano rapiti perché, anche se gli anni sono trascorsi inesorabili, la bellezza del paesaggio è rimasta intatta. Fisso quello sguardo, temprato dal sole cocente della navigazione di una vita, mescolatosi sull’epidermide col reticolato rampante del tempo spirato. Capisco i sibili del suo cuore silenzioso e, togliendomi le cuffie, partecipo a quella calma. Chissà, quando tutto è cominciato. Piombino mi ha sussurrato all’orecchio di restare quando molti hanno deciso di fare i bagagli e io, in trance mentre ascolto tale richiesta, li vedo fuggire e mi pare incomprensibile. Se potessi correre a perdifiato nel futuro, sono sicura che sarei un’anziana catturata dalla suggestiva bellezza dei luoghi ai quali sono sempre appartenuta. È ora di tornare; indosso di nuovo le cuffie, e la melodia suona gli spartiti di un’inconfutabile convinzione.
 
Immaginate Piombino
INTRODUZIONE ATIPICA di Gordiano Lupi
 

Immaginate una terra senza altoforno,
se ci provate è facile,
niente mare avvelenato sotto di noi,
sopra di noi soltanto il cielo azzurro.
Immaginate una terra
intrisa di sogni e bellezza.
 
Immaginate una terra senza padroni,
non è difficile farlo,
niente per cui morire in fabbrica,
neppure religione e politica.
Immaginate una terra
dove si viva in pace
 
Forse sono un sognatore
ma non sono il solo.
Spero un giorno vi unirete a noi
e questa terra sarà florida
 
Immaginate tutto condiviso,
mi domando se sarà possibile
senza ambizioni di potere,
soltanto il nostro mare
soffuso di verde bellezza
 
Forse sono un sognatore
ma non sono il solo.
Spero un giorno vi unirete a noi
e questa terra sarà florida .
 
Liberamente adattata da Imagine di John Lennon
Dall'album: Imagine - EMI, 1971
 
Postilla tutta italiana, tratta da Anche se fosse peggio di Stefano Rosso
 
Ho visto cittadini matti, ladri autodidatti, assessori senza portafoglio mai
Ho visto la neve a Piombino, palme con la chioma, dischi con un giro in più
E cari amici adesso lo confesso, se potessi tutto rifarei
E non sarò un poeta ma anche se Piombino fosse peggio non la tradirei
 
Il video: https://www.youtube.com/watch?v=TUM4i_cPbuY

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int