Passa ai contenuti principali

📰 Il posto delle fragole di Mario Coviello: Recensione del romanzo di Gerald Durrell " L'isola degli animali"

In occasione dei suoi 75 anni la casa editrice Neri Pozza offre il suo ricco catalogo, fino al 13 novembre, con lo sconto del 20%. Se ho la possibilità di entrare in una libreria non riesco a resistere e la settimana scorsa a Potenza mi ha affascinato la copertina del romanzo “ L’isola degli animali” di Gerald Durrell. Ho preso in mano il libro, agile nel suo formato, e ho cominciato a leggere le note di introduzione che parlano del giovane Gerry, un ragazzo di dieci anni e della sua passione per gli animali e della sua isola Corfù. Qui cresce, immediatamente prima della seconda guerra mondiale, con la sua famiglia inglese fino alle midolla. Approfitto dello sconto e con solo 10 euro lo compro e appena posso inizio a leggerlo. Solo nel primo capitolo del libro siamo a Londra alle prese con sedute spiritiche perché Margo, la sorella di Gerry, vuole dimagrire e far scomparire l’acne dalla sua faccia rubiconda. Il resto del libro, 281 pagine di piacevolissima lettura, ci porta nell’isola greca di Corfù, tra i suoi ulivi, vigneti, spiagge dorate e soprattutto animali, tanti animali, piccoli e grandi, simpatici, attraenti, impegnativi. Sì perché Gerry, suscitando l’ira furibonda dei fratelli più grandi Leslie,patito per le armi da caccia, e Larry, fratello maggiore e futuro scrittore, portando in casa barbagianni,rospi, ricci,vermi, insetti, pesci...e li alleva con passione, fatica, dedizione.Gerry è un ragazzino che, coperto di polvere e sudore, trascinandosi appresso una piccola squadra di cani ed una gran quantità di barattoli, si aggira per le stradine sterrate, sotto il sole, scivolando sotto l’ombra acquosa degli ulivi, osserva e racconta con stupore tutte le meraviglie che la natura gli srotola davanti, stagione dopo stagione. In queste settimane nelle quali siamo chiamati ad occuparci della salvezza del nostro pianeta che si avvia verso la catastrofe se gli stati non si accorderanno per fermare l’inquinamento e tutti dobbiamo fare la nostra parte, leggere e far leggere ai più piccoli e ai ragazzi “ L’isola degli animali” può aiutarci a comprendere meglio il fascino e la bellezza della natura e degli animali che la popolano. A partire da Roger, il cane fedele compagno d’avventure di Gerry, per non parlare di Sally, l’asinella ardentemente desiderata, regalo meraviglioso per il suo compleanno, e del gufo Ulisse che tutte le sere torna a casa per cena. E poi calabroni, cavallucci marini,stelle di mare, conchiglie e sassi il cui canto si può ascoltare quando siamo immersi nell’acqua calda del mare di Corfù in un primo pomeriggio assolato. L’istruzione di Gerry sull’isola è curata da precettori non sempre all’altezza, ma il ragazzo ha la fortuna di conoscere il dottor Stephanides, un medico e scienziato che lo prende a cuore e lo guida ad un apprendimento più sistematico della zoologia. Durrell ci consente di entrare in punta di piedi nelle usanze corfiote, assistendo ad un matrimonio e a un parto. Sorridiamo con i tanti, piccoli equivoci che l’impaziente “fame di natura” di Gerry finiscono per suscitare, creando spesso attriti specialmente con il pungente Larry, fratello maggiore nonchè ​ letterato, con la bizzarra tendenza ad invitare alla villa gli ospiti più improbabili : capitani di lungo corso, amanti del vino e della musica, davanti allo sguardo paziente seppur esasperato della mamma. “Lo spirito con cui accostarsi a Durrell non è quello di una lettura che colpisca, o che sorprenda, o che smuova cose. E’ piuttosto l’atteggiamento di un viaggiatore lento, uno che voglia semplicemente essere trasportato, indugiare, osservare, annusare, assaporare. Un libro pieno zeppo di profumi, sapori, suoni, capace di strappare al presente il lettore che voglia lasciarsi andare, immergendolo in un mondo quieto, sonnolento, fatto di stagioni che si susseguono ciclicamente scandite dai ritmi di fioritura della natura. Un mondo di api che ronzano, di pioggia che scroscia rumorosa, di gufi che solcano l’aria imbronciati, trasportati da ali silenziose, di orribili e fameliche creature acquatiche osservate con stupore attraverso un vetro, di acquitrini affollati di vita e silenziosi uliveti addormentati nella calura pomeridiana.” 

Buona lettura e alla prossima. 


 

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra

📰 Appuntamenti in primo Piano: LA CANTATA DEL CAFFÈ (KAFFEEKANTATE) DI J.S. BACH CONCERTO ACCADEMIA DUCALE CENTRO STUDI MUSICALI

Domenica il 21 novembre alle ore 16.00 a Pietragalla, presso il Salone del Palazzo Ducale, l’Accademia Ducale centro studi musicali propone al pubblico quella che viene definita una delle testimonianze più vivaci della vocalità profana di J.S. Bach, animata da una vena comica e da una grande capacità di penetrazione psicologica: La cantata del caffè (Kaffeekantate). È la divertente storia di un padre brontolone e conservatore, Schlendrian, interpretata da Carmine Giordano (basso) e della sua figlia ribelle Liesgen, interpretata dal soprano Filomena Solimando, a cui vorrebbe impedire di bere il caffè, la “diabolica bevanda”. Al tenore, Yoosang Yoon, spetta il compito di introdurre la scena e fare da narratore. Nella versione proposta dall’Accademia Ducale ai cantanti, che si esprimono in lingua tedesca, sono affiancati degli attori che interpreteranno a loro volta i personaggi, per rendere ancor più fruibile e divertente la cantata: Nicole Millo (Liesgen), Antonio Rom