Passa ai contenuti principali

Contro-Video: Israele, gli ebrei ortodossi "Stato e religione sono una cosa sola"



Segue articolo: La peste nera del Pirellone


Degli ottanta consiglieri 14 sono sotto inchiesta. Nei guai anche il Governatore e cinque assessori

Filippo Penati (Pd), ex vicepresidente del Consiglio regionale e consigliere in carica, è indagato con l’accusa di corruzione e finanziamento illecito ai partiti, per il quale è stato richiesto il rinvio a giudizio


Sui manifesti post elettorali di Domenico Zambetti, primavera 2010, c’era scritto «In regione grazie a voi». «Praticamente, una confessione…» ironizzano via Twitter.

Farebbe ridere se non fosse uno tsunami, la fine dell’innocenza: l’accusa d’infiltrazione ‘ndranghetista (soldi in cambio di voti sporchi) ai piani più alti mai mossa ad un esponente politico lombardo, anche se dalla maxi inchiesta «Infinito» del luglio 2010, quella che svelò la cena lugubre al Centro Falcone e Borsellino di Paderno Dugnano in cui le ‘ndrine elessero Pasquale Zappia al vertice dei clan calabresi in Lombardia, si era capito già tutto. Non si finisce di scrivere una notizia che bisogna aggiornare l’elenco in questa Lombardia deturpata, dove il prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi sostiene che da queste parti «la mafia non esiste». «Altro che Baviera, ci stiamo meridionalizzando», ride amaro un consigliere di maggioranza al Pirellone.

Con l’arresto di Domenico Zambetti, assessore alla Casa (in precedenza all’Ambiente e all’Artigianato) di una giunta Formigoni arroccata nel fortino dell’impunità, e l’avviso di garanzia a Massimo Buscemi, salgono a 14 su 80 i consiglieri regionali finiti sotto inchiesta. Un elenco da far impallidire gli anni torvi di tangentopoli. In rigoroso ordine alfabetico troviamo l’assessore leghista al Territorio e all’urbanistica, Daniele Belotti; il collega di partito, ex presidente del consiglio regionale, Davide Boni; il «trota» Renzo Bossi, ormai ex consigliere, indagato nella vicenda dei rimborsi elettorali che ha travolto il clan di Gemonio; la new entry Massimo Buscemi (Pdl), il genero di Daccò, indagato (con i colleghi di partito Nicoli Cristiani e Ponzoni) per peculato e truffa aggravata.
La pattuglia pidiellina prosegue con Angelo Giammario, Romano La Russa, Franco Nicoli Cristiani e Nicole Minetti (filone Ruby e festini di Arcore). Poi c’è Filippo Penati, ex capo segreteria di Bersani (l’altro giorno i Pm hanno chiesto il suo rinvio a giudizio) e la vicenda inquietante di Massimo Ponzoni, ex assessore alla Protezione civile e all’Ambiente, ex coordinatore del Pdl Monza-Brianza, arrestato per il crac della società Pellicano. Già nelle carte dell’operazione Infinito veniva definito «capitale sociale» delle ndrine e Desio, la sua roccaforte elettorale, il trapianto «meglio riuscito» della criminalità calabrese al Nord. Fresco di sentenza è invece il pidiellino Gianluca Rinaldin, condannato in primo grado per truffa su rimborsi spese, filone appalti turistici sul lago di Como. Infine la padana Monica Rizzi, ex assessore allo Sport, accusata di dossieraggio pro Renzo Bossi.

A questo quadro si aggiungono Roberto Formigoni, a processo per aver diffamato i Radicali e indagato per corruzione, in concorso all’amico faccendiere Pierangelo Daccò, nello scandalo della clinica Maugeri, e ben 5 assessori del suo lungo regno al Pirellone (governa dal 1995) finiti in manette: oltre ai già citati Zambetti, Ponzoni e Nicoli Cristiani, Guido Bombarda (Formazione professionale) e Piergianni Prosperini (Turismo). Senza contare amici stretti del «Celeste», caduti nelle maglie della giustizia, come Marco Mazarino de Petro, il già citato Daccò, Antonio Simone o Alberto Perego, coinvolti nelle vicende Oil for Food, Maugeri o nel crac miliardario del San Raffaele.

Formigoni in questi mesi ha sempre minimizzato, smentito, circoscritto colpe e responsabilità. «Prosperini era assessore ma era sicuramente innocente, come Alberto Stasi», disse qualche mese fa in aula. «Nicoli Cristiani non era più assessore, come Ponzoni, e un motivo ci sarà stato…». La Minetti «me l’ha presentata don Verzè». «Boni è della Lega e poi non faceva più l’assessore…». E Zambetti, «è grave ma sono problemi suoi…». Al pari degli scandali sanitari «affari tra privati, non un euro di soldi pubblici è stato sprecato…».

In realtà dietro la maschera di eccellenza Lombarda, in filigrana ad arresti e inquisiti eccellenti, si misura l’usura di un potere quasi ventennale. Bonifiche, sanità, rifiuti, tangenti su appalti edilizi e turistici, crac immobiliari fino alle infiltrazioni mafiose: dalle inchieste ce n’è per tutti i gusti. Dalla «capitale morale» alla «peste lombarda».  (La Stampa, 12 Ottobre 2012)

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,