Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio

Addio a Vittorio Squillante, una vita per il cinema


Si è spento in questi giorni nella sua casa romana Vittorio Squillante, uno dei nomi che hanno esaltato e resa senza uguali la storia del cinema, non soltanto in Italia. Lo avevamo incontrato qualche mese fa, nel suo Studio romano che porta il suo nome, in un elegante palazzo dalle parti di San Pietro. Un ambiente colmo di ricordi, tanti i ritratti d’autore: campeggia una dedica personale di Frank Sinatra; è ripreso con Joe Pesci, con Robert De Niro, con un giovanissimo Massimo Ranieri (che fu una sua scoperta), con il premio Oscar Murray Abraham, con Sergio Leone e con Harvey Keitel; ed ancora con Angela Luce e Lina Sastri, Franco Nero e lo scomparso Giuliano Gemma. Tante le personalità del cinema che da decenni appassionano ed emozionano le platee di ogni luogo. Sono stati tutti suoi amici prima ancora che essere legati all’Agenzia che Vittorio da molti lustri dirige con suo figlio. E’ un uomo apparentemente timido Vittorio, napoletano dentro che ha portato negli Stati Uniti quello spirito che sa attraversare ogni formalismo, nella propria unicità. Vittorio Squillante ha legato la propria esistenza ai suoi grandi amori: il cinema e il calcio, secondo tradizione tutta partenopea.  

Ci aveva accolto con i versi di una sua poesia dedicata all’amico Massimo Troisi. E racconta in breve la sua brillante carriera, che fa di Vittorio una delle personalità più apprezzate non solo nel mondo del cinema, ma anche del teatro e della televisione.



Ma tutto nasce con la passione per il calcio, dottor Squillante?

“Quando avevo 15 anni andai a studiare a New York. Ma già a 14 anni giocavo a Napoli con la Folgore, con la quale fummo campioni della Campania, dopo aver vinto il campionato a Napoli. Trasferitomi in America, partecipai al campionato di serie A; nella squadra ebbi il piacere di avere come compagni Giovannini (ex giocatore della nazionale italiana), l’argentino Andrade e Viney, che aveva giocato col Napoli.”

E’ stato dunque il pallone a catalizzare anche in America gli interessi giovanili?

“Sicuramente. Quando compii 18 anni e ricevetti la cittadinanza americana, fui richiamato dall'esercito Statunitense. Dopo il periodo di addestramento nel New Jersey, fui trasferito in Germania e li  inserito nella famosa First Division dell'esercito Usa. Giocai con la squadra militare contro una selezione inglese, e sono stato notato da un dirigente dello Schweinfurt 05. Con questa squadra  partecipai al campionato tedesco di serie A: correva l'anno 1954.
Fui richiesto da alcune squadre italiane ma non fu possibile tesserarmi perché avevo perso la nazionalità italiana ed allora era vietato tesserare  più di uno straniero. Per cui, dopo due anni, lasciai la squadra tedesca e ritornai in America dove continuai a giocare ed a studiare fino a conseguire il diploma di laurea dell'American University.”

L’amore per il calcio, dunque, una appassionante “militanza” e poi l’abbandono a vantaggio del cinema. Come nasce il suo amore per il cinema e per la poesia: la napoletanità quale valore ha avuto?

In Italia feci ritorno con mia moglie ed i miei figli, lavorando per il governo USA, in qualità di direttore di Services Division alla base di Sigonella (Catania).
Il mio amore per il cinema nacque quando conobbi Vittorio Caprioli ed il grandissimo Giancarlo Giannini, che all'epoca giravano un film a Catania. Mi dimisi così dal mio impiego con il governo USA e mi trasferii con la mia famiglia a Roma, dove iniziai la mia attività di agente e procuratore.

Quali sono state le “scoperte” artistiche che ritiene importanti sia sotto l’aspetto umano che artistico?

Grazie a Giannini, stimato in tutto il mondo, mi associai con l'avvocato Jay Julien, che allora rappresentava in America e nel mondo Robert De Niro, Harvey Keitel, Christopher Walken, Joe Pesci, Martin Scorsese, Murray Abraham.
La lista dei miei associati si arricchì con la rappresentanza di grandissimi attori quali Giuliano Gemma, Lina Sastri, Angela Luce, Angela Molina, Isa Danieli, ed ancora Marco Leonardi, Bianca Guaccero.

Durante la mia attività nel mondo dello spettacolo ho avuto l'onore ed il piacere di conoscere Frank Sinatra, F. Murray Abraham, Sergio Bruni, Sergio Leone, Lina Wertmueller, e tanti grandi artisti con i quali si è instaurato un rapporto di grande amicizia.
C’è un nome che però deve a lei la sua “scoperta?

Fui il primo a scoprire il grande talento di Giovanni Calone, in arte Massimo Ranieri. Lo conobbi quando aveva solo 12 anni. Capii subito che sarebbe diventato il grande cantante ed attore che negli anni è diventato.
Dunque, dottor Squillante, la sua napoletanità l’ha intensamente vissuta nelle esperienze più platoniche della sua città.

 Il calcio, la poesia ed il cinema sono stati da sempre le passioni della mia vita.

La poesia mi ha sempre accompagnato: devo questo amore alla mia Napoli che mi ispira nel cuore e nella mente. Fu proprio Sergio Bruni a suggerirmi di pubblicare il libro di poesie "Oltre il sipario", edito da EditricErmes di Potenza diretta dal prof. Lucio Attorre, con la prefazione affettuosa di Giancarlo Giannini.
Un grazie particolare va dunque a Giancarlo  e a F. Murray Abraham, che considero miei cari fratelli.

Armando Lostaglio

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo