Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Cairano. RECUPERA / RIABITA, restart 2014!


Il 21 e 22 giugno, a Cairano (Av), nel lungo elenco degli eventi visionari di 7x, ci sarà “Recupera / Riabita”. Ripartiamo dalle risorse naturali per riabitare l’entroterra appenninico rurale, recuperare relazioni, paesaggi e architetture, ripopolare i piccoli paesi abbandonati, coltivare la terra incolta, salvare la bellezza dei piccoli borghi.
 
Ripartiamo dall'entusiasmo, dalla capacità di resistenza, di adattamento per sottolineare l'importanza dell'Appennino meridionale, invertire i programmi governativi di centralizzazione e inurbamento e valorizzare le nostre montagne, terra di eccellenze agroalimentari, bacini idrici da difendere, paesaggi da conservare, biodiversità da tutelare. Recupera e Riabita, nato nel 2012 dall’Abbazia del Goleto in Irpinia col "Cammino di Guglielmo", quest'anno, in sinergia con il Forum Ambientale dell'Appennino, giunge alla sua terza tappa dopo gli eventi del 17 maggio a Volturara Irpina sull'inquinamento in Piana del Dragone e a Castelvetere, il 31 maggio, sulla mappatura delle discariche nelle aree di ricarica delle sorgenti. L'evento, inserito nel programma di Cairano 7x, con il supporto di Dragone Group Entarteinment e il comune di Cairano vede la partecipazione della costituenda Fondazione 7x Terre felicitanti, Forum Ambientale dell’Appennino, Piccoli Paesi, L’Albero Vagabondo, Irpinia Turismo, Slow Food Alta Irpinia, Aria Nuova Ariano, Touring Club Campania. Sabato 21 giugno, nel solstizio d'estate, il giorno più lungo dell’anno, dalle 10 alle 19.00, nella Chiesa di San Leone, Visionary rural corner, nove ore no-stop di testimonianze per la salvezza del territorio appenninico e della salute alimentare con l'obiettivo di stabilire relazioni felicitanti e produttive tra i nuovi protagonisti della rinascita dell’appennino rurale. Si susseguiranno circa 50 interventi di 7 minuti ognuno, con esperti eccellenti e testimoni privilegiati invitati da Angelo Verderosa (Piccoli Paesi) che porteranno esperienze di autoproduzione alimentare, economia sostenibile, scenari alternativi, risorse naturali, paesi e paesaggi, nuova ruralità, cultura abitativa dell’appennino, recupero e architettura. Alle 11.00 il programma prosegue con la Festa del Colore dell'Albero Vagabondo che insieme ai bambini di Cairano aspetterà i più piccoli per installare sull’orto comunitario le loro opere d'arte, adottare un fiore e scrivere una favola per difendere l’Appennino. La giornata prevede momenti di emozioni visive intense con la proiezione dei video-clip ‘Recupera-riabita’ e ‘I mulini della salute’, il video-collegamento di Dario Bavaro e Luigi D'Angelis con Franco Dragone, le mostre "Il deserto abitato", di Antonio Bergamino, Claudia D’Angelis e Mariano di Cecilia e "Paesaggio Cairano", di Antonio Luongo. Dalle 13 alle 15 pranzo nell’orto comunitario con il grande chef Peppe Zullo. Il pomeriggio il corso fotografico "Come raccontare il paesaggio" di Antonio Bergamino e il laboratorio formativo de L'albero Vagabondo "Comunicare per difenderci", con Virginiano Spiniello ed Edaurd Natale, diretto ad associazioni e comitati civici, sugli strumenti di comunicazione di base per informare l’opinione pubblica e i media sulle criticità ambientali. Ad oltranza, nel giorno più lungo dell’anno, si proseguirà con l'accostamento tra arte e enogastronomia e, mentre i mercatini della salvezza alimentare di Slow Food Alta Irpinia apriranno i battenti nella chiesa di San Leone, il "Terzo eccetera" presenta lo spettacolo teatrale e musicale “Questa valle sacra” di Vincenzo Blues. Al termine la Scuola di Tarantella montemaranese continuerà lo spettacolo con una danza sfrenata nella notte più corta dell’anno. Il programma, consultabile sul blog Piccoli Paesi, proseguirà domenica mattina 22 giugno con ‘Esercizi di ammirazione nel paesaggio’ ed ‘Approfondimenti appenninici’, con la partecipazione al Corpus Domini e l’assegnazione del primo premio Recupera / Riabita ad un ‘nuovo abitante’ dell’Appennino meridionale. Paesaggio, Terra, Ambiente : ripartiamo dalle risorse delle aree interne per un modello di sviluppo compatibile fondato su turismo e agricoltura sostenibile. PROGRAMMA COMPLETO, aggiornato con i nomi dei partecipanti http://piccolipaesi.wordpress.com/2014/06/11/recupera-riabita-restart-2014/ INTERVENTI dei relatori 
(i primi pervenuti):

http://piccolipaesi.wordpress.com/category/cairano-7x/cairano-7x-2014/ 

FOTO utilizzabili http://piccolipaesi.wordpress.com/2014/06/11/cairano-fiorito-le-foto/ https://www.flickr.com/photos/verderosa/collections/72157620909752974/ 

FOTO del borgo, con riportati gli autori https://www.flickr.com/photos/verderosa/sets/72157619348604589/

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo