Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: CONVEGNO VEGANO A CANCELLARA





CONVEGNO VEGANO A CANCELLARA

Si terrà domenica 29 giugno, a Cancellara, nella sala Conferenze San Francesco di Assisi, a partire dalle ore 11,00, il convegno “Alimentazione e salute” promosso da AssoVegan, Associazione Vegani italiani, con il patrocinio del Comune di Cancellara, media partner La Nuova Del Sud e la Nuova TV.
L’iniziativa, organizzata da Cesare Ferzi, documentarista e vegano da oltre tre decenni, ha il fine di illustrare i benefici e le peculiarità di questo stile di vita che si sta diffondendo in modo sempre più rilevante.
Il programma prevede l’intervento del dottor Vasco Merciadri, membro del Comitato Scientifico Nazionale Assovegan, preceduto dai saluti di Antonio Lo Re, sindaco di Cancellara e dall’introduzione di Cesare Ferzi. Alle ore 13,15, nella sala della Casa Comunale di Piazza Umberto I, pranzo vegano, preparato dal cuoco Ezio Basile a base di prodotti locali, al prezzo di: paga quanto vuoi!
Una piacevole singolarità è rappresentata dalla location del convegno: Cancellara, un paese lucano famoso per i suoi salumi. La disponibilità del primo cittadino, Antonio Lo Re, manifesta una grande apertura alla conoscenza e diffusione di questo tipo di alimentazione salutare che sta prendendo piede in tutto il mondo sempre più largamente.
“L’Associazione Vegani Italiani Onlus - ricorda in una nota Renata Balducci, presidente del sodalizio – nasce dalla volontà di diffondere una cultura di rispetto per la vita di ogni essere vivente e senziente e di dare un concreto contributo alla diffusione della scelta vegan, in modo eticamente e scientificamente competente.
Per far questo l'Associazione ha istituito un Comitato Etico e un Comitato Scientifico composto da giornalisti, filosofi, medici, nutrizionisti, ricercatori.
Grazie alla sua rete di volontari, propone campagne di sensibilizzazione e organizza conferenze ed eventi per accrescere la consapevolezza su tematiche sempre più attuali quali la salute, l'inquinamento, i diritti animali, l'alimentazione e l'ambiente.
Inoltre, attraverso il progetto VeganLab, propone corsi di cucina in tutta Italia proprio per far sì che le basi di una sana alimentazione siano sempre più alla portata di tutti”.
Questo stile di vita ha conquistato molte persone anche nel mondo dello spettacolo, sono soci onorari di AssoVegan giornalisti, attori, filosofi, cantanti, fra cui anche Red Canzian, bassista, cantante e compositore, già membro del gruppo musicale i Pooh, grande amante della natura e degli animali. Vegano dal 2009 per motivi etici. Nel 2011 gli è stato assegnato il “VeganOK Award” per il suo impegno nella diffusione della scelta etica vegan.

Dott. Vasco Merciadri
Dott. Vasco Merciadri, laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Pisa nel 1977, specializzato in Igiene e Medicina Preventiva, esperto in omeopatia, medicina naturale e iridologa. Da molti anni tiene in Italia e all’estero incontri su medicina naturale, yoga e alimentazione.

Ezio Basile
La sua passione per la cucina è nata all'età di nove anni. Oltre a cucinare, quello che più lo appassionava era l’assaporare, il gustare, il ricordare i sapori.
Da giovanissimo ha cominciato a lavorare con la madre in un agriturismo della murgia altamurana. Da lei ha appreso le basi della vera cucina e a preparare sempre tutto con il cuore.
Ha lavorato in Tunisia, in Inghilterra e nelle Canarie.
Ritornando in Italia ha ripreso gli studi lasciati in sospeso e si è dedicato alla cucina vegana. Una cucina che consente di vivere sani e in armonia con l'intero universo.
Appagato da questa scelta, esprime la sua Arte nel pieno rispetto della natura.

Cesare Ferzi
Documentarista, produttore video, fotografo, direttore della fotografia di numerosi film a livello nazionale, per il cinema e per la Rai, con formazione presso l’Istituto Superiore di cinematografia di Roma, si può definire un viaggiatore del mondo: nato a Roma, ha vissuto a Venezia, in Danimarca, Australia e India e ha visitato numerosi altri paesi del globo.
I suoi lavori riguardano diverse tematiche: agricoltura, sociologia, viaggi, tempo libero, teatro, arte, geografia, avvenimenti, archeologia, fede e tradizioni.
Da otto anni ha scelto di vivere in Basilicata, a Cancellara, per allontanarsi dalla concitazione che caratterizza le grandi città e per essere a contatto con un territorio ancora naturale e incontaminato.

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo