Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: FIAT 500 E AUTO STORICHE A MONTICCHIO E ATELLA PER IL 21° MEETING DEL VULTURE TRA NATURA, SAPORI, MOTORI



Un ricco weekend organizzato dagli Amici di Monticchio



La splendida ed incontaminata natura di Monticchio si appresta ad ospitare il 21esimo Meeting del Vulture organizzato al solito, al meglio, dall’Associazione Amici di Monticchio, e con esso anche il 4° Raduno di Auto d’Epoca, per un fantastico binomio tra le mitiche Fiat 500 e le altre “vecchie signore” della strada. 




“Un appuntamento che ci permette di offrire ai partecipanti, nonostante non disponiamo di grosse cifre, un variegato programma, distribuito su due giorni, sabato 28 e domenica 29, con natura, sapori, motori, tour, passione per le auto gloriose che portano in giro con orgoglio i loro anni – ha detto Gianni Torregiani, che organizza l’evento con Enzo Verrastro e G. Pellegrino, il fiduciario regionale del Fiat 500 Club Italia – ma anche il far conoscere sempre più la nostra realtà di Monticchio e dell’intero Vulture, che ha tanto da offrire a chi qui arriva in carovane colorate e festose come quelle delle auto storiche e della mitica Fiat 500, la vera regina delle piccole storiche”. Il verde, le passeggiate nei boschi, il profilo della Badia di S. Michele Arcangelo che si specchia nel Lago Piccolo, il sapore dei prodotti tipici, insieme alla scoperta, anno dopo anno di uno dei centri del Vulture, formano una attrattiva davvero incredibile su coloro che amano la 500 o la propria auto storica e sono pronti a raggiungere la splendida Monticchio per questo annuale appuntamento con qualcosa che ormai è diventato un cult per tantissimi. “Sono 21 anni col mondo degli amanti delle Fiat 500 – hanno detto ancora gli organizzatori – ma anche si è al 4° anno con altre auto storiche, che ci permettono di spostarci sulla zona per far conoscere altri centri del Vulture, come Rionero, o Melfi lo scorso anno, sempre con una settantina di vetture a partecipare al nostro happening con la storia su quattro ruote. Quest’anno abbiamo scelto Atella e la sua storia – hanno aggiunto – e li si recheranno la carovana dei partecipanti e tutta l’organizzazione nella mattinata di domenica, prima di concludere il nostro meeting col pranzo presso l’Hotel “Villa Maria” di Monticchio Bagni”. Ma quest’anno vogliono dedicare l’evento ad un caro e appassionato amico di Monticchio e del mondo delle 500, come Giovanni Della Rossa, “che torni presto tra noi dopo problemi di salute e con la sua vettura a partecipare nonostante la sua assenza” hanno sottolineato. A concretizzare il tutto quindi l’impegno dell’Associazione Amici di Monticchio, in collaborazione con la Pro Loco di Vitalba, l’Unicef e per la parte auto partecipazione del Fiat Club Italia di Potenza ed il Circolo Auto Storiche Oraziane di Venosa, iscrizioni in Piazza Lanari a Monticchio Bagni dalle 14 di sabato e consegna ad ogni vettura partecipante di cartello con logo e numero e sacca contenente prodotti tipici locali. Il resto del programma prevede un tour tra le frazioni e la visita all’Azienda Agricola Ofanto, prima di uno spettacolo serale, con grigliata e la divertente elezione di Miss 500. Alle 10 della domenica carovana in partenza per Atella, sosta in Piazza Matteotti, illustrazione della storia della cittadina ed aperitivo per tutti, poi ritorno per pranzo a Monticchio e saluti finale, prima di rientrare a casa, il tutto per due giorni in cui auto e natura confermeranno di poter viver insieme!!

                                                                                              L’Ufficio Stampa


Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo