Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Melfi. Incontro con l’autrice Adriana Valerio, storica-teologa del libro “Le ribelli di Dio – Donne e Bibbia tra mito e storia”



DONNE

Eva, Sara, Rebecca, Rachele, Lia, Rut, Noemi, Ester, Giuditta, Marta, Maria, la Maddalena, la Samaritana… Nell’Antico e nel Nuovo Testamento non compaiono solo figure maschili ma anche tante donne. Fondatrici di stirpi, profetesse, sono donne qualunque che si trovano a svolgere un ruolo cruciale, memorabile nella storia delle loro comunità e della religione. Sono donne che hanno la forza di essere protagoniste del loro destino.



Osano sfidare Dio, come Eva, che trasgredisce l’ordine divino e si assume le responsabilità di una vita autonoma; osano opporsi all’autorità maschile, come Miriam che rivendica il proprio ruolo di profetessa con Mosè, o come Giuditta che uccide il nemico Oloferne; antepongono principi superiori alle leggi umane, come le levatrici che salvano Mosè andando contro i voleri del Faraone, o come Ester aiuta il suo popolo sfidando l’impero persiano; osano piegare le leggi maschili a favore delle donne, come fanno Tamar e Rut.

Compiono scelte ardite ma sono ugualmente difese e accolte da Dio. E poi ci sono le donne che hanno interpretato i racconti biblici, teologhe che hanno letto e rielaborato i testi sacri. La presunta inferiorità femminile ricavata dall’interpretazione di certi passi della Bibbia è servita soprattutto a legittimare discriminazione e subalternità della donna, ma non è scontato che questo sia l’autentico e unico senso. Adriana Valerio, tramite una lettura di genere di alcune figure femminili della Bibbia, dimostra infatti che la si può leggere liberandola dalle categorie patriarcali e riconsegnando alle donne la dignità e il messaggio salvifico rivolto anche a loro dalla fede cristiana.





Venerdì 27 Giugno, ore 18.00

Sala incontro Albergo Il Tetto, Piazza IV Novembre, Melfi

Incontro con l’autrice Adriana Valerio, storica-teologa del libro

 “Le ribelli di Dio – Donne e Bibbia tra mito e storia”


Iniziativa promossa da: dottrinasociale.it


Adriana Valerio, storica e teologa, è docente di Storia del Cristianesimo e delle Chiese presso l'Università Federico II di Napoli.

E' stata presidente dell'Associazione Femminile europea per la ricerca teologica e della Fondazione Valerio per la storia delle Donne.

Tra le fondatrici del  Coordinamento Teologhe Italiane è attualmente direttrice della  collana internazionale la Bibbia e le donne.

Da più di vent'anni si occupa della ricostruzione della presenza delle donne nella storia  cristiana


Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo